Inversione del guadagno di peso antidepressivo

Gli antidepressivi sono stati associati con l'aumento di peso da quando sono stati utilizzati per la prima volta circa 50 anni fa. Gli antidepressivi triciclici (TCA) hanno alleviato la depressione ma hanno lasciato i pazienti considerevolmente più pesanti come conseguenza del trattamento. Uno in particolare, l'amitriptilina, era associato a voglie di zuccheri incontrollabili. Quando furono introdotti i bloccanti selettivi della serotonina (SSRI) come nuova generazione di antidepressivi, si sperava che l'aumento di peso non sarebbe stato un problema. Sfortunatamente questa aspettativa non è stata realizzata. Il clinico era ottimista riguardo al Prozac, il primo degli SSRI, poiché i pazienti avevano perso peso durante i primi mesi di trattamento. Prozac è stato considerato non solo un efficace regolatore dell'umore, ma anche un potenziale farmaco per la perdita di peso. È stato testato in uno studio nazionale e sebbene la perdita di peso si sia verificata all'inizio dello studio, l'aumento di peso è seguito. Alla fine dello studio, i pazienti trattati con il farmaco hanno avuto lo stesso peso che avevano prima di iniziare il programma.

Il potenziale per causare aumento di peso non è limitato a Prozac; a questo punto non esiste un antidepressivo efficace che non abbia il potenziale per causare un aumento di peso. Inoltre, i farmaci usati per trattare il disturbo bipolare e la schizofrenia possono lasciare al paziente più di 10 o più chili indesiderati.

Non c'è ancora alcuna spiegazione su come i farmaci interferiscano con l'appetito e la regolazione del peso. Alcuni studi su animali incentrati su farmaci come Zyprexa che causano un sostanziale aumento di peso suggeriscono che il farmaco interferisce con altre sostanze chimiche del cervello come l'istamina o un sottogruppo di cellule contenenti serotonina, promuovendo in tal modo la fame. Ma finora nessuno capisce come farmaci come Zoloft, Paxil, Lexapro o Prozac siano in grado di limitare o impedire il controllo sull'assunzione di cibo.

Diversi anni fa, mi è stato chiesto di istituire e gestire un centro di gestione del peso al McLean Hospital, una struttura psichiatrica associata alla Harvard Medical School. I nostri clienti provenivano dalle comunità circostanti, ma ciò che molti avevano in comune era l'aumento di peso durante il trattamento con farmaci psicotropi; alcuni hanno preso due o tre farmaci. Ciò che colpisce del loro problema è che quasi tutti erano stati magri prima di iniziare i loro farmaci. Prima di ammalarsi, questi uomini e queste donne non hanno mai avuto problemi emotivi con il cibo. Mangiarono in modo sano, non erano mai stati a dieta e tendevano a fare esercizio fisico. Tutti furono sorpresi dal cambiamento delle loro abitudini alimentari e, naturalmente, nei loro corpi. L'aumento di peso varia tra 15 e 40 sterline per quelli con antidepressivi e tra 75 e 125 sterline per quelli su stabilizzatori dell'umore e antipsicotici atipici. Quello che avevano tutti in comune era l'incapacità di spegnere il loro bisogno di mangiare, indipendentemente da quanto cibo consumassero.

Da allora, come ora, nessuno sapeva davvero come affrontare questo tipo di aumento di peso abbiamo deciso di provare un approccio che aveva funzionato con i tipici clienti obesi. Sapevamo dalle nostre ricerche e precedenti esperienze cliniche che aumentare la sintesi di serotonina aumentava la sazietà. Gli SSRI che teoricamente avrebbero dovuto attivare questa funzione serotoninergica stava facendo esattamente l'opposto, cioè provocando la sensazione che i pazienti sentissero un bisogno cronico di mangiare.

Tutti i carboidrati ad eccezione del fruttosio (zucchero della frutta) porteranno ad un aumento della sintesi di serotonina se il carboidrato viene consumato senza proteine. Il processo prevede l'assorbimento nel cervello dell'aminoacido triptofano, il precursore della serotonina. Il rilascio di insulina dopo la digestione dei carboidrati rimuove dalla circolazione altri aminoacidi che competono con il triptofano per l'assorbimento del cervello. Il triptofano penetra facilmente nel cervello e si trasforma rapidamente in serotonina. Il consumo di proteine, anche se consumato insieme ai carboidrati, inonda la circolazione con questi amminoacidi della concorrenza e il triptofano, l'amminoacido più scarso nelle proteine, non entra nel cervello.

Quindi la dieta che abbiamo sviluppato per aumentare la sintesi di serotonina consisteva nel consumo programmato di carboidrati facilmente digeribili durante il giorno e la sera. Ai clienti è stata somministrata una bevanda contenente carboidrati precedentemente sviluppata in uno studio di ricerca del MIT per bere in tarda mattinata, nel tardo pomeriggio e, se necessario, circa due ore prima di andare a dormire. La bevanda conteneva una miscela di carboidrati digeriti velocemente e lentamente e senza grassi o proteine. Ai clienti è stato inoltre fornito un elenco di snack a base di carboidrati che potrebbero sostituire la bevanda. Inoltre, abbiamo dato ai clienti un piano alimentare a basso contenuto calorico ricco di nutrienti da seguire. Sono stati anche incoraggiati a riprendere l'esercizio che alcuni di loro avevano abbandonato dopo aver ingrassato.

Gli effetti sazianti della maggiore sintesi di serotonina sono stati avvertiti entro un'ora circa dal consumo della bevanda di carboidrati. I nostri clienti ci hanno detto che il fastidioso bisogno di mangiare è andato via. Non hanno avuto problemi a seguire il piano alimentare a calorie ridotte perché non avevano fame. E hanno perso peso, nonostante continuassero i farmaci che avevano causato il loro aumento di peso.

Questo approccio per invertire l'aumento di peso antidepressivo, ora dettagliato in The Serotonin Power Diet, è semplice ed efficace. Per la massima efficacia, dovrebbe essere messo in atto all'inizio del trattamento in modo da prevenire l'aumento di peso. Tuttavia, poiché il consumo di carboidrati è una parte così importante del piano, coloro i cui farmaci hanno causato lo sviluppo di diabete associato all'obesità non possono usarlo senza la supervisione di un dietologo.

Un vantaggio interessante di questo approccio alla perdita di peso è che molti dei nostri clienti hanno riferito semplicemente di sentirsi meglio. Ci hanno detto che si sentivano più tranquilli, meno ansiosi, hanno dormito meglio ed erano più rilassati. Il contrario è stato segnalato anche da alcuni dei nostri clienti a cui era stato detto di evitare di mangiare carboidrati dai loro medici per perdere peso. Molti hanno riferito un peggioramento del loro umore e uno ci ha detto che pensava al suicidio dopo essere stata rimossa dai carboidrati.

Si spera che presto ci sarà una nuova classe di farmaci per regolare i disturbi dell'umore senza causare l'angoscia di aumento di peso. Ma nel frattempo, la migliore soluzione a questo aumento di peso è approfittare della capacità della serotonina di spegnere l'appetito semplicemente mangiando quantità terapeutiche di carboidrati.

© 2010 Judith J. Wurtman, PhD, coautrice di The Serotonin Power Diet: Eat Carbs – Soppressore dell'appetito della natura – per smettere di mangiare troppo ed evitare l'aumento di peso associato agli antidepressivi

Solutions Collecting From Web of "Inversione del guadagno di peso antidepressivo"