'Inside-Out' va nel profondo

imdb.com
Fonte: imdb.com

Per vent'anni, Pixar Animation ha prodotto film tecnicamente brillanti, esteticamente audaci e perspicace dal punto di vista psicologico. Lo studio lo ha fatto di nuovo con il blockbuster di questa estate, Inside Out .

Nessun altro studio potrebbe cavarsela con una premessa così palesemente psico-educativa: "Facciamo un fumetto che rappresenti diversi aspetti del funzionamento del cervello in relazione alle emozioni, alla memoria e all'identità." Sembra qualcosa di simile a una conferenza per l'insegnamento della psicologia. Si può immaginare il prodotto di un piano del genere che si stacca come un video fatto in modo che gli insegnanti mostrino agli studenti non impressionati di ammazzare il tempo.

Eppure Inside Out riesce a mantenere il suo flusso divertente attraverso e persino a offrire alcune intuizioni lungo la strada – gli esseri umani hanno parti diverse per noi stessi e queste diverse parti non hanno sempre le stesse motivazioni. Questa idea ha visto molte variazioni nella storia della psicologia. La moderna ricerca sul cervello sostiene che abbiamo sistemi neurali separati per ciascuna delle nostre emozioni primarie; mentre questi sistemi interagiscono, un'emozione può dominare in una situazione particolare che richiede un'azione enfatica (come la rabbia in una lotta). Un approccio attualmente popolare alla psicoterapia chiamato Internal Family Systems asserisce che ognuno ha parti diverse per sé e che ci possono essere problemi quando una di queste parti si separa dal resto del sé. Sono parziale alla teoria classica di Carl Jung che sostiene che ognuno di noi è abitato da una varietà di archetipi o "personaggi" che competono per l'influenza nella nostra vita quotidiana.

In Inside Out , l'immediato richiamo a testimoniare i personaggi basati sull'emozione di Gioia, Tristezza, Rabbia, Disgusto e Paura interagiscono l'uno con l'altro all'interno della mente di Riley, 10 anni fa, l'idea della "molteplicità di sé" sembra buon senso. Con una piccola riflessione, chi non è in grado di relazionarsi con un'esperienza interiore di conflitto tra voci e impulsi diversi di fronte a una situazione interpersonale complicata oa una scelta difficile? Il film prende questa idea e corre con essa in modi divertenti, eccitanti e commoventi (per non parlare dell'oro al botteghino).

Nonostante questa approvazione della cultura pop, il sé multidimensionale rimane un'idea controversa per molti (inclusi alcuni psicologi). Ci piace aggrapparci a una nozione di identità personale in cui pensiamo di avere un sé unico e unificato, completamente conoscibile e responsabile di tutti i nostri comportamenti. In definitiva, questa nozione non è tollerabile nella vita di tutti i giorni.

Immagina la sensazione di disorientamento nell'apprendere che un uomo che conosci essere un devoto e amorevole marito ha tradito sua moglie. Potremmo cercare di risolvere questo dilemma semplicemente cambiando la nostra valutazione dell'uomo ("È un idiota"), ma se lo conosciamo bene e possiamo pensare a una miriade di comportamenti amorevoli che ha dimostrato. Potremmo chiederci: "Chi è il vero uomo (l'imbroglione o il marito premuroso)?", Allo stesso modo, potremmo chiedere: "Chi è il vero Riley (il delizioso bambino giocherellone o il pigro, petulante pre-adolescente in fuga) " Inside Out ci dice che è" entrambi ". Questa risposta è ovvia per chiunque si sia riferito al film, ma è anche inquietante per la parte di noi che vuole una risposta unica e inequivocabile.

Il dramma tra i personaggi nella testa di Riley è in qualche modo semplificato rispetto a una visione junghiana di una moltitudine di personaggi archetipici che partecipano a un'epopea shakespeariana in corso. Ci sono solo 5 personaggi interni in Inside Out , e l'azione principale è tra solo due di essi, Gioia e Tristezza. Questa semplificazione può essere facilmente giustificata perché è un film per bambini, dopo tutto. Eppure Inside Out offre almeno una sfida in più alle assunzioni comuni sostenendo l'importanza della tristezza.

All'inizio del film, la situazione è molto sicura (Disneyesque se vuoi). La gioia è in carica. Le altre emozioni hanno un ruolo, ma è compito di Joy assicurarsi che non abbiano troppo potere. In realtà, l'ideale di Joy è che le altre emozioni siano effettivamente inerte; per la maggior parte, il resto della banda suona insieme a questa ipotesi. Una minaccia allo status quo emerge ovviamente, ma come nella maggior parte dei film per ragazzi mainstream, ci aspetteremmo che il mondo dominato dalla gioia si reintegrerebbe alla fine.

Inside Out documenta uno spostamento evolutivo in Riley in cui non si può tornare indietro. Per essere onesti (e il film è onesto), il passaggio dalla sfocatura irriflessiva dell'infanzia alla laboriosa formazione di un'identità stabile nell'adolescenza è intrinsecamente doloroso. Nell'infanzia di Riley, la Tristezza era solo un'emozione rara che Riley avrebbe vissuto per brevi momenti prima che l'onnipotente Gioia risolvesse le cose.

Ciò che è un po 'radicale nella fine di Inside Out è che la tristezza non è solo una parte del sé ma a volte la parte giusta . Ci sono cose che devono essere pianificate nella vita, come la perdita di vecchi amici e l'innocenza dell'infanzia stessa. La crescita può venire solo attraverso queste esperienze difficili, e solo la tristezza può portare questa saggezza al giovane Riley. Questo potrebbe non essere un nuovo punto di vista, ma non è probabile che lo si trovi molto spesso nei blockbuster estivi. Tranne film Pixar, naturalmente.

Solutions Collecting From Web of "'Inside-Out' va nel profondo"