Internet ti rende stupido e superficiale

Nota: la lettura dell'intero post sul blog con la massima attenzione potrebbe solo migliorare la tua capacità cognitiva!

Ho appena letto The Shallows di Nicholas Carr, finalista per il Pulitzer Prize 2011. Lo consiglio vivamente a chiunque sia interessato a come la tecnologia potrebbe influenzare le nostre menti. Il libro è deliziosamente leggibile, fondendo ricerca psicologica, riflessioni personali e storia per dimostrare che il modo in cui usiamo Internet sta rimodellando il nostro cervello per essere meno "letterario", meditativo, meditativo e profondo. In altre parole, rischiamo di diventare superficiali.

Mi è piaciuta la rivisitazione della scoperta neurobiologica, in particolare l'incredibile storia di come siamo arrivati ​​a comprendere la plasticità del cervello o la capacità di essere fisicamente influenzati dall'esperienza. Il tropo "neuroni che sparano insieme legano insieme" è esplorato in dettaglio; questo trasmette il messaggio che il modo in cui usiamo le nostre menti, come ci impegniamo con il nostro ambiente, ha conseguenze durature per l'architettura del nostro cervello. Carr presenta degli studi che dimostrano che leggere sul web comporta molto sfiorare, cliccare, scansionare e saltare, oltre a essere distratto dal video, ecc. (Stai ancora prestando attenzione?), E questo nel complesso significa meno comprensione profonda . Man mano che siamo distratti dai collegamenti e condotto giù le prodigiose valvole della rete, perdiamo la concentrazione. Poiché i programmi software ci "aiutano" in vari modi, la nostra capacità di risolvere creativamente i problemi da soli può essere compromessa. Essere sposati ai nostri dispositivi promuove il "multitasking" e numerosi studi hanno dimostrato che il multitasking significa in realtà fare lavori peggiori e impiegare più tempo per farlo. (Cambiare marcia richiede tempo e perdere la concentrazione degrada la qualità). Dato che Internet allena il nostro cervello alla distrazione, stiamo ricablando le nostre sinapsi e perdendo capacità di profondità. Come la psicologia orientale fa anche la sua impronta nel mondo occidentale, stiamo notando che il cervello ha molte capacità che richiedono sforzo e concentrazione per migliorare – ma il web potrebbe lavorare contro queste capacità.

Carr inoltre ripercorre la storia della lingua, dalla parola parlata attraverso le varie forme di parole scritte, culminando con la svolta della stampa Gutenberg. Nietzche, andando alla cieca, è in grado di scrivere di nuovo con l'aiuto di una macchina da scrivere, ma nota che la sua prosa cambia con il cambiamento nel mezzo anche mentre ransodizza sulla sua fusione con il dispositivo. Analogamente, altri scrittori sottolineano che la loro prosa, e forse il loro modo di pensare, cambia quando passano da elaboratori di testi lunghi a word processor. Tuttavia, per Carr, il libro, indipendentemente da come viene prodotto, è l'esperienza immersiva ideale.

È un tecnofilo auto-descritto, tuttavia, e fornisce un ampio esempio del potere e dell'utilità dei siti web. Mai prima d'ora uno scrittore aveva la capacità di essere immediatamente alla portata dei lettori di tutto il mondo. La buona scrittura tenderà probabilmente ad andare più lontano che male, e questo dovrebbe essere un vantaggio per gli intellettualmente curiosi. Tuttavia, Carr afferma che la mente riflessiva, meditativa, letteraria è messa in pericolo dal modo in cui leggiamo spesso online (ovviamente, abbiamo visto questa settimana scorsa che la divulgazione non filtrata delle informazioni può avere effetti disastrosi, come quattro americani, incluso l'Ambasciatore in Libia, Chris Stevens, sono stati uccisi sul video di YouTube insultando il profeta Maometto).

Carr è lontano dall'essere un luddista. Tuttavia, suona un forte campanello d'allarme sui cyberutopiani. Google promette di rendere immediatamente accessibili tutte le informazioni del mondo, ma ridurre i libri del mondo per cercare i foraggi del motore li degraderà indubbiamente. Invece di libri, avremo frammenti. La pensosità fenomenale che storici come Robert Caro portano al loro lavoro (scrive ancora a lungo, ad esempio) sarà ancora più rara di quanto non sia già. L'infiammazione delle informazioni potrebbe lasciarci alienati dalle possibilità più profonde della nostra stessa mente. Alcuni appassionati di tecnologia affermano che non è necessario memorizzare nulla quando è possibile vederlo quasi istantaneamente sul web. Carr sostiene che la nostra creazione di memoria è un compito sempre coinvolgente e attivo che rimodella la nostra capacità di pensare e sperimentare.

La maggior parte di noi sul web, con i nostri vari dispositivi, sta diventando consapevole sia del potenziale che dei pericoli della tecnologia. Molti di noi stanno trovando modi per ridurre il tempo su Internet: scollegamento da Internet, e-mail, Facebook, messaggi di testo, tweeting, ecc. Per ore, giorni o anche di più. Sappiamo da altri studi psicologici che prestare attenzione aumenta effettivamente la felicità. Esperienze e relazioni, più che ricchezza o proprietà, aumentano anche la felicità. Do 3000 testi al mese (la media per l'adolescente americano) migliorano l'esperienza o la relazione, o semplicemente ci spingono alla distrazione? E il contenuto del nostro schermo LCD ci riduce al minimo comune denominatore?

Una vita piena di tecnologia significa che dovremo essere più attenti selezionatori dei nostri destini mentali ed emotivi. Oppure venderemo le nostre anime al negozio di motori di ricerca.

© 2012 Ravi Chandra, MD Tutti i diritti riservati.

Newsletter occasionale per scoprire il mio nuovo libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Internet ti rende stupido e superficiale"