Interviste su ammissioni (e lavoro) in programmi clinici

Poiché centinaia di persone stanno per scoprire se sono state ammesse a programmi clinici, ho pensato di condividere alcune riflessioni sul processo. Un processo di selezione ideale sembra il più possibile simile al lavoro da svolgere (dare un test di digitazione a potenziali dattilografi futuri). Inoltre, i criteri di selezione dovrebbero essere enunciati in anticipo per evitare vari pregiudizi cognitivi. Parlerò di come progettare un processo di selezione, ma voglio anche sottolineare quanto si può imparare sulla visione di un programma di psicologia clinica esaminando il suo attuale processo di selezione.

Sto parlando, in altre parole, di usare la psicologia per selezionare i futuri medici. La psicologia clinica è uno di quei campi in cui il processo di apprendimento è di per sé un argomento del campo. La teoria clinica ci dice non solo cosa sta succedendo con i clienti, ma cosa succede nelle aule, nelle supervisioni e nelle interviste ai ricoveri. Spero che i professori di istruzione usino la loro base di conoscenze per insegnare l'educazione in modo più efficace. Spero che i professori di antropologia comprendano la cultura dei loro dipartimenti e che i professori di legge dispongano di manuali per studenti particolarmente chiari. Da quello che ho visto della psicologia, però, non è così probabile.

Ci sono – sto semplificando – due tipi di programmi in psicologia clinica (o di consulenza). Il primo è dedicato allo sviluppo e all'implementazione di trattamenti cosiddetti empiricamente supportati, cioè manuali che ogni terapeuta può seguire per trattare un disturbo specifico. Dal punto di vista della ricerca, cercano persone che hanno già fatto ricerche, che hanno dimostrato la capacità di scrivere in prosa scientifica e che sono intelligenti a prescindere dagli indicatori disponibili. Dal punto di vista clinico, considerano la personalità solo nel senso che qualsiasi datore di lavoro potrebbe: Non vogliono qualcuno che infastidirà un altro lavoratore, ma questa è la sua portata. In queste scuole (e stage, cliniche e ospedali), la selezione è coerente con la loro definizione di uno psicologo. Questi luoghi stanno distruggendo il campo della psicologia clinica definendo un clinico come privo di particolari abilità oltre a seguire un manuale di trattamento – gli argomenti contro questa posizione sono legioni (guardate su Jonathan Shedler e Paul Wachtel, tra gli altri) -ma almeno sono coerenti nel trovare candidati che non hanno bisogno di mostrare alcuna promessa clinica.

Altri programmi pensano che le capacità cliniche siano essenziali per una buona terapia. I siti variano in base alla loro definizione di buona terapia, ma un approccio di base sarebbe trovare persone in grado di stabilire una forte alleanza di lavoro con potenziali clienti, dal momento che l'alleanza di lavoro sembra essere il terreno comune di tutte le terapie di successo. (Consulta la Risoluzione 2013 dell'APA sul riconoscimento dell'efficacia della psicoterapia per le citazioni). L'alleanza di lavoro richiede obiettivi reciproci, rilevanza del compito e legami emotivi. Stabilire obiettivi reciproci richiede una visione approfondita della situazione del cliente piuttosto che prendere le proprie lamentele al valore nominale. Il mio ultimo esempio è una donna che perderà il lavoro se continua a essere fobica di guidare l'autobus. Un terapeuta manuale aiuta a guidare l'autobus; un buon clinico si chiede se mantenere quel particolare lavoro sia una buona idea. Rendere la terapia pertinente al raggiungimento degli obiettivi (rilevanza del compito) richiede una dimostrazione da parte del terapeuta che la situazione terapeutica stessa sia una finestra sul problema. Come ha detto Skinner, le variabili che controllano il comportamento in ufficio sono probabilmente quelle che controllano il comportamento altrove. Un elemento chiave per stabilire la rilevanza del compito è l'introduzione del terapeuta come fonte di informazione e fonte di contro-condizionamento, in altre parole, tutti i motivi per cui la lettura di un libro sul problema non è efficace come una buona terapia. Il contro-condizionamento funziona solo se il terapeuta è resiliente di fronte a emozioni forti. Altre abilità implicite sono la mentalità psicologica e l'auto-consapevolezza. Infine, il "legame emotivo" non significa saccarine, ma il tipo di connessione che si sviluppa ogni volta che due collaboratori sono in sincronia. Le abilità associate sono la collaborazione e l'empatia.

Pertanto, un buon processo di selezione clinica dovrebbe richiedere ai candidati di dimostrare la loro capacità di pensare psicologicamente – con auto-consapevolezza affettuosa e curiosità – su se stessi e sugli altri; sviluppare un approccio collaborativo al processo di selezione (presupponendo che l'intervistatore offra un approccio collaborativo); e per mostrare intelligenza, robustezza emotiva ed empatia.

Molti programmi rivelano come realmente vedono la psicologia in cui selezionano, indipendentemente dalle loro affermazioni su quale sia la loro visione. (L'analogia nei programmi orientati alla ricerca non è nella selezione degli studenti, ma nella selezione dei terapeuti: quanti ricercatori manuali sono disposti ad accontentarsi di terapie manuali quando loro oi loro cari hanno bisogno di aiuto?) Se il programma vuole che il candidato scriva un "Dichiarazione personale" (di solito, una passeggiata nella vita della persona), ti mostra che non valgono (o non sanno come valutare) le qualità personali sopra elencate. Se l'intervista riguarda le qualifiche sulla tua vita o eventuali domande prevedibili, ti sta dicendo che non vedono i buoni medici come persone che possono pensare in piedi. Se l'intervistatore non valuta l'intervista per la quantità di collaborazione che si è verificata nel renderla un'esperienza ricca (intellettualmente ed emotivamente coinvolgente), allora ti stanno dicendo che la collaborazione non è essenziale per il lavoro clinico.

Le principali violazioni che vedo nel processo di intervista sono degne di nota. Molti clinici semplicemente non sanno come incontrare qualcuno, seguire i contatti, coinvolgerli e valutare la loro intuizione, capacità di recupero ed empatia. Molti intervistatori sono di per sé poco intuitivi, fragili e disoccupati, e cercano altri come loro. Molti hanno programmi in competizione, tra cui la politica e un diverso tipo di soddisfazione lavorativa. Francamente non ho scrupoli interni a favore dei membri dei gruppi politici sottorappresentati nella selezione, ma dovrebbero essere favoriti solo se sono tra i più perspicaci, elastici e empatici. Un altro programma in competizione è un programma speciale dell'intervistatore. Considera il professore che insegna un elettivo che ama sui disordini alimentari, ma se meno di cinque studenti lo scelgono, deve insegnare una sezione supplementare di statistiche, che lei odia. Dal momento che molti studenti che hanno avuto disturbi dell'alimentazione in adolescenza amano lavorare con le ragazze disordinate, lei promuoverà l'applicazione di chiunque sia affetto da un disturbo alimentare (o qualcuno che l'ha cercata prima dell'intervista e ha affermato di essere intensamente interessato ai disordini alimentari).

Solutions Collecting From Web of "Interviste su ammissioni (e lavoro) in programmi clinici"