Inside Inside Out (No Spoiler!)

Quando ho appreso che Jung concettualizzava la psiche umana come una popolazione di archetipi o figure indipendenti, ero già fluente nella teoria dei sistemi e ho immediatamente pensato che queste cifre fossero organizzate sistematicamente, come una famiglia o un paese. Ogni paese ha Putin; una cosa che rende la Russia diversa dagli altri paesi è che in Russia, uno dei loro Putin è in carica. Ogni psiche ha un narcisista, un aspetto del sé che è fondamentalmente interessato a cercare il numero uno; ciò che rende il narcisista reale diverso dalla maggior parte delle persone è che nella persona narcisistica è responsabile il narcisista interiore. I messicani sono nel complesso molto simili ai cubani (o ai cittadini di qualsiasi altro paese), ma spero che non offender nessuno se suggerisco che il Messico ha troppo poco governo e Cuba troppo, proprio come gli isterici hanno troppo poco governo interno e ossessivo-compulsivo troppo. Ho sempre visto questa visione della gente come un matrimonio tra Bateson e Jung, ma recentemente ho scoperto che questo è il "modello di sistemi familiari interni" di Dick Schwartz.

Quindi ero felice di vedere persone in Pixar's Inside Out dipinte come veicoli per le popolazioni interne. Ho apprezzato molto il film e ho adorato il messaggio generale di auto-accettazione. Tuttavia, ho dovuto superare la descrizione delle figure interne come emozioni piuttosto che come personaggi. Nell'ormai defunto Cranium Command presso l'Epcot Center, i personaggi includevano Cervello Destro, Funzioni Esecutive, Stomaco e Adrenalina. Woody Allen ha mostrato il funzionamento interno di Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sul sesso, con Tony Randall come dirigente. Il cast di Jung comprendeva Sennix, Puer e l'eroe, tra una miriade di altri. Puoi scoprire i personaggi che tipicamente popolano la tua psiche guardando i tuoi sogni e i tuoi primi ricordi. In un certo senso (ma solo in alcuni), questa prospettiva sta dicendo che ognuno ha più personalità o alterazioni.

Il problema di immaginare la psiche come popolata di emozioni è che c'è un'emozione diversa per ogni situazione. Non c'è niente come Anger o Joy, più di quanto non ci sia una cosa come le razze bianche o nere. Alcune persone e alcune emozioni sono simili l'una all'altra in modi che ci viene insegnato a enfatizzare, ma raggrupparle in quelle particolari categorie – i nomi delle emozioni o dei nomi delle razze – sono arbitrarie. La rabbia che senti quando viene interrotta nel traffico non è molto simile alla rabbia che provi quando il tuo bambino tira la tovaglia dopo che gli hai detto di non farlo, ed entrambi non sono molto simili alla rabbia che provi quando qualcuno riesce a cavarsela con un'ingiustizia. La rabbia è il nome di una categoria di emozioni e, come ogni categoria, si sospetta che la sua origine e la sua manutenzione abbiano uno scopo politico (mantenendo quegli aspetti del sé, della famiglia e della tribù con potere al potere).

È impossibile dire cosa si prova qualcuno chiedendo loro; questo in parte perché la risposta sarà una performance, ma anche perché le persone tendono a rispondere con il nome di un'emozione. In effetti, alcuni clinici insistono sul fatto che l'unica risposta appropriata alla domanda è il nome di un'emozione, mentre io la vedo come una risposta inadeguata, anche se si evita di condividere sentimenti. Penso che tu possa esprimere un sentimento molto più precisamente descrivendo una situazione, ed è per questo che i buoni romanzi e i film presentano una situazione dopo l'altra e non una lista di sentimenti. (Quanto stimato sarebbe oggi Tolstoy se avesse scritto: "Speranza, delusione, risentimento, amore materno, lussuria, romanticismo, disperazione e esibizionismo inutile" invece del testo attuale di Anna Karenina?) Una domanda migliore di "Come stai cosa ne pensi? "è" Che cosa è successo? "o" Che cosa ti ricorda? "(In terapia, un approccio ancora migliore è quello di dire" Vediamo dove vanno i tuoi pensieri da qui "e l'approccio migliore di tutti è una comprensione comune che il silenzio del terapeuta significa esattamente questo).

In effetti, l'unico modo per imparare i nomi delle emozioni è crescere con le persone che ti osservano e nominano i tuoi sentimenti dopo averti visto passare attraverso un particolare insieme di circostanze. Dare un nome alle emozioni – usando il pensiero astratto in loro presenza – è stato intelligentemente rappresentato in Inside Out come appiattimento affettivo, e insegniamo ai bambini i nomi delle emozioni in parte per aiutarli ad agire meno emotivamente. Ma se vuoi che qualcuno sappia cosa stai provando, loro avranno bisogno della storia, non solo del titolo, e certamente non solo di quale sezione del giornale ci sia.

Il colore e le emozioni sono simili (come afferma Rorschachers), fornendo la vitalità che incarnano le cose. Una cosa che hanno in comune è che l'intera gamma di tonalità può essere derivata dalla combinazione di pochi primari. Un altro è che l'intero spettro può essere tracciato in sole tre dimensioni: tonalità, saturazione o intensità (la quantità di bianco e nero mescolata), e valore o oscurità (il rapporto tra nero e bianco). Non guarderesti mai un dipinto e dirai, ci sono solo tre colori lì e tre dimensioni, non se volessi apprezzarlo (piuttosto che, per esempio, replicarlo). E non c'è motivo di dire che ci siano solo quattro o cinque emozioni, anche se le squisite differenze nell'affetto sono combinazioni di poche variabili. Devi guardare l'intero dipinto per apprezzare i colori, e devi guardare l'intera situazione per ottenere l'emozione.

Solutions Collecting From Web of "Inside Inside Out (No Spoiler!)"