Internet e Suicidio

Internet e Suicidio

Ho promesso di tornare sulla questione della nostra cultura impazzita dai media e di vedere come e fino a che punto è buono e cattivo per noi. Ma altri problemi continuano a intromettersi come la morte di Sydney Pollack. Ora un altro problema legato alla morte, e, a mio modo di vedere, un altro problema di psicologia dei media, ha preso forma. Quindi, prometto che tornerò a Media-Crazed Culture, Part Deux, ma volevo togliermi questo problema dal petto, così posso fare un pisolino dopo una passeggiata di 5 miglia questa mattina.

Quasi 25 anni fa un collega universitario ha vissuto uno degli orrori definitivi e indelebili della genitorialità – il suicidio di un figlio adolescente. C'era una perplessità che circondava questa morte: era accidentale o intenzionale?

Oggi abbiamo video virali che si diffondono attraverso il cosmo di Internet a nanospeed. Ma a quel tempo, le mode e le mode si diffondevano più lentamente, ma ancora più velocemente di quanto il buon senso sostenesse e i modelli di disastri ancora emergenti potessero informare. Una di queste mode stava tagliando l'ossigeno al cervello mentre cercava di raggiungere gli orgasmi delle dimensioni della scala Richter.

Questo Santo Graal di alti livelli sessuali è stato realizzato mettendo un cappio al collo e facendo uno strangolamento controllato. Il problema era che alcune persone eseguivano la manovra in modo inetto e il soffocamento controllato era incontrollato. Il danno cerebrale o la morte si sono verificati in troppi casi. Ad oggi il mio collega non può mai essere sicuro se la morte del bambino fosse una cosa sessuale andata male o una cosa suicida andata a buon fine.

In assenza di informazioni definitive, in un modo o nell'altro, i genitori di bambini danneggiati o muoiono a causa di sciocche avventure in affari rischiosi legati a sesso, alcol o droghe, potrebbero dover scegliere tra l'intenzione e l'incidente per spiegare le volte inspiegabili. Stabilisce un dilemma di ragionamento: preferirei credere che mio figlio sia morto per caso o che intendesse togliersi la vita?

Le ramificazioni di ogni scelta comportano pesanti oneri, ma un suicidio intenzionale sembra rendere più facile per i genitori incolpare se stessi in una miriade di modi (ad esempio, Perché non ho visto i segni? Dove ho sbagliato? Aveva bisogno di un più forte mano?).

Nessuna delle due modalità di morte è senza un abisso di dolore da parte dei genitori. Ma la sofferenza per uno stupido esperimento sessuale può dare meno autocoscienza che dolore, sapendo che il bambino ha trovato la vita insopportabilmente tormentosa o interminabilmente dolorosa e che il fremito del bambino per le abilità di coping era inadeguato al compito.

Recentemente, ho parlato con un altro genitore che aveva prove definitive che il suo bambino si è suicidato 20 anni fa, piuttosto che morire per caso. La morte del bambino ha alterato la sua vita in ogni modo concepibile, come ha fatto per il collega discusso in precedenza.

Nella nostra conversazione, ho posto una domanda sfacciatamente permissiva a questo genitore: cosa accadrebbe se, al momento, suo figlio adolescente avesse avuto accesso a Internet? È possibile che abbia potuto accedere a qualche sito o forum della chat? Potrebbe avere termini di ricerca su Google come suicidio, pensieri di morte, depressione adolescenziale, ecc. E ha trovato prove o informazioni o ascoltatori anonimi, qualcuno di loro o chi avrebbe potuto guidarla lontano dal suicidio?

Il genitore ora lavora con adolescenti in questioni relative al suicidio di adolescenti e ha una notevole esperienza con il tema sfaccettato. Ascoltò la mia domanda, rifletté per un momento e poi rapidamente rispose: "Sì, penso che sia certamente possibile." Era un lampo di dolore che vedevo nei suoi occhi?

Perché lo stavo chiedendo, era curioso di imparare. "Ricerca per un giornale", gli dissi. "Voglio guardare al possibile valore terapeutico qualcosa di veramente limite-miracoloso come Internet può offrire alle persone oggi, specialmente ai giovani." Entrambi abbiamo capito che i giovani sono molto più a loro agio e abili con Internet e i suoi aspetti sociali di sono la maggior parte degli adulti, i cui anni formativi erano essenzialmente "offline". "

Allora, cosa sto ottenendo qui? Permettetemi di inquadrare i problemi come domande di ricerca che potremmo eventualmente esplorare insieme:
1. In che modo le persone che potrebbero essere sole e confuse con il loro dolore ma troppo imbarazzate o incerte nel rivolgersi a chi le circonda, trovano Internet un'opzione per esplorare nuove alternative per affrontare il dolore?

2. Potrebbe Internet essere un'opzione migliore e più selezionabile per qualcuno a disagio nel parlare con un consulente di persona o nel chiamare una hotline suicida? Il consulente e la hotline implicano parlare in tempo reale a un'altra persona, uno scambio che per molti sembra rischiare più l'esposizione di sé o di identità indesiderata rispetto a uno scambio su Internet.

Un componente chiave di sicurezza, auto esplorazione può essere l'anonimato che la varietà di siti Internet offre oggi. L'anonimato può funzionare per molti in modo che non siano soli nei loro pensieri, preoccupazioni e dolore. Viaggiare su Internet per l'input di altri può funzionare per deviare l'energia dal creare un isolamento psicologico, lontano dalla costruzione di uno spazio psicologico abilitante in cui qualcuno potrebbe facilmente parlare di sé per raggiungere la "soluzione del suicidio".

Ovviamente qualsiasi indagine sulle dinamiche della costruzione di risorse psicologiche su Internet è applicabile anche alla dinamica di esternare la rabbia e la disperazione sugli altri come nella moderna ondata di omicidi di massa nei campus scolastici e nel lavoro o in altri luoghi pubblici; o addirittura impegnarsi in quello che è diventato noto come "suicidio di poliziotto", in cui qualcuno che non può togliersi la vita ma può, con azioni criminali pubbliche, provocare un poliziotto nel farlo per loro. Per il momento, tuttavia, mi concentro sulla questione del suicidio.

Stai leggendo questo blog, quindi probabilmente sei a conoscenza del fatto che la notizia è stata recentemente riempita di storie di adolescenti che brutalizzano altri adolescenti tramite siti Internet come MySpace. In alcuni casi eclatanti, questa crudeltà ha portato gli adolescenti colpiti ad atti di suicidio. Ma c'è anche questo aspetto positivo dell'interazione sociale su internet e dei siti di raccolta di informazioni. Sono estremamente interessato a qualsiasi idea che tu possa avere sul valore di Internet nel far fronte a problemi personali, pensieri suicidi o altri stati di dolore emotivo. Conoscete i dettagli di tutti coloro che hanno beneficiato del passaggio alla rete per trovare risposte e tabelle di marcia per risolvere problemi psicologici cruciali? Il tuo contributo e il tuo feedback saranno molto apprezzati.

Agli psicologi piace spesso parlare di cosa c'è di sbagliato nelle nuove tecnologie dei media (ad es. Dipendenza da internet, teledipendenti TV). Mi piacerebbe guardare l'altro lato della medaglia per un cambiamento.

Solutions Collecting From Web of "Internet e Suicidio"