Insonnia paradossale

"Ma doc", Jason ha insistito, "so per un fatto che ho dormito solo due o tre ore la scorsa notte! Ero sveglio la maggior parte della notte! Stavo pensando a come migliorare le vendite al ristorante, e so di avere delle buone idee. Vorrei solo poterli ricordare più chiaramente … "

Jason, un uomo giovane e ambizioso sulla trentina, è tipico dei pazienti che ho visto che hanno un particolare tipo di insonnia. Questi pazienti riferiscono spesso di dormire molto poco e tuttavia sembrano funzionare ragionevolmente bene. Ad esempio, un paziente può riportare una media di sole tre ore di sonno a notte, e tuttavia essere in grado di fare abbastanza bene sul lavoro senza sperimentare sonnolenza diurna. In effetti, la denuncia è di solito di non essere in grado di fare un sonnellino anche quando viene data l'opportunità.

Che cosa sta succedendo qui? Di solito ottenere solo poche ore di sonno si tradurrà in privazione del sonno. Ciò si traduce in difficoltà di memoria, difficoltà di messa a fuoco, affaticamento profondo, sonnolenza e comportamenti automatici. I comportamenti automatici si verificano quando la persona si impegna in attività ma non ne ha memoria. Probabilmente tutti abbiamo sperimentato un po 'di debito del sonno e dei comportamenti automatici che possono esserci, come la consapevolezza che abbiamo versato una tazza di caffè ma non ricordo chiaramente di averlo fatto. È come se la persona fosse sul pilota automatico. Il potenziale di addormentarsi al volante o durante l'uso di macchinari o software mission critical è anche un pericolo significativo con la privazione del filtraggio.

Questo non succede con persone come Jason. Lui e quelli come lui provano un'insonnia così intensa che credono di non dormire quasi del tutto nonostante trascorrano una quantità significativa di tempo a letto. A quanto pare, gli studi sul sonno hanno rivelato che a volte le persone hanno grandi difficoltà a stimare con precisione quanto tempo impiega loro ad addormentarsi e quanto a lungo sono svegli durante la notte. Le persone che percepiscono erroneamente lo stato di sonno in cui si trovano non sono brave a fare queste stime. Ciò è probabilmente dovuto agli alti livelli di eccitazione che mantengono il cervello più attivo anche durante il sonno e rendono difficile giudicare la veglia rispetto al sonno.

Quando si utilizzano metodi di trattamento cognitivo comportamentale per l'insonnia, spesso ci affidiamo a riviste di sonno soggettivamente completate, in quanto sono utili anche per persone come Jason che stanno percependo erroneamente la quantità di sonno che stanno ricevendo. Usando la tecnica della limitazione del letto, il tempo della notte trascorso a letto è ridotto a poco più del tempo medio di sonno notturno stimato che la persona ha riferito di avere nel corso della settimana precedente o due. Per Jason, che ha riportato una media di quattro ore di sonno a notte nonostante abbia trascorso sette ore a letto, ciò significava ridurre il tempo a letto a sole cinque ore a notte. Questa tecnica si traduce in un sonno più profondo per una serie di motivi. Poiché le persone si svegliano più a lungo durante il giorno, l'unità per dormire è aumentata con conseguente sonno più profondo. Il tempo di frustrazione a letto è diminuito, con conseguente minore eccitazione che peggiora l'insonnia. Sonno di scarsa qualità facilmente percepibile in modo errato in quanto la veglia si riduce man mano che il sonno si approfondisce. Mentre il sonno è approfondito, è più riparatore. Se le persone hanno dormito più di quello che pensano di avere a causa di una cattiva percezione dello stato del sonno e usano la limitazione del sonno, noteranno che la ridotta quantità di sonno è probabilmente più profonda e più riparatrice. Jason è stato piacevolmente sorpreso di quanto si sentisse molto meglio dopo aver passato meno tempo, non di più, a letto! Quindi qual è la sua diagnosi, e oltre alla limitazione del letto, cosa si può fare per aiutare?

Le persone che percepiscono erroneamente la quantità di tempo in cui dormono durante la notte e soffrono di sonno non ristoratore, di cattiva qualità e affaticamento durante il giorno sono diagnosticate con insonnia paradossale. Uno dei punti focali della ristrutturazione cognitiva in questo caso è aiutare il paziente a riconoscere che in effetti stanno davvero dormendo più di quanto pensassero.

L'insonnia paradossale è l'errata percezione dello stato di sonno, "insonnia senza risultati oggettivi". Il livello di danno diurno non è uguale a quello che ci si aspetta dalla mancanza di sonno segnalato. Spesso i pazienti riferiscono che il loro coniuge ha dichiarato di essere addormentato, quando erano abbastanza certi di essere effettivamente svegli. Gli studi sul sonno in genere confermano che il sonno misurato oggettivamente è maggiore di quello riferito soggettivamente. I pazienti non sono malinging e sono spesso sorpresi dal fatto che abbiano dormito tanto quanto lo studio indica che lo hanno fatto. Come Jason, inizialmente potrebbero avere difficoltà a credere che in realtà dormissero tanto quanto indica lo studio del sonno. Questo tipo di insonnia deriva da un eccesso di eccitazione che influenza il sonno in modo tale che la persona trascorre più tempo in stadi più leggeri del sonno e ha un'attività cognitiva più intensa in questi stadi più leggeri. È spesso il caso che i pazienti con insonnia paradossale riportino un pensiero eccessivo durante la notte, ma hanno relativamente poco ricordo del suo contenuto.

Un fattore complicante è che molte persone con insonnia dormiranno meglio in laboratorio, nonostante la novità e il disagio di essere osservati mentre cercano di dormire in un letto non familiare con molti elettrodi attaccati alla testa e al corpo. Questi pazienti hanno condizionato l'eccitazione di essere nel loro letto e nella loro camera da letto e in realtà dormono molto meglio in un ambiente nuovo, ancora meno confortevole. Sono abituati a non dormire bene nel proprio letto; non dormire bene a casa è diventata una risposta condizionata. Per questi pazienti, stare in laboratorio durante il sonno è una pausa da questo schema e quindi dormono meglio.

Per Jason e altri con insonnia paradossale, tuttavia, l'esperienza del laboratorio del sonno è quella di impiegare più tempo per addormentarsi e di essere più sveglio durante la notte di quanto lo studio del sonno dimostri. Non sentono di aver dormito meglio in laboratorio.

L'insonnia paradossa si riscontra solo nel 5% circa dei pazienti che si presentano per il trattamento dell'insonnia. Gli adulti giovani e di mezza età tendono ad avere una maggiore prevalenza di insonnia paradossale, e spesso inizia nella giovane età adulta e nella mezza età. È relativamente raro tra i bambini. Diversi fattori aumentano il rischio di insonnia paradossale. Questi includono i tratti depressivi, l'eccessiva attivazione del sistema nervoso centrale durante il sonno e l'eccessiva mentazione prima e durante il sonno.

Mentre il sonno paradossale può spesso essere trattato efficacemente con strategie cognitive comportamentali come la limitazione del sonno e la ristrutturazione cognitiva, può persistere per mesi o anni se non trattato. Una preoccupazione ancora maggiore è che il sonno può continuare a deteriorarsi nel tempo e svilupparsi in forme più gravi di insonnia, aumentando il rischio di depressione, ansia e dipendenza dai farmaci per dormire.

Se tu o qualcuno che conosci soffre di insonnia è una buona idea farla valutare e trattare il prima possibile, altrimenti c'è il rischio che il condizionamento peggiori e diminuisca notevolmente il godimento della vita. La buona notizia è che il sollievo dall'insonnia è a vostra disposizione. Se tu, come Jason, sei uno dei 5 perentori che hanno l'insonnia paradossale, o se la tua insonnia è del tipo più comune, le tecniche cognitive e comportamentali possono effettivamente alleviare i sintomi con successo e ti aiutano ancora una volta a ristorarti, rinfrescare, dormire . Zzzzzzzzzz …

Solutions Collecting From Web of "Insonnia paradossale"