Intelligenza emotiva non rilevante per gli psicopatici

La psicopatia è un noto disturbo di personalità caratterizzato da insensibilità, emozioni superficiali e disponibilità a manipolare le altre persone per fini egoistici (Hare, 1999). I deficit emotivi sembrano essere una caratteristica fondamentale della psicopatia. Ad esempio, vi è evidenza che gli psicopatici mancano di una normale differenziazione della risposta a parole emotive e neutre e possono avere un riconoscimento compromesso di facce emotive, sebbene le prove non siano completamente coerenti (Ermer, Kahn, Salovey e Kiehl, 2012). Alcuni ricercatori hanno utilizzato test di "intelligenza emotiva" (EI) per comprendere meglio i deficit emotivi della psicopatia, con risultati alquanto contrastanti (Lishner, Swim, Hong, & Vitacco, 2011). Direi che è improbabile che i test di intelligenza emotiva rivelino molta importanza su questa area perché mancano di validità e hanno poca rilevanza per la psicopatia.

Psychopaths are deficient in emotional responsiveness to other pe
Psicopatici come Ted Bundy sono carenti nella reattività emotiva ad altre persone

Forse il test più importante dell'intelligenza emotiva oggi è il test di intelligenza emotiva Mayer-Salovey-Caruso (MSCEIT), che pretende di essere una misura oggettiva della capacità di percepire, comprendere e gestire le emozioni in se stessi e negli altri. Le abilità che presumibilmente le misure possono essere raggruppate in due aree: EI esperienziale (percepire le emozioni e "facilitare il pensiero") e EI strategica (comprensione e gestione delle emozioni). Il subtest delle emozioni che percepiscono è presumibilmente un forte indicatore dell'abilità empatica. Gli psicopatici sono noti per la loro mancanza di preoccupazione empatica per gli altri, eppure uno studio sugli uomini incarcerati con diagnosi di tratti psicopatici non ha trovato alcuna correlazione tra l'EI esperienziale e la psicopatia (Ermer, et al., 2012). Le correlazioni tra la sottoscala dell'emozione percepita e le misure di psicopatia erano tutte vicine allo zero. Gli psicopatici dovrebbero essere carenti di empatia, ma non sembravano mancare la capacità di percepire accuratamente le emozioni in questo studio. Ciò suggerisce che la misura della percezione emotiva non è un indicatore valido di abilità empatiche o che in qualche senso gli psicopatici non mancano di empatia. Forse gli psicopatici percepiscono le emozioni con precisione negli altri, ma il problema è che non sono mossi da loro. In altre parole, sanno come si sentono gli altri, ma semplicemente non se ne preoccupano.

Lo stesso studio ha trovato correlazioni negative piuttosto piccole tra "EI strategica" e tratti psicopatici, in particolare nella sottotest "Gestire le emozioni". Sul suo volto, questo potrebbe sembrare suggerire che gli psicopatici non sono bravi a gestire le emozioni in se stessi o negli altri. O lo fa? Secondo l'esperto di psicopatia Robert Hare, gli psicopatici sono molto motivati ​​a manipolare gli altri e sono generalmente pronti a leggere le motivazioni e le vulnerabilità emotive delle persone per sfruttarle (Hare, 1999). Alcuni individui psicopatici sono noti per il loro uso del fascino superficiale per convincere con successo le altre persone a fidarsi di loro, suggerendo che capiscono come usare le emozioni delle persone, semplicemente non in un modo socialmente desiderabile. La desiderabilità sociale potrebbe aiutare a spiegare perché gli psicopatici apparentemente ottengono un punteggio negativo nei test di gestione delle emozioni e di cosa significhi realmente.

La gestione delle emozioni subtest richiede di considerare uno scenario che coinvolge le emozioni negli altri e di scegliere la risposta "migliore" o "più efficace" (Ermer, et al., 2012). Lo Scoring è generalmente basato sul metodo di consenso generale, il che significa che la risposta "corretta" è quella che è stata scelta come migliore dalla maggior parte delle persone intervistate. Esiste anche un metodo di punteggio "esperto", in cui la risposta corretta è quella che viene più spesso approvata da un gruppo di cosiddetti "esperti", anche se di solito c'è poca differenza tra i due metodi, suggerendo che gli esperti concordano con il la maggioranza delle persone. Quindi, se scegli la risposta che la maggior parte delle persone è d'accordo con te, può essere considerata "emotivamente intelligente". Ciò è in netto contrasto con i test di intelligenza generale in cui persone altamente intelligenti possono produrre risposte corrette a domande difficili in cui la maggior parte delle persone non può (Brody, 2004).

In altre parole, la gestione delle emozioni subtest valuta l'approvazione delle norme sociali. Le misure EI sono progettate per valutare solo gli usi socialmente accettabili delle informazioni emotive (Ermer, et al., 2012). Gli psicopatici, d'altra parte, hanno generalmente scarso interesse nel seguire le norme sociali, in quanto le agende psicopatiche come il conning e lo sfruttamento delle persone sono generalmente disapprovate. Pertanto, i loro punteggi sui test di intelligenza emotiva possono riflettere la loro mancanza di interesse nel seguire le norme sociali piuttosto che una mancanza di comprensione di quali siano queste norme. Gli autori di un altro studio sulla capacità EI e la psicopatia (Lishner, et al., 2011) hanno riconosciuto che i partecipanti avevano poco incentivo a produrre risposte "corrette", quindi non era chiaro se le correlazioni negative tra la psicopatia e la gestione delle emozioni fossero sottotest riflette un deficit reale o una mancanza di motivazione a conformarsi. I test EI sono stati criticati come misura di conformità, quindi le misure EI come MSCEIT potrebbero non essere valide misure di abilità perché valutano la conformità piuttosto che la competenza. Le misure di EI come la gestione delle sub-emozioni valutano la conoscenza , ma non valutano l' abilità effettiva nel trattare le emozioni (Brody, 2004). Cioè, una persona può essere consapevole di ciò che dovrebbero fare quando si tratta di una persona emotiva, ma in pratica potrebbe o meno avere l'abilità o la capacità di farlo realmente. Inoltre, se una persona usa le proprie conoscenze nella vita quotidiana non è necessariamente un problema di intelligenza, poiché può dipendere da abitudini, integrità e motivazione (Locke, 2005).

Allo stesso modo per quanto riguarda gli psicopatici, il semplice fatto che non approveranno le risposte "corrette" sui test EI non significa che manchi una qualche forma di "intelligenza" necessaria per comprendere le emozioni, perché il test in sé non è una misura dell'intelligenza (Locke , 2005) ma uno di conformità alle norme sociali. Per definizione, gli psicopatici ignorano le norme sociali, quindi il test non sembra dirci nulla che non conosciamo già. Esistono misure di manipolazione del self report, ma non è chiaro se misurino l'effettiva capacità di manipolare con successo le emozioni di altre persone per guadagno personale (Ermer, et al., 2012). Comprendere i deficit emotivi in ​​psicopatia sembra cruciale per comprendere questo fenomeno importante e inquietante, ma direi che l'uso dei test di intelligenza emotiva è molto probabilmente un vicolo cieco perché le misure non sono valide e non affrontano i problemi emotivi fondamentali del disturbo. Gli psicopatici sembrano percepire accuratamente le emozioni degli altri, ma non sembrano avere una normale risposta emotiva. La ricerca focalizzata sul perché questo è il caso sembrerebbe essere una via di ricerca più produttiva.

Ti consigliamo di seguirmi su Facebook, Google Plus o Twitter .

© Scott McGreal. Si prega di non riprodurre senza permesso. Brevi estratti possono essere citati a condizione che venga fornito un link all'articolo originale.

Altri post che parlano di intelligence e argomenti correlati

Cos'è una personalità intelligente?

The Illusory Theory of Multiple Intelligences – una critica alla teoria di Howard Gardner

Perché ci sono differenze di sesso nella conoscenza generale

The Knowledgeable Personality – General knowledge and the Big Five

Personalità, intelligenza e "Realismo della Razza"

L'intelligenza e l'orientamento politico hanno una relazione complessa

Pensa come un uomo? Effetti del priming di genere sulla cognizione

Cold Winters e Evolution of Intelligence: una critica alla teoria di Richard Lynn

Più conoscenza, meno credenza nella religione?

Riferimenti

Brody, N. (2004). Che cos'è l'intelligenza cognitiva e che cos'è l'intelligenza emotiva. Inchiesta psicologica, 15 (3), 234-238.

Ermer, E., Kahn, RE, Salovey, P., & Kiehl, KA (2012). Intelligenza emotiva in uomini incarcerati con tratti psicopatici. Journal of Personality and Social Psychology . doi: 10.1037 / a0027328

Hare, R. (1999). Senza coscienza: il mondo inquietante di psicopatici in mezzo a noi . New York: The Guilford Press.

Lishner, DA, Swim, ER, Hong, PY, e Vitacco, MJ (2011). Psicopatia e abilità intelligenza emotiva: associazione diffusa o limitata tra le faccette? Personalità e differenze individuali, 50 (7), 1029-1033. doi: 10.1016 / j.paid.2011.01.018

Locke, EA (2005). Perché l'intelligenza emotiva è un concetto invalido. Journal of Organizational Behavior . doi: 10.1002 / job.318

Solutions Collecting From Web of "Intelligenza emotiva non rilevante per gli psicopatici"