Insieme ma ancora solitario

Essere sposati non offre protezione dai pericoli della solitudine: gli studi indicano che circa il 20% della popolazione generale soffre di solitudine cronica in un dato momento, e in uno studio recente di anziani, il 62,5% delle persone che hanno riferito di essere soli erano sposati e vivere con il proprio partner.

Come la solitudine influisce sulla nostra salute fisica e mentale

In genere non concepiamo la solitudine come una condizione che richiede un intervento urgente, ma forse dovremmo. Oltre all'angoscia emotiva crea anche la solitudine, ha anche effetti devastanti sulla nostra salute mentale e fisica. La solitudine deprime il funzionamento del nostro sistema immunitario, aumenta le risposte infiammatorie che ci mettono a maggior rischio di malattie cardiovascolari e può letteralmente ridurre la nostra longevità. Sul fronte della salute mentale, la solitudine ci mette a rischio di depressione e ansia e ci induce a distorcere le nostre percezioni in modo tale da vedere noi stessi, le nostre vite e le nostre relazioni in modo più negativo – il che a sua volta influenza il nostro comportamento in modi dannosi.

Come la solitudine influisce sulle nostre relazioni

La solitudine distorce il modo in cui vediamo le altre persone e ci fa svalutare le nostre relazioni. Noi percepiamo gli altri come meno premurosi, meno interessati e meno impegnati di quanto non siano in realtà, e giudichiamo che le nostre relazioni siano più deboli e meno soddisfacenti di quanto potrebbero essere realmente. Nel tentativo di proteggerci da ulteriori danni emotivi, diventiamo iperattenti a qualsiasi segno di rifiuto da parte degli altri e più inclini a perdere i segnali di accettazione. Di conseguenza – e spesso senza rendercene conto – lo diventiamo eccessivamente difensivi e incontriamo gli altri come distaccati, distaccati o persino ostili, che li spingono solo più lontano.

Come funziona la solitudine nei matrimoni

Anche se potremmo credere che il matrimonio possa isolarci dalle devastazioni della solitudine, non è così. La solitudine è determinata dalla qualità soggettiva delle nostre relazioni, non dalla loro quantità oggettiva, né semplicemente dal fatto che viviamo con un coniuge. La solitudine nel matrimonio spesso avviene lentamente, poiché la disconnessione che sentiamo dal nostro coniuge aumenta gradualmente nel corso degli anni.

A un certo punto, le discussioni su interessi reciproci, eventi mondiali, obiettivi e sogni cessano del tutto e le conversazioni diventano puramente transazionali: "Abbiamo bisogno di latte", "Tua madre ha chiamato" o "Ti sei ricordato di pagare la bolletta del cavo?" O incentrato esclusivamente sulla genitorialità. Ci occupiamo anche di routine quotidiane che favoriscono la distanza emotiva: una persona guarda la televisione di sera mentre l'altra è sul computer, o una va a letto alle 21:00 e si sveglia alle 5 del mattino mentre l'altra va a letto a mezzanotte e si sveglia 8 del mattino. In breve, perdiamo l'amore e l'affetto ma rimaniamo nel matrimonio; per ironia della sorte, spesso per paura di sentirsi soli, anche se così facendo, siamo potenzialmente condannati alla solitudine che stavamo cercando di evitare.

Come combattere la solitudine nel matrimonio

L'isolamento emotivo che ci avvolge quando siamo soli porta i nostri muscoli relazionali ad atrofizzarsi, come raramente li usiamo in modi significativi. Per migliorare la qualità della nostra relazione, dobbiamo rafforzare questi muscoli. Fare ciò richiede pratica e pazienza, ma migliorare le nostre abilità arrugginite (anche se non ci sentiamo arrugginiti) può fare una differenza significativa nella qualità del nostro legame relazionale e approfondire le nostre connessioni con altre persone significative nelle nostre vite anche:

1. Prendi l'iniziativa. Se sei solo, è probabile che anche il tuo partner sia. Ma sono anche probabilmente intrappolati in un ciclo di disconnessione emotiva e si sentono impotenti a romperlo. Prova ad avviare conversazioni che non riguardano dettagli transazionali. Chiedete loro le loro opinioni su qualcosa a cui stanno a cuore e assicuratevi di dimostrare che state ascoltando. (Vedi "Come convalidare le emozioni di qualcuno.") Non aspettarti che si ricambiano subito, poiché le abitudini richiedono tempo per cambiare, ma dopo alcuni gesti di buona volontà probabilmente restituiranno il favore.

2. Crea esperienze condivise. Se il tuo coniuge è nell'altra stanza a guardare il loro programma preferito, siediti accanto a loro (all'inizio dello spettacolo) e dì: "Ami questo spettacolo così tanto che voglio provarlo." Potrebbero essere confusi, sospettosi o entrambi, ma solo essere sinceri e provare a vedere lo spettacolo attraverso i loro occhi, anche se non è il tuo genere. Dopo lo spettacolo, dì loro quello che hai apprezzato, anche se è stato terribile, trova qualcosa!

Puoi anche suggerire alcune attività che richiedono uno sforzo minimo (che ridurranno al minimo le obiezioni) come le passeggiate intorno all'isolato o nel parco, cucinare un pasto insieme, guardare il video del tuo matrimonio o quello dei tuoi figli (ricordandoti di tempi più connessi), organizzare un album fotografico insieme, o scrivere una lettera insieme a un amico comune del familiare.

3. Pratica prendendo la loro prospettiva. Quanto più siamo sposati, tanto più tendiamo ad assumere che sappiamo cosa sta pensando l'altra persona. Ma la ricerca indica chiaramente che non è così. Capire la prospettiva di un'altra persona (nota come presa di prospettiva ) è un esercizio mentale che non possiamo saltare. In realtà dobbiamo chiudere gli occhi e concentrarci per alcuni minuti (non secondi) sulla prospettiva dell'altra persona, immaginando il loro mondo e il loro punto di vista al suo interno. Acquisire una maggiore comprensione dei pensieri e dei sentimenti del partner ti permetterà di esprimere più comprensione e comprensione verso di loro, a sua volta, approfondendo il tuo legame reciproco (vedi "Come testare la tua empatia").

Per ascoltare la mia esperienza con la solitudine, vedi il mio TED Talk about Psychological Health qui:

Per modi provati di combattere la solitudine (sia per le persone single che per le persone sposate), dai un'occhiata al mio nuovo libro, Emotional First Aid: Healing Rejection, Guilt, Failure e Other Everyday Hurts (Plume 2014).

Clicca qui per iscriverti alla mia mailing list e ricevere un regalo esclusivo: Come recuperare dal rifiuto

Seguimi su Twitter @GuyWinch e come la mia pagina Facebook.

Potrebbe piacerti anche:

  • Gli altri sottostimano il tuo dolore emotivo?
  • I sette pericoli nascosti di rimuginare e ruminare

Copyright 2013 Guy Winch

Immagine teaser per gentile concessione di freedigitalphotos.net

Solutions Collecting From Web of "Insieme ma ancora solitario"