Introversi come rivoluzionari?

"SHY US IL RIPRODUTTORE INTELLETTUALE CREATO UTILIZZATO IN UNA RIVOLUZIONE."

Sembra un titolo che avrei potuto immaginare, ma proviene da un recente articolo del New York Times su Gene Sharp, un uomo di 83 anni "eccessivamente timido" che coltiva orchidee, rifugge da Internet e scrive articoli influenti come "Da Dittatura alla democrazia ", che il Times definisce" una guida di 93 pagine per far cadere gli autocrati ". Le idee di Sharp sulla nonviolenza hanno ispirato e informato i manifestanti in Birmania, Bosnia, Estonia, Zimbabwe e, più recentemente, in Egitto. Il suo articolo, "198 metodi di azione nonviolenta", una lista che includeva la protesta che svuotava e rivelava identità di agenti segreti, è stato fatto circolare da attivisti democratici al Cairo.

L'esempio di Sharp mi ha fatto pensare a una domanda che mi ha incuriosito da tempo: se c'è qualcosa nella natura della timidezza e / o dell'introversione che inclina le persone a modi di resistenza nonviolenta . Nessuno ha mai studiato questa domanda, per quanto ne so. Ma gli studi dimostrano che gli introversi favoriscono le modalità di interazione non conflittuale. Uno studio ha scoperto che gli introversi piacciono anche alle persone se li incontrano in contesti cooperativi, mentre gli estroversi preferiscono quelli con cui competono.

Potrebbe essere che le persone che hanno speso tutte le loro vite istintivamente cercando di evitare il conflitto – dal momento in cui sono entrati in un'aula di scuola materna e un ragazzo di 2 anni ha cercato di impossessarsi del loro orso impagliato – fare la stessa cosa su larga scala quando affrontano ingiustizia civica?

Esempi di resistori nonviolenti famosi suggeriscono che c'è qualcosa nella mia teoria (eccezionalmente idiosincratica) . Rosa Parks, ad esempio, era una donna timida e tranquilla che ha iniziato a praticare la resistenza passiva per un intero decennio prima che Martin Luther King Jr. pubblicizzasse l'idea come parte del movimento per i diritti civili. Si è impegnata in una resistenza passiva "intuitivamente", scrive il suo biografo, Douglas Brinkley. "Tali principi erano perfettamente compatibili con la sua personalità".

E poi c'è Gandhi, un altro uomo di costituzione timida. Se leggi la sua autobiografia, vedi un esempio dopo l'esempio di lui che sceglie, fin da quando era molto giovane, per evitare il confronto in situazioni in cui altri avrebbero combattuto. Questi erano scontri su piccola scala – un decreto ingiusto da parte dei leader della sua sottocasta; un insulto da parte della Law Society in Sud Africa. Ogni volta, vedeva che il contenimento nel momento portava a più grandi vittorie alla fine. Nel momento in cui affrontò la lotta che contava davvero, sapeva che la moderazione era la chiave del suo potere.

Questa non era solo una scelta strategica, ma anche istintiva. Potrebbe essere che la sua personalità non gli avrebbe permesso di fare nient'altro. "Ho naturalmente formato l'abitudine di frenare i miei pensieri", ha scritto nella sua autobiografia. "Una parola sconsiderata non è quasi mai sfuggita alla mia lingua o penna … La mia timidezza è stata in realtà il mio scudo e scudo. Mi ha permesso di crescere. Mi ha aiutato nel mio discernimento sulla verità. "

E tu? Pensi che ci sia qualcosa nella mia teoria? Qual è il tuo approccio al conflitto? Come si confronta il tuo approccio con quello di altre persone che conosci?

Se ti piace questo blog, potresti voler preordinare il mio prossimo libro, QUIET: The Power of Introverts in un mondo che non può smettere di parlare .

Inoltre, assicurati di iscriverti alla mia newsletter . Ricevi aggiornamenti del blog, oltre alla possibilità di vincere una sessione telefonica di mezz'ora con me. (Disegni periodici.)

Per i post precedenti sul potere degli introversi, si prega di visitare il mio sito qui .

Vuoi iscriverti al QUIET Online Book Club, per persone attente e cerebrali? Per favore, vai qui .

SEGUIMI su Facebook e Twitter !


Solutions Collecting From Web of "Introversi come rivoluzionari?"