Intimità: con loro o con la tua verità?

1. Un mio amico una volta ha cercato una posizione di insegnamento in un college spirituale un po 'New Age. È un buddista e anche un erudito con alti standard. In un colloquio di lavoro con il preside ha chiesto, "Qual è il tuo atteggiamento sul rigore?"

"Intendi rigor mortis?" Chiese il preside, convinto che il rigore avrebbe ucciso lo spirito.

Senza pensare il mio amico ha detto: "Intendo davvero intimità".

Il preside si addolcì. L'intimità era vicina al suo cuore e a quello della scuola.

Il mio amico mi ha raccontato questa storia per illustrare la ricerca di un terreno comune con qualcuno attraverso la sua scoperta intuitiva del giusto termine. Rigore come intimità era vero sia per il suo cuore e il preside.

Ho preso una lezione diversa dalla storia. Penso che abbiano trovato qualcosa che scambiano per un terreno comune attraverso due interpretazioni opposte dello stesso termine. Il mio amico stava parlando di fare in modo che le idee si adattassero meglio alle prove (con più rigore) e arrivassero così ad una maggiore intimità con la realtà. Il preside lo sentì parlare di intimità personale, che è spesso l'opposto del rigore. Data la fragilità dei cuori umani, l'intimità personale è generalmente un prodotto di quanto siano gentili, generosi, affermativi e di approvazione l'uno dell'altro. Al contrario, il rigore che conduce all'intimità con la realtà spesso comporta deludere o ferire le persone confrontandole con fattori che preferiscono non considerare.

L'intimità può significare un'aderenza perfetta alla realtà. L'intimità può significare un'aderenza perfetta con una persona. A volte questi due significati convergono e talvolta divergono. Quando divergono, devi affrontare la scelta di essere fedele alla tua interpretazione della realtà (rigore, onestà, realismo) o vera per l'altra parte nella tua relazione (gentilezza, amore, lealtà).

In tali momenti la domanda diventa se devi dire la tua verità o astenermi dal parlarne. Qual è la cosa più amorevole da fare?

Poiché questo è un tema centrale nel mio lavoro, finisco per parlarne con molte persone. Trovo che alcuni sembrino irritati dall'idea che potrebbe esserci un'incompatibilità e una scelta difficile qui. Cercano di spiegare il dilemma con una soluzione armonizzata sempre-X, ma non ho mai trovato una soluzione del genere che funzioni.

2. Sono stato associato per circa quattro anni ad una donna molto più diplomatica di me, e le nostre divergenti tendenze sono diventate un argomento caldo tra di noi. Alle cene, quando gli ospiti schietti facevano affermazioni audaci con cui non ero d'accordo, li sfidavo. Gli ospiti e io finiremmo per avere lunghi dibattiti accesi che erano divertenti per me ma non per il mio compagno. Sulla strada di casa, lei mi chiedeva perché mi davo fastidio, sostenendo che è molto più gentile da umorare le persone in questo modo che affrontarle.

Non stava difendendo i loro argomenti. Di solito era in disaccordo con questi altri ospiti tanto quanto me. Semplicemente non ha visto alcun vantaggio nel coinvolgerli. Questa ragazza e io finiremmo per avere dibattiti sul merito dei dibattiti. Poiché ci amavamo a vicenda, i dibattiti erano costruttivi. Entrambi siamo stati in grado di riconoscere che, indipendentemente dal fatto che lo scontro fosse appropriato, non era del tutto chiaro quale strategia fosse più amorevole e generosa. Sebbene, a prima vista, la sua diplomazia sembrasse più generosa, riconosceva che nell'umorare persone che riteneva troppo testarde per cui valesse la pena parlare, stava riducendo la sua intimità con loro. Sfidando questi ospiti sulle loro opinioni ero più scortese a breve termine, mettendoli sul posto, deludendoli non accettandoli, ma sottintendevo comunque che li prendevo sul serio e onorato la loro ricerca di precisione e di lungo termine. progresso nel trovare idee che si adattino più intimamente alla realtà.

L'umorismo può essere profondamente irrispettoso. Può indicare una decisione secondo cui qualcuno è così disperatamente fuori dal mondo che non vale la pena di perdere il fiato. D'altra parte, può essere profondamente rispettoso onorare qualcuno ovunque si trovino nel loro viaggio. Viceversa, confrontarsi con le persone su incongruenze nel loro modo di pensare può essere un segno di amore e rispetto, indicando che onorate la loro ricerca della verità abbastanza da essere disposti a prendervi del tempo per impegnarvi. Forse imparerai delle incongruenze nel tuo pensiero, forse lo faranno, forse lo farete entrambi. Ma l'impegno in sé può essere visto come un onore.
E lo scontro può anche essere profondamente irrispettoso, il bacio della morte alla gentilezza, alla generosità, alla tolleranza, al rigore di uguaglianza che fa sì che il rigor mortis si insedi nella relazione stessa.

Anni dopo che ci siamo lasciati ho avuto la possibilità di chiedere a questa ex ragazza (come regalo di compleanno) di dirmi una cosa che le mancava di stare con me. Le ho detto che era giusto fare qualcosa se fosse stato necessario. Ha detto di no, è stato facile dire cosa le mancava.

"Mi manca il tuo stile conflittuale, il modo in cui insisti su alti livelli di onestà e intimità, il modo in cui sei sempre in comunicazione. . . . "Fece una pausa per riflettere un momento e poi disse," Aspetta, questo è il motivo per cui ti ho lasciato. "

Entrambi abbiamo riso della convergenza di intimità – un momento in cui eravamo entrambi intimi l'uno con l'altro e con la verità, che include la nostra ambivalenza sull'intimità. Intendeva sia l'attrazione che la repulsione riguardo al mio stile conflittuale. Lo amava davvero. Mi ha davvero lasciato in pace.

3. Ho trascorso del tempo durante il Ringraziamento con la mia zia molto calma e generosa, una donna di circa 80 anni che è sempre riuscita a mantenere la calma nonostante fosse membro di una famiglia testa calda. Suo fratello e suo padre (mio padre e mio nonno) e suo marito e sua sorella erano eccezionalmente caldeggiati da qualsiasi standard – lei è sopravvissuta a tutti – eppure non riesco a ricordare una sola volta quando la sua rabbia si è accesa nei 52 anni che ho conosciuto sua.

Abbiamo avuto una lunga conversazione sul segreto per il suo contegno calmo. La sua prima spiegazione fu che quando qualcuno criticò, lei ascoltò. Le critiche avevano sempre ragione, ha detto, eppure non le hanno fatto cambiare idea. Lasciò che le rotolassero via come acqua dalla schiena di un'anatra.

Ho sondato. Come intendeva lei giusto? Intendeva dire che avevano ragione e si sbagliava, ma ha fatto la cosa sbagliata comunque, o che avevano ragione anche loro, che avevano un punto, ma non quello che pensava degno di essere ascoltato?

Ha riconosciuto che non era così semplice. Disse che quando le persone la attaccavano aspramente lei pensava che fosse generalmente da un punto debole di per sé che stavano cercando di compensare. Non pensava fosse giusto fare controdeduzioni alle critiche perché sarebbe come attaccare qualcuno nel punto di debolezza.

"Sempre dalla debolezza?" Ho chiesto. No, ha detto, con il marito non è stata la debolezza, ma lei non avrebbe comunque contrastato le critiche perché odiava e quindi evita il confronto. Comunque avrebbe fatto quello che avrebbe fatto comunque.

Abbiamo parlato del tipo di conflitti. Molto spesso era un membro della famiglia dalla testa calda contro un altro, suo marito contro la sua famiglia, per esempio. In tali situazioni una politica di alloggio non è praticabile. Accogliere uno dis-accomoda un altro.

La sua strategia generale, disse, era di superare tutte le tempeste, facendo ciò che pensava comunque e senza sprecare fiato cercando di cambiare la mente di nessuno. Era vivo e lascia vivere, una strategia che per lo più considero insostenibile a distanza ravvicinata: è facile vivere e lasciar vivere con persone con cui non devi vivere, ma qui lei doveva vivere con tutti loro.

Ha detto che sostanzialmente non crede che le persone cambino in risposta al feedback. Lei non sottoscrive le critiche come un modo per influenzare le persone. Né si abbona alle critiche mosse a lei. Concluse dicendo che sua sorella (una persona spesso decisamente acerbo) la chiamava spesso arrogante e che si rendeva conto che era vero. Il segreto della sua straordinaria generosità era l'arroganza.

Vedo in questo parallelismo con la tesi della scorsa settimana che un modo per diventare più lenti a soccombere è essere più veloci nel ricordare il proprio potere, quindi non è necessario agire in modo avventato per convincersene. Questa zia sembrava sempre il membro più umile della famiglia; forse ha ottenuto quella via con grande fiducia nella sua solitaria solitudine imperturbabile. Può resistere alle intemperie perché è robusta in se stessa. Ha amato con grande generosità e anche se le mancano terribilmente i cari che sono morti, non ha mai avuto la sensazione di essere indebolita dalla loro morte. Una persona forte come lei può permettersi di essere umile.

Questo è l'ultimo di una serie di articoli ispirati ai fantastici articoli di Obama su come guadagnare un po 'più di distanza sul continuum tra stare calmi e agitarsi di fronte a minacce, sfide e assalti. Darò l'argomento a riposo per ora. È abbastanza importante tornare un giorno. Nel frattempo sono stato felice di trovare questo articolo del New York Times sullo stesso argomento: No Drama Obama è bello e come lo si realizza.

L'articolo è abbastanza inconcludente, sostenendo che dramma e calma hanno entrambi il loro posto, che la testa calda è genetica ma anche controllabile, anche se la capacità di controllarlo è anche genetica. In altre parole, secondo questo rapporto sullo stato della ricerca, gli psicologi non hanno ancora capito bene questo. È comprensibile. È difficile ottenere un'intimità assoluta con le realtà dell'intimità.

Solutions Collecting From Web of "Intimità: con loro o con la tua verità?"