Intervista sul senso del timore

Quello che segue è un estratto di un'intervista di Heidi Wachter, redattore dello staff di Experience Life Magazine -Dec. 2015 sulla coltivazione e le implicazioni dell'esperienza "stupore":

DIVENTARE IL SOGGIORNO: UNA DOMANDA E RISPOSTA CON KIRK SCHNEIDER, PHD

Un esperto leader condivide le sue idee migliori per coltivare più stupore nella tua vita.

Sperimenta la vita | Cosa definisce Awe?

Kirk Schneider | È tecnicamente definito come commistione di terrore, venerazione e meraviglia. Ma lo riassumo come l'umiltà e la meraviglia o il senso dell'avventura verso la vita. Awe è anche la capacità di essere profondamente commosso e di sperimentare le gamme più ampie di essere vivi. Per me, queste molte e contrastanti dimensioni fanno soggezione un concetto supremo di esperienza trascendentale, che troppo spesso si riduce a termini unidimensionali come beatitudine e beatitudine, ma vivere pienamente secondo me ha delle qualità scoraggianti oltre che esaltanti. Il trucco è sentirsi abbastanza liberi per sperimentare l'intensità e l'intensità di entrambi.

EL | Che cosa è impegnativo e difficile riguardo a soggezione? Potremmo evadere da esperienze che inducono timori, consciamente o inconsciamente?

KS | L'entusiasmo è stimolante perché ci sposta fuori dalla scatola della routine e familiare, e questo è sempre un po 'stridente – per quanto possa anche essere piuttosto esilarante e liberatoria. Di certo c'è una fobia soggezione che accompagna l'impoverimento stupore nella nostra società perché il nostro sistema socioeconomico si trova in un contrasto quasi diretto con la cultura del timore reverenziale.

Finché continueremo a premiare la soluzione rapida, l'efficienza e il modello di macchina per vivere – velocità, risultati immediati, aspetto e packaging – resteremo impressionanti e spaventati perché rallentiamo, fermiamo, apprezzando i paradossi di vivere – come la nostra fragilità, audacia, vulnerabilità e un profondo apprezzamento per la vita – non vanno spesso d'accordo con un mondo di "massimizzare i profitti". Quindi sì, penso che evitiamo il senso di soggezione sia consapevolmente che involontariamente nella misura in cui non riusciamo a mettere in discussione o riformare i nostri modi di vita che incutono soggezione.

EL | In che modo, appunto, un senso di timore reverenziale (o una coscienza basata sul timore) ha un impatto positivo su di noi personalmente? Quali tratti promuove? In che modo influisce positivamente (trasformativamente) sulla nostra vita se consideriamo le cose "terrificanti" e negativamente se le consideriamo "piene di stupore"?

KS | In questi giorni c'è una tendenza a ridurre lo soggezione, come tante altre emozioni energizzanti, ai cambiamenti nei marcatori biologici, a tali miglioramenti del sistema immunitario oa specifici stati di benessere.

Questi sono studi importanti e utili fino a quando vanno, ma tendono a implicare che l'acquisizione di stupore è come l'acquisizione di un farmaco per ottenere un effetto mirato desiderato. In un certo senso si trasforma in una merce che può raggiungere effetti specifici per la salute, che credo possa, e che è molto importante sapere, soprattutto perché è stato un fenomeno così sottovalutato e sottovalutato.

Ma a mio avviso, la soggezione è molto più di uno "strumento" su cui attingere per ottenere l'effetto desiderato; è un modo di essere, un atteggiamento verso la vita da momento a momento – nella misura del possibile – che è il risultato di una vita vissuta profondamente.

Non voglio dare alle persone l'impressione che il timore sia un'altra correzione rapida che può essere "usata" quando è utile o necessaria mentre il resto delle sue implicazioni, ad esempio, per un modo di vivere completamente nuovo, una società riformata – a il livello di educazione dei figli, educazione, ecologia, religione e spiritualità e persino la deliberazione legislativa e diplomatica – sono completamente trascurati. L'ammirazione è la base per una nuova identità morale ed etica nello sviluppo dell'organizzazione umana e della coscienza, e questa è la sua eredità più importante. Potrebbe aiutare a salvare la specie umana.

EL | Ci sono aree inaspettate in cui può avere un impatto?

KS | Ho già menzionato l'educazione dei figli, l'ambiente educativo, l'ambiente lavorativo, l'ambiente ambientale, le impostazioni religiose e spirituali e le impostazioni politico-deliberative. Queste possono essere sorprendenti aree di trasformazione attraverso pratiche basate su awe. Inoltre, penso che coltivare il senso di timore reverenziale e il quadro più ampio del vivere (che non "finisce" nel dogma ma nella scoperta) sia fondamentale per affrontare la depressione e molti altri disturbi psico-spirituali che sono fondamentalmente di sovraidentificazione con aspetti auto-svalutativi di noi stessi e della vita. Esempi di vita reale del potere curativo di soggezione sono le vite elastiche di Stephen Hawking, nonostante l'orribile malattia debilitante, e Viktor Frankl, sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti.

Per l'intervista completa e l'articolo su questo argomento, consultare https://experiencelife.com/article/awestruck/

Solutions Collecting From Web of "Intervista sul senso del timore"