Intimamente connesso

Original cartoon by Alexandra Martin, inspired by an interview retort from Sharon Stone
Fonte: cartone originale di Alexandra Martin, ispirato a una replica di Sharon Stone

In termini evolutivi, l'orgasmo femminile è uno degli aspetti più intriganti della riproduzione umana. Poiché varia ampiamente ed è spesso sfuggente, si è dimostrato molto difficile spiegare la sua origine in modo convincente. Nel suo libro del 2005, Il caso dell'orgasmo femminile, Elisabeth Lloyd ha elencato non meno di 21 spiegazioni proposte per il climax femminile. L'unica interpretazione sicura è che gli orgasmi di una donna sono direttamente collegati al suo clitoride, l'equivalente evolutivo del pene di un uomo. In definitiva, Lloyd ha concluso che sia il clitoride che gli orgasmi sono sottoprodotti evolutivi che non svolgono alcuna funzione, paragonabili ai capezzoli vestigiali degli uomini.

Possibili funzioni di orgasmi

Redrawn version of a figure from Udry & Morris, 1968.
Grafico che mostra le frequenze del coito e dell'orgasmo attraverso il ciclo mestruale da un campione di 40 donne nella Carolina del Nord. (Si noti che i giorni sono contati all'indietro dall'inizio della mestruazione.) La frequenza dell'orgasmo semplicemente tiene traccia della frequenza coitale senza alcun segno di aumento della prevalenza a metà ciclo.
Fonte: versione ridisegnata di una figura di Udry & Morris, 1968.

Sebbene siano stati fatti diversi tentativi per identificare funzioni biologiche per orgasmi femminili e clitoride, non è stata ancora prodotta alcuna prova convincente a sostegno di nessuno di essi. Se gli orgasmi svolgono una funzione, dovrebbero essere in qualche modo collegati al successo riproduttivo, forse aumentando le possibilità di fecondazione. Tuttavia, nessun collegamento di questo genere è mai stato documentato e molti autori invocano semplicemente il commento di Aristotele che le donne possono concepire senza orgasmo. L'ipotesi di "succhiare" che l'orgasmo attira lo sperma nell'utero è stata ampiamente screditata. Inoltre, se l'orgasmo ha qualche connessione con la probabilità di fecondazione, sicuramente dovrebbe essere più prevalente intorno all'ovulazione nel bel mezzo del ciclo mestruale di una donna? Ma questo non sembra essere il caso. Un saggio del 1968 di Richard Udry e Naomi Morris che esaminava la distribuzione del coito lungo il ciclo anche degli orgasmi registrati casualmente. Si sono verificati in circa il 70% di atti di coito in tutte le fasi senza evidenza di un picco a metà del ciclo.

Fino ad ora, è stato fatto un piccolo tentativo per stabilire se gli orgasmi femminili sono legati al successo riproduttivo. Un'eccezione è un articolo del 2013 di Brendan Zietsch e Pekka Santtila, che ha testato se il tasso di orgasmo nelle donne è collegato con il numero della prole. Analizzando i dati di oltre 8000 gemelli femminili identici e non identici in Finlandia, hanno dimostrato che sia il tasso di orgasmo che il numero di prole hanno basi genetiche sostanziali. Tuttavia, dopo aver tenuto conto della durata della relazione e della frequenza del coito, gli orgasmi e il numero della prole non erano direttamente collegati.

Esplorando il clitoride

Essa mendica credendo che l'anatomia del clitoride e le strutture associate siano state debitamente documentate per la prima volta meno di 20 anni fa. Helen O'Connell e colleghi hanno raggiunto un importante passo avanti con un documento del 1998 e da allora hanno pubblicato ulteriori dettagli. Grazie alla loro ricerca è ora evidente che il clitoride è solo una piccola parte esternamente visibile di un sistema molto più grande e complesso. Poiché la maggior parte di quel "complesso clitorideo" si trova sotto la superficie, è stato opportunamente paragonato a un iceberg.

//cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013. (File licensed under the Creative Commons Attribution 3.0 Unported license.)
Viste esterne e interne dei genitali femminili umani.
Fonte: Illustrazione dal sito Web di Openstax di Anatomy & Physiology. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, 19 giugno 2013. (File concesso in licenza con licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported.)

Nel 2008, Kim Wallen ed Elisabeth Lloyd hanno adottato un approccio semplicistico per sostenere la loro tesi secondo cui il clitoride è un vestigio senza funzionalità. Usando grandi dataset pubblicati, hanno sostenuto che il clitoride ha una lunghezza significativamente più variabile del pene, indicando che la selezione naturale è debole o assente. Hanno collegato la variabilità nella dimensione del clitoride alla variabilità nell'occorrenza dell'orgasmo. Ma hanno aggiunto una riserva: poiché la lunghezza media del clitoride è inferiore a un sesto della lunghezza media del pene, la misurazione precisa è più difficile. Tuttavia, in considerazione dell'ampia gamma di dimensioni del clitoride, Wallen & Lloyd ha concluso che l'errore di misurazione non ha spiegato i loro risultati. Poco dopo, tuttavia, Vincent Lynch sfidò questa conclusione. Per i principianti, ha messo in dubbio l'ipotesi inespressa che la capacità di una donna di raggiungere l'orgasmo sia direttamente correlata alla lunghezza del suo clitoride (anche meno plausibile perché la porzione sostanziale del sottosuolo del complesso clitorideo è stata ignorata). Ma Lynch ha anche ripetuto le loro analisi, usando i volumi del clitoride e del pene invece delle lunghezze. Avendo così ridotto la potenziale influenza dell'errore di misurazione, Lynch non ha riscontrato differenze significative nella variabilità tra clitoride e pene.

Origine dell'orgasmo femminile

In una valutazione ampia della riproduzione tra i mammiferi, un nuovo lavoro di Mihaela Pavličev e Günter Wagner ha radicalmente trasformato la nostra comprensione del contesto evolutivo dell'orgasmo femminile. Le loro scoperte riguardano lo schema di base del ciclo ovarico nei mammiferi. Il punto chiave è che un ciclo inizia sempre con la maturazione di una serie di follicoli starter. Uno o più di questi può infine rilasciare un uovo attraverso l' ovulazione , dopodiché il residuo di qualsiasi follicolo rotto forma un corpo luteo (corpo giallo) che supporta la gravidanza. Ma c'è una differenza fondamentale tra i mammiferi tra gli ovulatori indotti , con ovulazione che si verifica solo in risposta all'accoppiamento e ovulatori spontanei , con ovulazione attivata internamente indipendentemente dall'accoppiamento. (In certi casi, l'ovulazione è spontanea, ma l'accoppiamento è necessario per formare un corpo luteo, che è in pratica lo stesso dell'ovulazione indotta.) In effetti, la maggior parte dei mammiferi – inclusi molti marsupiali, insettivori, roditori, carnivori, conigli e toporagni d'albero – sono ovulatori indotti. L'ovulazione spontanea è meno comune, si verifica (per quanto è noto) in tutti i primati, la maggior parte dei mammiferi ungulati, almeno alcuni pipistrelli e un piccolo gruppo contenente elefanti, iraci e lamantini. L'analisi di Pavličev & Wagner ha confermato perfettamente una conclusione nel mio libro Primate Origins del 1990: l'ovulazione indotta è lo stato primitivo nei mammiferi placentali, mentre l'ovulazione spontanea si è sviluppata come una condizione derivata in alcuni lignaggi.

Redrawn from a figure in Martin (1990).
Diagramma di riepilogo per i cicli ovarici nei mammiferi. Durante la fase follicolare, i follicoli ovarici maturano. Se l'ovulazione (scarico di un uovo) non si verifica, i follicoli maturi degenerano (atresia). Se si verifica l'ovulazione, di solito segue una fase luteale, con il resto del follicolo che forma un corpo luteo (corpo giallo). Nella maggior parte dei mammiferi è richiesto l'accoppiamento per indurre l'ovulazione (M1) o per innescare la formazione di un corpo luteo dopo l'ovulazione (M2). In entrambi i casi, il ciclo tipico non gravido consiste solo in una fase follicolare. Al contrario, nelle specie con ovulazione spontanea e formazione di un corpo luteo il ciclo tipico è più lungo, contenente sia fasi follicolari che luteali.
Fonte: Redrawn from a figure in Martin (1990).

Fondamentalmente, Pavličev e Wagner ipotizzano che l'orgasmo nelle donne sia associato a un'impennata ormonale (che coinvolge la prolattina e l'ossitocina) con somiglianze con l'innesco innescato da accoppiamento in specie con ovulazione indotta. Continuano a dedurre che l'orgasmo femminile umano è derivato dalla risposta di accoppiamento che ha indotto l'ovulazione nei mammiferi ancestrali. Ulteriori analisi hanno rivelato che l'evoluzione dell'ovulazione spontanea è associata ad una crescente separazione tra clitoride e vagina. Nella maggior parte dei mammiferi femminili le estremità inferiori delle vie urinarie e riproduttive sono combinate in un seno urogenitale con un'unica apertura al mondo esterno. Solo relativamente pochi mammiferi – inclusi tutti i primati e alcuni roditori – hanno sostanzialmente eliminato quella confluenza, in modo tale che l'uretra si apre separatamente sopra l'orifizio vaginale. Insomma, Pavličev e Wagner propongono che l'evoluzione dell'ovulazione spontanea insieme alla separazione fisica tra clitoride e orgasmo liberato dalla vagina acquisisca nuove funzioni.

Redrawn version of two figures in Wallen & Lloyd (2011).
A sinistra: la distanza tra il clitoride e il meato urinario (con l'apertura uretrale) è variabile, solitamente compresa tra 1,5 e 3,5 cm e una media di 2,5 cm. Si trova vicino all'arco sotto l'area pubica del bacino (anche se è improbabile che il clitoride si trovi davvero sopra l'arco sub-pubico come indicato). A destra: istogramma che mostra le distanze medie tra il clitoride e l'apertura uretrale a seconda che le donne provino o meno l'orgasmo. ("Autosessuale" = dati di Bonaparte per l'auto-stimolazione attraverso la masturbazione).
Fonte: versione ridisegnata di due figure in Wallen & Lloyd (2011).

Una scoperta interessante riportata da Wallen & Lloyd nel 2011 è che la probabilità che una donna provi orgasmo durante il coito diminuisce con la distanza tra il suo clitoride e il suo meato (apertura uretrale). Questo è stato originariamente proposto nel 1924 da "AE Narjani" (che si è esibita 9 anni dopo come psicanalista Marie Bonaparte) e successivamente confermata da Carney Landis e colleghi nel libro del 1940 Sex in Development . Quando Wallen & Lloyd analizzarono entrambi i set di dati, che non avevano mai subito un trattamento statistico formale, scoprirono che una distanza corta dell'uretra del clitoride era significativamente correlata all'orgasmo durante il coito. Hanno concluso che è molto probabile che una donna abbia orgasmi esclusivamente dal coito se la distanza è inferiore a 2,5 cm (1 pollice). Questa differenza, hanno suggerito, potrebbe riflettere diversi gradi di esposizione agli androgeni (ormoni maschili) durante lo sviluppo fetale, con livelli più alti che generano distanze maggiori.

Un vestigio senza funzionalità?

Elisabeth Lloyd e Kim Wallen hanno sostenuto l'interpretazione secondo cui il clitoride e gli orgasmi associati sono reliquie evolutive prive di significato funzionale. Ma questo è logicamente incoerente, perché sostengono anche che ci sono poche prove che l'orgasmo femminile avvenga al di fuori degli umani. Se il clitoride e l'orgasmo delle donne sono senza funzione – un semplice sottoprodotto di un programma genetico per lo sviluppo del pene e l'eiaculazione nei maschi – sicuramente ci aspetteremmo che l'orgasmo si verifichi in tutte le femmine di mammiferi? Questa è, in effetti, l'implicazione dell'interpretazione proposta da Mihaela Pavličev e Günter Wagner.

Adapted from a figure in Wallen & Lloyd 2011, based on data from Kinsey et al..
Differenza di sesso nell'occorrenza cumulativa dell'orgasmo umano maschile e femminile con l'età. I maschi mostrano una rapida transizione alla pubertà, con orgasmo virtualmente universale subito dopo. Le femmine mostrano uno sviluppo molto più graduale, raggiungendo un massimo di circa il 90% di occorrenza intorno ai 35 anni.
Fonte: adattato da una figura di Wallen & Lloyd 2011, basata su dati di Kinsey et al ..

C'è anche una sorprendente differenza sessuale tra uomini e donne nello sviluppo dell'orgasmo. Mentre l'orgasmo maschile si sviluppa rapidamente in stretta associazione con la pubertà, la frequenza dell'organismo femminile aumenta gradualmente e raggiunge un livello massimo solo quando una donna raggiunge l'età di circa 35. Se l'orgasmo femminile fosse una veste priva di funzioni, sicuramente ci si aspetterebbe che diventasse meno probabile con età? In ogni caso, ora che è nota la piena estensione del complesso clitorideo nelle donne, sembra quasi improbabile che tale complessità si sarebbe conservata nel tempo evolutivo senza alcuna funzione di accompagnamento. Sfortunatamente, al momento non sappiamo se il clitoride ha una struttura altrettanto complessa in altre mammiferi femmine o se è unico per i primati o forse solo per le donne. Sono necessari studi comparativi per stabilire lo sfondo evolutivo del complesso clitorideo umano. Se, per esempio, l'ampia struttura ora documentata per le donne provenisse dall'antenato comune di scimmie, scimmie e umani, sarebbe estremamente difficile sostenere che si sia evoluta senza alcun vantaggio selettivo.

Per ora, sembra abbastanza probabile che il clitoride e gli orgasmi nelle donne svolgano una funzione evoluta. Piuttosto che citando pedissequamente l'osservazione superficiale di Aristotele che le donne possono concepire senza orgasmo, dobbiamo esaminare aspetti più sottili della riproduzione umana come i processi che influenzano la scelta della donna e il legame tra i partner.

Riferimenti

Bonaparte, M. (1933) Les deux frigidités de la femme. Bulletin de la Société de Sexologie 5 : 161-170.

Dawood, K., Kirk, KM, Bailey, JM, Andrews, PW e Martin, NG (2005) Influenze genetiche e ambientali sulla frequenza dell'orgasmo nelle donne. Twin Research & Human Genetics 8 : 27-33.

Landis, C., Landis.A. & Bowles, M. (1940) Sesso nello sviluppo. New York: PB Hoeber Inc ..

Lloyd, EA (2005) Il caso dell'orgasmo femminile: pregiudizi nella scienza dell'evoluzione. Cambridge, MA: Harvard University Press.

Lynch, VJ (2008) La variabilità delle dimensioni del clitoride e del pene non è significativamente diversa: mancanza di prove per la teoria del sottoprodotto dell'orgasmo femminile. Evoluzione e sviluppo 10 : 396-397.

Martin, RD (1990) Primate Origins ed Evolution: una ricostruzione filogenetica. Londra / New Jersey: Chapman Hall / Princeton University Press.

Il blog di Museum of Sex sul clitoride interno: http://blog.museumofsex.com/the-internal-clitoris/

Narjani, AE (1924) Considerazioni sur les cause anatomiques de frigidité chez la femme. Bruxelles-Médical 27 : 768-778.

O'Connell, HE, Hutson, JM, Anderson, CR & Plenter, RJ (1998) Relazione anatomica tra uretra e clitoride. Journal of Urology 159 : 1892-1897.

Pavličev, M. & Wagner, G. (2016) L'origine evolutiva dell'orgasmo femminile. Journal of Experimental Zoology (Molecular Development and Evolution) 00B : 1-12.

Udry, JR & Morris, NM (1968) Distribuzione del coito nel ciclo mestruale. Natura 220 : 593-596.

Wallen, K. & Lloyd, EA (2008) La variabilità del clitoride rispetto alla variabilità del pene supporta il nonadattamento dell'orgasmo femminile. Evoluzione e sviluppo 10 : 1-2.

Wallen, K. & Lloyd, EA (2011) Arousal sessuale femminile: anatomia genitale e orgasmo nei rapporti. Ormoni e comportamento 59 : 780-792.

Zietsch, BP & Santtila, P. (2013) Nessuna relazione diretta tra tasso di orgasmo femminile umano e numero di prole. Comportamento animale 86 : 253-255.

Solutions Collecting From Web of "Intimamente connesso"