Insight Into Autism: The Latest Brain Research

I Centers for Disease Control hanno recentemente annunciato che i tassi di prevalenza di autismo negli Stati Uniti sono aumentati, indicando che uno su 68 bambini americani sono nello spettro autistico (uno stimato su 42 ragazzi e uno su 189 ragazze). Attualmente milioni di americani di tutte le età rientrano nello spettro autistico.

La maggior parte delle persone sa qualcosa sull'autismo, eppure pochi lo riconoscono come un disturbo cognitivo sociale. Disturbo dello spettro autistico (ASD) impatta comunicazione, interazione sociale e apprendimento. A differenza di una gamba rotta, ad esempio, un disturbo del cervello come l'autismo, non può essere visto, se non attraverso un comportamento considerato "anormale" o "diverso".

Aprile è il mese della sensibilizzazione all'autismo nazionale, un buon momento per mettere a tacere alcune delle idee sbagliate sull'autismo e per evidenziare una nuova eccitante ricerca sul cervello che aiuterà un maggior numero di individui con autismo a raggiungere un successo nella vita produttiva.

Come la disabilità dello sviluppo in più rapida crescita con un tasso di crescita annuale del 10-17%, i sintomi dell'autismo differiscono da individuo a individuo. Alcuni sono solo lievemente colpiti e forse molto intelligenti. Possono avere problemi nel fare amicizie ma funzionano bene nella maggior parte, se non in tutte, le aree accademiche. Quelli più gravemente colpiti potrebbero non essere nemmeno in grado di impegnarsi in un significativo scambio di comunicazioni, mentre altri potrebbero esibire comportamenti isolanti o esplosioni incontrollabili di emotività, agendo in modo frustrante.

Non importa dove gli individui cadono nello spettro autistico, quelli diagnosticati spesso lottano per avere successo in un mondo basato sull'interdipendenza umana. Gli individui con diagnosi di autismo spesso hanno una cognizione sociale alterata o difficoltà a osservare le regole sociali, partecipare alle routine sociali, o comprendere ed esprimere emozioni. Per i genitori, questo può essere straziante, in quanto si chiedono se il loro bambino sarà in grado di finire la scuola; gli adolescenti con autismo desiderano le amicizie e le relazioni romantiche, e gli adulti con autismo vogliono disperatamente riuscire a mantenere un lavoro significativo.

L'autismo può essere paragonato alla dislessia, in cui i diversi tipi di problemi di lettura nella dislessia sono dovuti a diverse regioni del cervello che non funzionano correttamente. Nell'autismo, ad esempio, le reti nel cervello che consentono di comprendere ed esprimere le normali emozioni possono essere scarsamente collegate. Credere che le persone con autismo non abbiano bisogno o vogliano amici è di suggerire che le persone con dislessia non vogliono leggere. Lo vogliono disperatamente. Gli individui con autismo desiderano appartenere.

Fortunatamente, la ricerca presso il Centro per BrainHealth sta fornendo nuove informazioni sui disordini dello spettro autistico e le modalità per addestrare le persone con la diagnosi a raggiungere il loro pieno potenziale. Sappiamo che alcune aree del cervello sono utilizzate per navigare attraverso interazioni sociali dinamiche. Possiamo effettivamente vedere le differenze nel cervello delle persone con autismo attraverso l'imaging cerebrale avanzato. E abbiamo imparato che attraverso la stimolazione intensiva a breve termine, possiamo "ri-collegare" il cervello in una certa misura, migliorare la consapevolezza emotiva in individui con autismo ad alto funzionamento e aiutarli a connettersi con gli altri.

Uno dei nostri progetti più interessanti utilizza un esclusivo intervento di realtà virtuale che mappa e tiene traccia delle espressioni facciali durante le interazioni. Abbiamo assunto esperti in tecnologie di gioco per creare un ambiente digitale che simuli una varietà di scenari e interazioni sociali che si verificano nella vita quotidiana; il programma per computer impiega una tecnologia dinamica e feedback visivi e uditivi per migliorare la risposta del cervello.

Il nostro team scientifico collabora con i ricercatori del Yale's Child Study Center per testare la fattibilità di fornire un programma di formazione basato sulla ricerca a giovani adulti in tutto il paese. Una persona con autismo può usare la tecnologia per "esercitarsi" e affinare le proprie abilità iniziando una conversazione con una persona che vorrebbero incontrare, intervistando per un lavoro o alzandosi in piedi confrontandosi con un amico o un collega. Praticare l'interazione sociale in un ambiente di gioco sicuro e non minaccioso aiuta le persone a ridurre l'ansia e acquisire la sicurezza e le capacità di cui hanno bisogno per tentare più interazioni sociali nella loro vita quotidiana.

I partecipanti stanno vivendo grandi risultati con questo intervento. Come diceva una giovane donna, "Sembra reale. Sapevo che si trattava di una realtà alternativa, ma provavo le stesse emozioni che avrei provato nella situazione reale che stavo praticando. "Dice che ha" ora fatto veri amici, amici di lunga data "e che il programma le ha mostrato il significato di amicizia.

L'autismo è una diagnosi molto difficile, perché colpisce le aree del cervello che governano le interazioni e le relazioni sociali, le fondamenta stesse della vita familiare e comunitaria. Ma quelli con la diagnosi non devono sentirsi senza speranza o credere che l'isolamento sia il loro unico futuro. La ricerca per migliorare la cognizione sociale nell'autismo sta mostrando grandi promesse e gli interventi stanno portando nuove speranze per una vita migliore e più connessa per queste persone.

Copyright Sandra Bond Chapman

Solutions Collecting From Web of "Insight Into Autism: The Latest Brain Research"