Intrigo personale!

Due dei più grandi nemici della crescita e del cambiamento sono l'arroganza e l'ignoranza. Questi due estremi sprecano più energia di ogni altra manovra difensiva. Infatti, se li avessimo evitati entrambi, la crescita sarebbe avvenuta quasi spontaneamente e naturalmente. I buddisti zen hanno un grande proverbio che illustra questo: "La realtà del volto e il cambiamento senza sforzo avranno luogo".

L'arroganza si verifica quando esportiamo (progetto) la responsabilità per i nostri errori ed errori. Le parole che riflettono questo processo sono: proiezione, incolpare, scusare, assolvere, esplorare, razionalizzare, mitigare e contestualizzare.

Più sottili sono le parole e sofisticate le nostre scuse, più nascondiamo la seguente verità centrale da noi stessi: abbiamo un ruolo primario nel rimuovere i blocchi per la crescita e il cambiamento.

All'altro capo dello spettro c'è l'ignoranza. Ciò si verifica quando prendiamo tutte le responsabilità per il fallimento in un modo che si traduce nel nostro sentimento negativo nei confronti di noi stessi. Tale autodegradazione non porta a intuizioni, responsabilità personale o vera umiltà. Invece, si traduce solo in sentirsi in colpa, vergognosi o nel vederci come fallimenti.

Inoltre, dal momento che il comportamento che ci trasformiamo in un comportamento a cui facciamo l'occhiolino, una tale auto-colpa alla fine si brucia. Quindi, ci sentiamo sopraffatti piuttosto che potenziati, scoraggiati piuttosto che illuminati, e evitiamo ulteriori approfondimenti piuttosto che approfondire le informazioni che ci aiuteranno a essere più liberi.

Alcuni dei modi in cui descriviamo questo processo distruttivo includono: autocondanna, eccessiva responsabilità, ipercritico di sé e tendenze eccessivamente perfezionistiche.

Come alternativa positiva, i terapeuti incoraggiano i loro pazienti ad essere intrigati dal loro comportamento, emozioni, pensieri e credenze. Vogliono che siano detective che esplorano il mistero del sé. Le guide spirituali offrono lo stesso incoraggiamento. I buddisti, ad esempio, raccomandano che le persone si osservino oggettivamente, né condannando né scusandosi, in modo che possano vedere le proprie tendenze di presa e i risultati problematici che tali atteggiamenti causano.

I mentori di tutti i tipi spesso prendono in giro le persone per convincerle a rendersi conto di quanto siano eccessivamente seri sui loro errori. In risposta alle persone che si condannano, il commento potrebbe essere: "Non penso che nessuno al mondo abbia mai commesso un errore così creativo prima d'ora!" Rompere la tensione per comprendere le dinamiche, piuttosto che essere coinvolti in elucubrazioni, è un parte essenziale dell'intrigo.

Inoltre, dall'altra parte dello spettro, la proiezione della colpa sugli altri è anche scoraggiata: "Se la fonte del problema risiede completamente nel mondo al di fuori di noi, allora dovremo cambiare tutti gli altri per migliorarla. Un bel lavoro per noi! "

Quando diamo la colpa, diamo anche via il potere di cambiare. Ma se osserviamo neutramente il nostro ruolo con un senso di intrigo, non di autocondanna, possiamo aumentare il potere che è dentro di noi. Questo richiede pratica. Di conseguenza, suggerisco alle persone di compiere diversi passaggi per incoraggiare gli intrighi:

• Ogni volta che provi una forte sensazione per qualcosa, agisci subito come se qualcun altro provasse la sensazione

• Osserva ogni tentazione di biasimare gli altri o di condannarti

• Sii un detective che è intimorito dalle sottili tentazioni di essere arrogante o ignorante e si incuriosisce del processo di scoprire il mistero della vera causa del problema.

Robert J. Wicks ha conseguito il dottorato in psicologia presso l'Hahnemann Medical College, fa parte della facoltà della Loyola University nel Maryland e l'autore di BOUNCE: Living the Resilient Life (Oxford University Press), RIDING THE DRAGON (Sorin Books) e un nuovo libro sulla consapevolezza spirituale intitolata PRAYERFULNESS (Sorin Books).

Solutions Collecting From Web of "Intrigo personale!"