Introversione, indiani e l'afflizione fallacia

E. Wagele photo
Fonte: foto di E. Wagele

Ero impaziente di leggere la rubrica di David Brooks sul New York Times, The Great Affluence Fallacy , perché l'obiettivo principale che molti hanno di diventare ricchi – e quindi "felici" – non ha senso per me.

Nell'America del 18 ° secolo, nessun indio stava cercando di entrare nella società coloniale, ma molti bianchi furono disertati per vivere con i nativi americani, anche quando furono fatti prigionieri dagli indiani. I coloni non potevano credere che i loro colleghi coloniali si sarebbero nascosti ai loro salvatori – la loro società non era più ricca e avanzata?

Benjamin Franklin scrisse: "Quando un bambino indiano è cresciuto tra noi, ha insegnato la nostra lingua e abituato alle nostre usanze, eppure se va a vedere i suoi parenti e fa una passeggiata indiana con loro, non lo persuade mai a tornare. ”

La colonna di Brooks mi ha ricordato uno dei miei libri preferiti, Neither Wolf Nor Dog di Kent Nerburn. Un anziano indiano americano porta Nerburn in un viaggio nelle Dakota per cercare di insegnargli l'esperienza indiana. L'anziano aveva osservato da bambino che i suoi insegnanti bianchi sembravano pensare che parlare significasse pensare. Guardavano dall'alto in basso i bambini indiani per essere stati zitti o per guardare in basso, come gli era stato insegnato a fare quando qualcuno di importante stava parlando. E il maggiore si chiedeva cosa rendesse le persone bianche così nervose che interrompevano e discutevano sempre l'una con l'altra? Posso facilmente relazionarmi con persone tranquille; Sono tranquillo e mi sono sentito abbassato a causa di ciò.

Brooks scrive: "Dato che siamo diventati più ricchi, abbiamo usato la ricchezza per acquistare spazio: case più grandi, cantieri più grandi, camere da letto separate, auto private, stili di vita autonomi. Ogni scelta individuale ha senso, ma la traiettoria generale di atomizzazione a volte sembra ritorcersi contro. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le persone nei paesi ricchi soffrono di depressione fino a otto volte il tasso delle persone nei paesi poveri. Ci potrebbe essere un errore di grande affluenza in corso – vogliamo la privacy nelle singole istanze, ma spesso questo rende la vita generalmente peggiore. "

Gli indiani Nerburn osservati non sembravano mai soli. Brooks scrive di millenni e di come sembrano essere diretti nella direzione della comunità. I Millennial portano tutto se stessi al lavoro, "trasformando l'ufficio in una fonte di amicizie, significato e occasioni sociali". Sono "orientati all'ospitalità di quartiere, piuttosto che all'identità nazionale".

Alla fine, Brooks scrive: "Forse siamo al culmine di qualche grande cracking. Invece di limitarmi a prestare servizio a parole alla comunità mentre vivo per l'autonomia, ho capito che molte persone stanno effettivamente facendo la pausa e si immergono nell'impegnare i movimenti delle comunità locali. Non mi sorprenderebbe se il grande cambiamento nei prossimi decenni fosse questo: la fine dell'apoteosi della libertà; più persone fanno l'equivalente moderno del balzo dei nativi americani ".

• Leggi Wagele's The Happy Introvert . Scopri altri suoi libri, CD, personaggi famosi e altro ancora su wagele.com.

Solutions Collecting From Web of "Introversione, indiani e l'afflizione fallacia"