Intelligenza emotiva … e ora Intelligenza personale?

Nota: è possibile trovare il numero di aprile 2014 della rivista Psychology Today in edicola. Contiene un estratto dal mio libro, "Personal Intelligence", i redattori hanno fatto un ottimo lavoro con il loro estratto: una delle cose che hanno fatto bene è iniziare con l'intelligenza personale distinta dalle altre intelligenze, principalmente dall'intelligenza emotiva e dall'intelligenza sociale. Elaboro la relazione tra quelle intelligenze in questo post. (Scientific American Mind ha anche un eccellente estratto del libro nel numero di marzo / aprile, che ho scritto circa due settimane fa qui).

Fu Aristotele che esortò i filosofi (e, per estensione, gli scienziati di oggi) a "scolpire la natura nell'articolazione". (Pensa a come intagliare un tacchino del Ringraziamento alle sue giunture riconosce le parti fondamentali dell'uccello). La mia concezione dell'intelligenza personale è un tentativo di intagliare un gruppo importante di intelligenze usando limiti significativi.

Ho scelto tre intelligenze da confrontare – personali, emotive e sociali – perché sono intelligenze "calde": si occupano di informazioni-informazioni calde alle quali siamo personalmente reattivi. Le informazioni bollenti possono bruciarci, riscaldare i nostri cuori o far bollire il nostro sangue. Le emozioni sono calde; molti aspetti del nostro concetto di sono caldi; i controlli sociali e il potere sociale sono caldi. Per sviluppare ulteriormente l'idea di queste tre intelligenze, le definirò quando le visualizzerò:

L'intelligenza personale riguarda la nostra comprensione del sistema di personalità stesso – la nostra capacità di ragionare sia sulla nostra personalità che sulle personalità di altre persone. La personalità, a sua volta, è l'organizzazione dei nostri principali sistemi mentali: i nostri motivi ed emozioni, pensieri e conoscenze, piani e stili d'azione, consapevolezza e autocontrollo.

L'intelligenza emotiva è la capacità di ragionare validamente con le emozioni e con le informazioni relative alle emozioni e di usare le emozioni per migliorare il pensiero – consiste in un insieme coerente di abilità. Altri hanno aggiunto concetti come "superottimismo", "persistenza" e "zelo" per descrivere le persone con intelligenza emotiva, ma quei termini descrivono motivazioni e non emozioni, e i tentativi di misurare tali qualità indicano che non sono correlati alla capacità di ragionare su emozioni.

L'intelligenza sociale è la capacità di comprendere le regole sociali, i costumi e le aspettative, le situazioni sociali e l'ambiente sociale e di riconoscere l'esercizio di influenza e potere nelle gerarchie sociali. Comprende anche una comprensione delle relazioni intra- e inter-gruppo.

Altri ricercatori potrebbero ritagliare queste aree di ragionamento in modo diverso. Ad esempio, Howard Gardner ha posto l'autocomprensione in un'intelligenza "intrapersonale" e capendo gli altri in una "intelligenza interpersonale". Ha anche aggiunto aspettative sociali, potere sociale e simili all'intelligenza interpersonale. Credo che ci siano molte buone ragioni per raggruppare la nostra comprensione della personalità nostra e di quella degli altri. Per esempio:

  • Usiamo lo stesso linguaggio dei tratti (ad esempio, felice, fortunato, timido, intelligente) per descrivere noi stessi e gli altri
  • Usiamo lo stesso ragionamento su piani e obiettivi per valutare se i nostri piani e obiettivi hanno senso e se i piani e gli obiettivi di altre persone hanno senso, e
  • Non possiamo valutare la quantità di un tratto che abbiamo (o qualsiasi altra qualità personale) se non confrontandoci con gli altri. Pertanto, la comprensione di noi stessi è inestricabilmente legata alla comprensione di altre persone.

Il contesto di queste tre intelligenze

Considero queste tre intelligenze come "ampie" intelligenze, un'etichetta tecnica in questo caso. Per comprendere il significato di "ampio" in questo contesto, pensa alle intelligenze disposte in una gerarchia a tre livelli, piuttosto come un organigramma con l'amministratore delegato al vertice, i manager al livello successivo e il personale in basso. L'intelligenza generale è nella posizione di "CEO" in alto. Le ampie intelligenze come l'intelligenza verbale, l'intelligenza percettiva-organizzativa (originariamente chiamata "meccanica"), l'intelligenza della memoria, la velocità nel pensare, l'intelligenza spaziale e altre qualità occupano il secondo livello. L'intelligenza emotiva (misurata come abilità, come l'ho definita con i miei colleghi) può essere una di queste ampie intelligenze – e quindi, mi aspetto, potrebbero essere intelligenze personali e sociali.

L'intelligenza personale può essere accanto all'intelligenza emotiva in quel secondo livello di intelligenze o, dato che l'intelligenza personale amplia l'idea dell'intelligenza emotiva, l'intelligenza emotiva può essere spostata al di sotto dell'intelligenza personale. (L'esatta collocazione delle intelligenze è giudicata dalle loro relazioni empiriche). Questo ha senso perché l'intelligenza personale, relativa all'emotività, si aggiunge al mix, ai motivi, alle conoscenze, ai piani d'azione e all'autocontrollo. Credo che l'intelligenza personale sia un concetto potente perché ci aiuta a concentrarci su più parti di ciò che siamo rispetto ai nostri sentimenti.

I miei colleghi ed io siamo ora in grado di specificare la conoscenza e la logica coinvolte nel ragionamento sulla personalità in modo abbastanza specifico da misurare l'abilità delle persone su di esso – e questo è un anticipo delle conseguenze. Una volta compreso, possiamo guardare le persone particolarmente talentuose in quest'area e vedere come usano il loro ragionamento sulla personalità nelle loro vite.

Nel mio libro "Personal Intelligence" ho avuto l'opportunità di esaminare il ragionamento pertinente che attua la personalità nella vita di tutti i giorni e di vedere gli effetti che possono avere sul modo in cui si comportano. Spero di aver imparato alcune cose sulla personalità dalle persone di grande talento che ho profilato, così come dalle persone che i miei colleghi e io abbiamo studiato, che misurano in modo elevato l'intelligenza personale sulle misure di laboratorio che abbiamo sviluppato.

Il numero della rivista Psychology Today che strappa e adatta diversi passaggi del libro trasmette bene alcune delle emozioni che ho provato mentre ho esplorato queste aree.

Gli appunti

Per maggiori dettagli sull'intelligenza emotiva, vedi il mio post precedente, "Che cos'è l'intelligenza emotiva e non lo è".

Copyright © 2014 John D. Mayer

Solutions Collecting From Web of "Intelligenza emotiva … e ora Intelligenza personale?"