Invecchiamento creativo

Per alcuni decenni, il concetto di invecchiamento creativo è stato sulla stessa traiettoria verso l'alto come l'ingrigimento dell'America. L'invecchiamento creativo è "la pratica di coinvolgere gli anziani (55+) in programmi artistici partecipativi e gestiti professionalmente, con particolare attenzione all'impegno sociale e alla padronanza delle competenze", secondo l'organizzazione non profit Lifetime Arts, chiarendo che "non si tratta di fare collane di macaroni. "Con milioni di baby boomer che entrano nel loro terzo atto di vita, l'invecchiamento creativo è cresciuto fino a diventare un movimento completo progettato per offrire opportunità di espressione creativa significativa attraverso laboratori visivi, letterari e di arti dello spettacolo. Ad un livello più ampio, l'invecchiamento creativo riguarda le possibilità, aggiunge Pat Spadafora del Sheridan Center for Elder Research e "liberandoci dalle convinzioni limitanti sull'invecchiamento e abbracciando la realtà che gli individui continuano a crescere, imparare e contribuire alle loro comunità in tutto il viaggio di vita. "

Con un approccio così positivo alla realtà che invecchiamo tutti, non sorprende che l'invecchiamento creativo sia diventato una forza importante da non sottovalutare. Attraverso la sua ricerca, la politica pubblica, lo sviluppo professionale e la formazione di centinaia di programmi artistici, il Centro nazionale per l'invecchiamento creativo (NCCA) è senza dubbio il più grande paladino del movimento. I programmi artistici sono essenziali per aiutare gli anziani a rimanere membri dinamici della società e una parte importante delle loro comunità, l'NCCA suggerisce ragionevolmente. La programmazione artistica basata sulla comunità fornisce anche alle generazioni più giovani modelli di comportamento positivi che incoraggiano un forte senso di significato e scopo, l'NCCA ha trovato nella sua ricerca, il che significa che l'invecchiamento creativo è una buona cosa per tutti a livello locale e nazionale.

L'invecchiamento creativo ha anche molto a che fare con la salute. Il benessere può essere raggiunto in molti modi, compreso l'uso della creatività per lavorare la mente e il corpo. Gli studi dimostrano che per gli over 65 le persone coinvolte in programmi artistici settimanali hanno meno visite mediche e assumono meno farmaci rispetto a quelli senza sbocchi creativi. "C'è una crescente quantità di prove che indicano che i programmi creativi per gli anziani migliorano la salute e il benessere degli anziani, oltre a favorire la connettività sociale", ha detto Marc Agronin, Ph.D., psichiatra adulto e geriatrico per la salute ebraica di Miami Systems (MJHS), la più grande istituzione di assistenza a lungo termine della Florida. La ricerca mostra che l'attività mentale stimolata dalle attività artistiche può essere particolarmente utile per le persone affette da demenza e il morbo di Alzheimer. Inoltre, l'arte ha dimostrato di favorire le connessioni tra quelli con Alzheimer e la demenza e i loro caregivers, siano essi familiari o professionisti. I casi di disabilità cognitive aumentano con l'età, così come la popolazione vive più a lungo, più persone, ovviamente, saranno diagnosticate. È quindi difficile sopravvalutare il potenziale impatto del portare programmi artistici a persone con disabilità cognitive ora e soprattutto in futuro.

Il numero e la gamma di programmi di invecchiamento creativo negli Stati Uniti è davvero notevole, in parte a causa dei generosi finanziamenti della Fondazione MetLife. (Vai a www.creativeaging.org/programs per l'elenco completo.) Le attività intergenerazionali si svolgono nelle comunità urbane, suburbane e rurali in una varietà di contesti come centri comunitari, centri per anziani, vita assistita, asili nido per adulti, istituti di arte e biblioteche.

Alla Creative Aging di Cincinnati, ad esempio, le lezioni comprendono danza classica e movimento creativo, yoga da sedia, batteria di gruppo ricreativo, dulcimer e line dancing, oltre a programmi artistici incentrati sulla storia, la cultura e le arti visive. La Potomac Arts Academy di Fairfax, in Virginia, nel frattempo, offre una lezione di pianoforte per 55 + ers che sono nuovi a suonare lo strumento. Il corso di 10 settimane si riunisce per un'ora ogni settimana e le famiglie sono invitate a partecipare alla lezione finale per ascoltare un'esibizione informale. E ad Arts & Minds presso la New York Historical Society e lo Studio Museum di Harlem, ad esempio, gli anziani che vivono con disturbi della memoria e i loro caregiver si riuniscono per condividere nuove esperienze artistiche. Una serie di esperienze artistiche appositamente progettate sono offerte in aggiunta ai workshop per badanti e alla formazione degli educatori. Le conversazioni di gallerie interattive sull'arte storica e contemporanea sono seguite da laboratori artistici, con tutti i programmi guidati da artisti professionisti o educatori di musei. Tali programmi possono sembrare geek, ma è importante tenere a mente che l'ondata dominante di boomers è già sui 70 e, inutile dirlo, non sta diventando più giovane.

L'albero NCCA si dirama in altre iniziative orientate alla creatività mirate ai 55 + ers. Con il suo progetto Beautiful Minds, co-sponsorizzato da DSM Nutritional Products, ad esempio, gli artisti creativi sono invitati a partecipare a una mostra di saggi fotografici nazionale che mette in mostra individui che stanno facendo "cose ​​belle" con le loro menti senza lasciare che l'età sia una barriera. Il saggio fotografico mostra viaggi in diverse città come parte di questa campagna educativa per ispirare gli americani a mantenere la loro salute del cervello attraverso attività artistiche. Beautiful Minds è dedicato a migliorare la salute del cervello in tutte le fasi della vita fornendo ricerca, istruzione e storie stimolanti, una cosa bella in sé.

Solutions Collecting From Web of "Invecchiamento creativo"