Introverso nella Chiesa

Questo post è per gentile concessione del reverendo Adam McHugh, autore del fantastico libro "Introverts in the Church" e del blog www.introvertedchurch.com. Apparve originariamente nel Washington Post. Indipendentemente dalle tue inclinazioni religiose, McHugh ha potenti intuizioni da condividere sull'idealizzazione dell'estroversione nella nostra cultura.
Il vecchio accigliato mi ha quasi urtato mentre fuggiva dal santuario.

Mentre mi voltavo per guardarlo, stavo nel parcheggio, chiesi ad un amico se sapeva perché era partito prima che iniziasse il servizio. Lei rispose: "Sai come nella tua sermone la scorsa settimana hai incoraggiato tutti noi ad essere più accoglienti verso i nuovi arrivati? Bene, dopo che cinque persone si sono avvicinate a lui per presentarsi, ha detto "Può un ragazzo essere anonimo quando controlla un nuovo posto? Voglio essere lasciato solo! "E così concluse il suo sondaggio di sette minuti sulla nostra chiesa.

Non sono solo i vecchietti irascibili con un talento per le uscite temporalesche che sono spente da chiese iper-amichevoli, comunque. Mentre riflettevo su quell'evento, mi resi conto che anch'io sarei stato intimidito e sopraffatto da molti estranei che si avvicinavano a me, non importa quanto fossero genuini e gentili. A quanto pare, le nostre chiese sono in realtà brulicanti di questa specie di persone chiamate "introversi". Sono uno di loro, come il 50% della popolazione americana, secondo la nostra migliore e più recente ricerca.

Sfortunatamente, a causa di alcuni tipi antisociali e di un pregiudizio generale estroverso nella nostra cultura, gli introversi subiscono un brutto colpo. La cultura americana mainstream valorizza persone gregarie e aggressive che sono abili nel networking e che possono trasformare rapidamente gli estranei in amici. Spesso identifichiamo i leader come le persone che parlano più e più velocemente, indipendentemente dal fatto che le loro idee siano o meno le migliori.

Di conseguenza, gli introversi sono spesso definiti da ciò che non siamo piuttosto che da ciò che siamo. Siamo etichettati come scialbi o misantropici o timidi o passivi. Ma la verità è che siamo persone energizzate in solitudine, piuttosto che tra le persone. Potremmo sentirci a nostro agio e articolati nelle situazioni sociali e possiamo goderci le persone, ma il nostro tempo nei mondi esteriori ci prosciuga e dobbiamo ritirarci nella solitudine per essere ricaricati. Elaboriamo anche in silenzio prima di parlare, piuttosto che parlare per pensare, come fanno gli estroversi. Generalmente ascoltiamo un po 'di più di quanto parliamo, osserviamo per un po' prima di impegnarci e abbiamo una vita interiore ricca che ci porta grandi stimoli e soddisfazioni. Studi neurologici hanno dimostrato che i nostri cervelli hanno naturalmente più attività e flusso sanguigno, e quindi abbiamo bisogno di meno stimoli esterni per prosperare.

Ho visto la necessità di un libro su questo argomento quando ho capito che la nostra inclinazione culturale si era infiltrata in alcune ali della chiesa, specialmente nell'evangelismo tradizionale. Come dico in Introverts nella Chiesa, entrare nel tuo servizio di culto evangelico medio sembra di entrare in un cocktail party non alcolico. L'evangelicismo ha una chiacchiera e una disinvolta informalità, e non importa quanto sia ben intenzionata quell'atmosfera, può essere un ambiente difficile per quelli di noi che sono sopraffatti da grandi quantità di interazione sociale e che possono connettersi meglio con Dio in silenzio. A volte le nostre comunità parlano così tanto che non siamo in grado di esprimere i doni che portiamo agli altri. Se ci viene dato lo spazio, portiamo doni di ascolto, intuizione, creatività, compassione e presenza calma, cose di cui le nostre chiese hanno disperatamente bisogno.

Ancora più pericolosa è la tendenza delle chiese evangeliche a esaltare involontariamente le qualità estroverse come "ideali" di fedeltà. Troppo spesso i cristiani "ideali" sono socievoli e socievoli, con una passione e un entusiasmo manifesti. Trovano facile condividere il Vangelo con gli estranei, invitare con entusiasmo le persone nelle loro case, partecipare a una vasta gamma di attività e assumere rapidamente responsabilità di leadership. Queste sono qualità meravigliose e le nostre chiese soffrono quando non abbiamo questo tipo di persone, ma se queste qualità incarnano la vita cristiana, molti di noi introversi vengono lasciati sentirsi esclusi e spiritualmente inadeguati. O ci logoriamo da sempre mascherati da estroversi.

Sebbene mi renda conto con quel vecchio, vorrei che avesse sopportato la stragrande ospitalità della nostra comunità quel giorno. Avrebbe imparato che la vita cristiana non riguarda l'anonimato, e avremmo guadagnato un altro membro introverso che ha contribuito con doni preziosi alla nostra comunità e al nostro ministero. Sia lui che la nostra chiesa sarebbero stati migliori per questo.

Cosa ne pensi dell'articolo di McHugh? Se hai una pratica religiosa o spirituale, trovi che la tua introversione sia una risorsa? Una barriera? Valued? Frainteso? Un non-problema? Mi piacerebbe saperlo.

Se ti piace questo blog, potresti voler preordinare il mio prossimo libro, QUIET: The Power of Introverts in un mondo che non può smettere di parlare .

Inoltre, assicurati di iscriverti alla mia newsletter . Ricevi aggiornamenti del blog, oltre alla possibilità di vincere una sessione telefonica di mezz'ora con me. (Disegni periodici.)

Per i post precedenti sul potere degli introversi, si prega di visitare il mio sito qui .

Vuoi iscriverti al QUIET Online Book Club, per persone attente e cerebrali? Per favore, vai qui .

SEGUIMI su Facebook e Twitter !


Solutions Collecting From Web of "Introverso nella Chiesa"