Inside The Digital Lives of Teens

La maggior parte degli adolescenti americani ha usato una qualche forma di social media. E il 75% mantiene un profilo sociale online, principalmente tramite Facebook. Un recente studio di ricerca, Social Media, Social Life: How Teens View Their Digital Lives , offre una visione affascinante delle abitudini digitali dei 13-17enni di oggi e di come i social media li facciano sentire su se stessi.

Alla domanda su come i social media hanno influenzato il loro benessere emotivo, gli adolescenti hanno riportato risultati positivi in ​​modo schiacciante. Avevano molte più probabilità di dire che si sentivano più sicuri, meno depressi, più estroversi, più popolari, meno timidi e più comprensivi verso gli altri a causa delle loro interazioni online. Tuttavia, per circa il 5% dei giovani, i risultati sono stati più negativi.

La maggior parte degli adolescenti (52%) afferma che i social media hanno migliorato le loro relazioni con gli amici mentre solo il 4% afferma che le amicizie sono state danneggiate. Allo stesso modo, molti altri riferiscono che i social media hanno aiutato i rapporti con i membri della famiglia (37%) piuttosto che ferirli (2%).

Dallo studio di 40 pagine, sono emersi tre risultati che saranno particolarmente pertinenti per i genitori dei nativi dei social media …

1. La comunicazione faccia a faccia è elevata

Contrariamente alle paure che le comunicazioni digitali trasformeranno i giovani in creature robotiche incapaci di relazionarsi in modo intelligente nel mondo reale, la maggior parte degli adolescenti preferisce interazioni faccia a faccia. Questa scoperta supporta il mio studio di ricerca sui giovani impegnati civilmente. Mentre i ragazzi del mio studio erano molto attivi nel mondo online, hanno ammesso che il loro più grande apprendimento e divertimento derivavano da relazioni faccia a faccia.

Il motivo per cui osserviamo così tanti giovani messaggi di testo è perché il 68% di loro lo fa ogni giorno! Accanto alle interazioni faccia a faccia, il testo è re. Perché? Gli adolescenti dicono che è veloce, facile e dà loro l'opportunità di pensare prima di rispondere.

Dal momento che apprezzano le relazioni faccia a faccia, molti hanno concordato sul fatto che i social media richiedono tempo per stare con le persone di persona, che spesso percepiscono come un dilemma.

2. A volte gli adolescenti vogliono staccare la spina

Come gli adulti, gli adolescenti spesso sentono il bisogno di staccare la spina dalla loro vita digitale. Un giovane ha detto: "A volte è bello sedersi e rilassarsi senza poter comunicare con nessuno".

Alla domanda se si sentissero "dipendenti" dai loro telefoni cellulari, il 41% ha risposto "Sì". E hanno anche sottolineato che i genitori erano dipendenti anche dai gadget. Infatti, molti genitori desiderosi avrebbero trascorso meno tempo sui loro dispositivi e si sentirono frustrati quando la gente navigava su internet, controllava la posta elettronica o mandava un sms mentre erano in giro insieme.

3. I social network iniziano presto

Facebook è di gran lunga l'esperienza di social networking preferita dagli adolescenti. I tre quarti dei giovani dai 13 ai 14 anni frequentano spesso i social network e arrivano all'87% quando raggiungono i 15-17 anni.

Mentre molti adolescenti dicono di capire le politiche sulla privacy di Facebook, molti non lo fanno. Prima che il tuo adolescente pubblichi un profilo, questa è una delle cose più importanti per aiutarli a rivedere e capire. I giovani devono riconoscere che i loro profili digitali li seguiranno per il resto della loro vita.

Tra gli adolescenti con un profilo sociale online, ci sono tre motivi per cui godono e beneficiano del social networking. 1) Li aiuta a rimanere in stretto contatto con gli amici, in particolare quelli che non vedono regolarmente, 2) Diventano più profondamente informati con gli studenti nelle loro scuole, e 3) Sono in grado di connettersi con le persone con cui condividono interessi comuni.

I genitori dovrebbero preoccuparsi?

Molti genitori temono che Facebook e altri siti di social network porteranno danni emotivi ai loro figli, sia da parte di predatori, cyberbullismo o amici sconsiderati. Ma la maggior parte degli adolescenti non crede che questi siti li influenzino emotivamente, in un modo o nell'altro.

Per i giovani che riferiscono un cambiamento nella salute psicologica, solo una piccola percentuale ha segnalato un cambiamento negativo. In effetti, il benessere emotivo non era discernibile in modo diverso se un adolescente era un social network pesante o leggero.

Un risultato problematico di questo studio è la frequenza con cui gli adolescenti incontrano discorsi di odio online. Questo include un linguaggio sessista, omofobico, razzista o dispregiativo in altri modi. Il 40% degli adolescenti dichiara che questo è un elemento comune del dialogo online. È una buona idea per i genitori preparare gli adolescenti per questo e insegnare loro come rispondere. Leggi l'articolo, Insegnamento della civiltà in una società F-Word , per qualche consiglio.

Questo studio, sebbene di portata limitata, può dare ai genitori una certa tranquillità. Mentre il cyberbullismo è reale e alcuni giovani sono realmente danneggiati dalle loro relazioni online, queste situazioni sono l'eccezione, non la regola. Dovremmo stabilire delle regole e dare ai bambini le linee guida per il comportamento online proprio come facciamo per il comportamento nel mondo reale.

La linea di fondo: fai un respiro profondo e sii grato per il fatto che la maggior parte degli adolescenti che usano i social media e i dispositivi digitali riportano un senso generale di felicità e sicurezza. E nonostante il fatto che le loro vite siano intrecciate con la tecnologia per sempre, apprezzano soprattutto il tempo che passano faccia a faccia con i loro amici e familiari. Speriamo che non cambi mai!

Crediti fotografici: Jhaymesisviphotography; Carlos Smith

© 2012 Marilyn Price-Mitchell. Tutti i diritti riservati. Si prega di contattare per il permesso di ristampare.

Marilyn Price-Mitchell, PhD, è una psicologa dello sviluppo e ricercatrice che lavora all'incrocio tra psicologia, educazione e impegno civico giovanile. Seguila su TWITTER o FACEBOOK

Solutions Collecting From Web of "Inside The Digital Lives of Teens"