Intrufolandosi con Hebephilia in DSM 5

Il Dr. Ray Blanchard, del gruppo di lavoro sui disordini sessuali del DSM 5, ha scritto un blog ingannevole che ritrae l'introduzione di "Hebephilia" in DSM 5 come non più di una piccola modifica. Nel suo rendering, il DSM IV consente già la diagnosi di pedofilia se le vittime hanno 13 anni o meno e il DSM 5 non fa che aumentare la soglia di età a 14. Nessun problema.

http://sajrt.blogspot.com/2012/01/guest-blog-by-dsm-5-paraphilias.html

Questo è ancora un altro passo in una campagna furtiva per riconfezionare progressivamente 'Hebephilia' in modo così discreto da poter volare in qualche modo sotto il radar e intrufolarsi nel DSM 5. Originariamente, 'Hebephilia' è stato offerto come una diagnosi indipendente, ma questo è stato criticato dalla stragrande maggioranza di esperti (sia forensi che di disordini sessuali) che dovette essere abbandonato. Poi il gruppo di lavoro del DSM 5 cercò di seppellire il nome (ma non il concetto) di 'Hebephilia' facendolo scivolare all'interno di un omnibus 'Pedohebephila'-ma questo non ingannò nessuno e le critiche continuarono senza sosta.

Nel gruppo di lavoro più recente tentativo, la parola "Hebephilia" scompare del tutto come titolo di una diagnosi, ma il concetto è ammantato come un qualificatore all'interno di una radicale e irriconoscibilmente ampia ridefinizione del DSM 5 "Pedofilia". Non ha senso collocare 'Hebephilia' come specificatore sotto la diagnosi di Pedofilia – ancora un altro modo furbo per calzare il sandalo in DSM 5, ma non si adatta.

Il termine Pedofilia è sempre stato riservato esclusivamente all'attrazione preferenziale per i bambini in età prepuberale ed è ridicolo suggerire il contrario. Per quanto intelligente sia mascherato, "Hebephilia" è un tacchino che semplicemente non volerà.

Lo stratagemma del dott. Blanchard si basa su un fondamentale fraintendimento della definizione del DSM IV di "pedofilia". Il criterio "A" recita: "Nel corso di un periodo di almeno sei mesi, ricorrenti, intense, eccitanti fantasie sessuali, impulsi sessuali o comportamenti che coinvolgono l'attività sessuale con un bambino o bambini in età prepuberale (generalmente minori di 13 anni o più giovani)."

Il lettore dovrebbe notare (come non ha il dott. Blanchard) che le parole "(generalmente meno di 13 anni o più giovani)" compaiono tra parentesi e sono chiaramente destinate a essere meramente illustrative, non definitive. La caratteristica distintiva della pedofilia è l'interesse preferenziale e intenso per i bambini PREPUBESCENT, non l'età specifica del bambino. Il parentetico "(generalmente sotto i 13 anni o più giovane)" indicava solo che la maggior parte dei ragazzi sopra i tredici anni avrebbe raggiunto la pubertà e non avrebbe dovuto essere presa in considerazione. Il problema dominante è sempre la presenza o l'assenza della pubertà, non l'età.

Quando questo criterio è stato scritto più di 20 anni fa, la pubertà si è verificata molto più tardi di quanto non faccia ora e l'età 13 sembrava un limite suggerito superiore appropriato, fornito solo a scopo illustrativo. Nell'intervallo, l'età media di esordio è diminuita in modo sostanziale che l'età 13 è diventata priva di significato. Questo ampio calo dell'età di esordio non ha in alcun modo influenzato l'attuale diagnosi di "pedofilia" proprio perché è sempre stata la presenza o l'assenza della pubertà a contare, non l'età della vittima. Se l'età illustrativa viene mantenuta del tutto in DSM 5, dovrebbe essere abbassata per riflettere l'attuale inizio della pubertà, non sollevata verso l'alto in un futile tentativo di intrufolarsi in "Hebephilia".

Il dott. Blanchard sbaglia in due modi quando afferma che è solo un piccolo cambiamento ad aumentare il requisito di età per le vittime di "pedofilia" dall'età di 13 anni fino ai 14 anni. In primo luogo, non è mai stato (e non dovrebbe essere) un requisito di età. In secondo luogo, dati gli attuali primi impulsi della pubertà, introdurre arbitrariamente un requisito di età e impostarlo a partire dall'età di 14 anni trasformerà magicamente, in termini definitivi, la "pedofilia" recentemente ampliata in "Hebephilia". Come dice Richard Green: "Diverse nazioni europee in cui l'età del consenso è 14 diventeranno improvvisamente focolai di pedofilia".

Quindi, al contrario della rassicurazione del dott. Blanchard, il DSM 5 sta infatti suggerendo un'espansione qualitativa maggiore e radicale nella concezione DSM della parafilia, non secondaria e quantitativa.

Perché non dovrebbe esserci un requisito di età? Prima di tutto, l'inizio della pubertà è molto variabile da una persona all'altra e la sua età mediana differisce drammaticamente con il tempo e il luogo. Stabilire un limite di età arbitrario per diagnosticare la "pedofilia" è semplicemente privo di significato. Ma ancora più importante, "Hebephilia" è una pessima idea quasi completamente non supportata da prove e fortemente contrastata dal campo.

La letteratura su "Hebephilia" è straordinariamente sottile e quasi totalmente irrilevante. Gran parte della ricerca ha studiato "Hebephilia" solo in riferimento alla pedofilia. Non abbiamo peer reviewed, dati pubblicati su come sarebbe meglio definirlo; le caratteristiche prestazionali e la validità dei criteri proposti; e il suo impatto sulla pratica forense del mondo reale. Le "prove sul campo" del dott. Blanchard non meritano davvero il nome – non sono state approvate; informale; non peer reviewed; fatto in siti altamente selezionati, rarificati e forse di parte; e riportare risultati preliminari semplicemente non credibili.

Sorprendentemente, il dott. Blanchard non menziona (molto meno, prende sul serio) le conseguenze dannose che seguiranno l'inclusione invisibile di "Hebephilia" nel DSM 5. Se un disturbo è descritto nel DSM, può contare su casi SVP. Se non in DSM, di solito non conta. Nel mio blog del 23 gennaio, Ron Mihordin MD JD del Dipartimento della salute mentale della California ha descritto "hebephilia" e altri disturbi non riconosciuti come "diagnosi delle infestanti". Ora stanno affrontando una lotta sempre più dura mascherata sotto la tanto abusata rubrica "Paraphilia NOS". Ma se la Pedofilia si espanderà irresponsabilmente per includere "Hebephilia", i tribunali dovranno considerare questo come prova che "Hebephilia" ha raggiunto un'accettazione diffusa da parte della comunità – quando più enfaticamente non lo ha fatto. "Hebephilia" sarà diventato una diagnosi qualificante per l'impegno SVP – quando certamente non dovrebbe esserlo.

Qualsiasi decisione del DSM 5 di ampliare notevolmente la sezione Paraphilia sarebbe arbitraria, radicale, scientificamente non supportata e molto contrastata dal campo. Ma una volta fatto, avrebbe fissato lo standard per la diagnosi nei casi SVP. Una "diagnosi" scarsamente studiata, minimamente studiata e non testata che è stata inserita nel DSM 5 nonostante una feroce opposizione, sarà comunque autorizzata a innescare la decisione più consequenziale in tutta la psichiatria forense – la raccomandazione per l'impegno civile come Predator sessualmente violento (SVP ).

L'integrità degli statuti SVP è compromessa quando vengono applicati con noncuranza e basati su pratiche diagnostiche discutibili. Raccomandare l'impegno psichiatrico involontario (spesso per la vita) ha senso solo quando si può contare sulla diagnosi. L'uso di una diagnosi improvvisata (come "Hebephilia") nei casi SVP non è solo un riassunto dei diritti civili individuali, ma rappresenta anche un abuso di diagnosi psichiatrica e l'impegno involontario a promuovere ulteriormente una forma costituzionale di detenzione preventiva. L'inclusione di "Hebephilia" porterà vergogna su DSM 5 e l'APA – che tra l'altro ha preso una posizione ferma contro l'uso improprio della diagnosi psichiatrica nei casi di SVP.

Il gruppo di lavoro sui disordini sessuali del DSM 5 è un outlier innato, idiosincratico e isolato sulla questione "Hebephilia" e non dovrebbe tentare di imporre le sue opinioni controverse come se fossero ampiamente accettate dal campo. Il DSM deve essere un documento di "consenso accademico" che rifiuta ogni suggerimento che sia controverso. Un manuale diagnostico ufficiale deve includere solo il provato e vero, non allungare se stesso per promuovere ipotesi di ricerca premature e non testate.

Quindi non lasciatevi ingannare dalla rietichettatura ingannevole del DSM 5. Introdurre "Hebephilia" sotto qualsiasi aspetto sarebbe un cambiamento avventato con conseguenze immediate e gravissime. Il suggerimento "Hebephilia" (come la parabilia coercitiva e l'ipersessualità dei suoi predecessori, altrettanto sfortunati) non ha mai avuto senso e ora dovrebbe finalmente ricevere il ripudio del riassunto che merita pienamente.

Solutions Collecting From Web of "Intrufolandosi con Hebephilia in DSM 5"