Insegnanti di sesso femminile come predatori sessuali

Quando una maestra di 34 anni è stata arrestata per avere una relazione sessuale con il suo studente di 17 anni, ha fatto notizia locale. Si erano conosciuti quando lei era la sua insegnante e cominciava a frequentarsi, e continuava anche dopo aver cambiato scuola. Il suo comportamento ha raggiunto gli occhi e le orecchie della polizia Sex Crimes Unit, che ha fatto l'arresto.

Quando il giornale locale pubblicava la storia, i commenti dei lettori (tutti maschi, ovviamente), correvano lungo il solito: "Dove posso vedere una sua foto?"; "Qual è il problema qui? Questo è il sogno di ogni adolescente. "; "Penso che si riprenderà abbastanza velocemente."; "Quanta" terapia "ci vorrà per aiutare questo povero giovane a riprendersi dal trauma?"; "Chi è la vittima di nuovo qui?"; "Dove erano questi insegnanti quando ero al liceo? Posso tenere la bocca chiusa! "; e "Non essere timido di qualche amore da coguaro. Vai a prenderli! "

È un doppio standard, in cui molti nel pubblico (di nuovo, spesso maschi) non possono vedere il vero danno quando appaiono queste storie. Quindi una differenza di età di 17 anni sembra perfettamente soddisfacente per loro se coinvolge una vittima maschile, che deve essere stata una partecipante disponibile e un perpetratore di sesso femminile, che non poteva proprio aiutare se stessa. Ma quando i ruoli sono invertiti, e un insegnante maschio di 34 anni ha una relazione sessuale con una delle sue studentesse di 17 anni, lascia che inizi l'urlo per la giustizia. "Dov'erano la scuola e la polizia durante tutto questo?" Gridano. "Perché i genitori, gli altri insegnanti, il personale del campus o gli amministratori distrettuali non hanno visto questo? Appendi quel pedofilo dalla quercia più alta! "

Perché è così difficile per alcune persone esterne guardare dentro per vedere il danno al minore? Perché alcuni sono così pronti a razionalizzare il comportamento come non dannoso, uno spreco di risorse di polizia e qualcosa di cui il ragazzo in questione dovrebbe essere "orgoglioso"? Queste affermazioni non sono fatte quando l'insegnante è un maschio e le vittime sono di entrambi i sessi. Se un insegnante maschio di 34 anni dovesse avere una relazione sessuale con uno studente di 17 anni, sarebbe chiamato un pervertito in stampa, e peggio. Ancora una volta, vi è un doppio standard costante quando gli insegnanti donne sono i perpetratori.

Quando si parla di violenza contro gli altri, raramente si considera che le donne abbiano quel potenziale finché non si comportano in modi orribili. Quando lo fanno, molte persone sono scioccate, dal momento che raramente considerano le donne avere gli stessi impulsi per la violenza, la vendetta e il desiderio di creare vittime di massa. Ma Jennifer San Marco, ex dipendente della Goleta, CA, è tornata al suo ex sito e ne ha uccise sei. E il professor Amy Bishop ha ucciso tre colleghi di lavoro all'Università di Alabama Huntsville. Anche le donne fanno cose cattive.

Quindi, quando si tratta di comportamento sessuale con uno studente maschio, le insegnanti di sesso femminile usano le stesse tecniche di gradualità, cura, flirt e targeting come le loro controparti maschili? Ovviamente. Le insegnanti di sesso femminile che vogliono fare sesso cercano specificamente i loro obiettivi, alla ricerca di vulnerabilità, relazioni familiari povere o mancanti, interessi sessuali precoci e uno sviluppo fisico precoce attraverso la pubertà maschile? Certamente. C'è più rifiuto istituzionale nei campus scolastici e dagli amministratori e dai distretti per quanto riguarda la possibilità di un insegnante femminile impegnato nel sesso con il suo studente? Probabilmente.

Il motivo, nei casi in cui un insegnante stabilisce una relazione sessuale con uno studente, è sia interno che non facilmente comprensibile. Per gli insegnanti di sesso maschile, il motivo di questi comportamenti è spesso attribuito al desiderio sessuale, al potere, al dominio, a una "crisi di mezza età", a uno sviluppo arrestato o persino a una parafilia, come con qualsiasi altro adulto con una vera attrazione sessuale per i bambini.

Ma per le insegnanti di sesso femminile possono entrare in gioco altre motivazioni: il desiderio di "prendersi cura" di un figlio maschio da una casa distrutta, che poi si de-evolve in sesso; un bisogno di sentirsi attraenti, desiderati e sessualmente desiderati da un giovane uomo, che potrebbe non avere la capacità di capire o dare il vero amore, ma certamente ha il testosterone per fornire sesso; o anche come vendetta contro un marito che non è più di supporto emotivo. Qualcuna di queste valide ragioni? Certo che no, perché tutti gli insegnanti vengono avvertiti dal giorno in cui entrano nei loro corsi di laurea e dal momento in cui vengono assunti (e durante le lezioni di formazione in servizio e i giorni di sviluppo del personale) per seguire l'avvertimento appropriato, secolare ed etico : Non avere una relazione fisica con uno studente.

Per quegli schernitori che dubitano che ci sia un vero danno per uno studente maschio che ha avuto un'avventura sessuale con uno dei suoi istruttori "Hot for Teacher", considera le reali possibilità di una gravidanza indesiderata, diciotto anni di pagamenti per assistenza ai figli, malattie trasmesse sessualmente, e sentimenti di vergogna per tutta la vita mentre l'adolescente matura e realizza ciò che ha fatto è stato anche sbagliato. Dal momento che le pene carcerarie variano molto severamente da stato a stato, il danno maggiore per l'insegnante di sesso femminile è più spesso di uccidere la sua carriera e il fattore di vergogna da colleghi, colleghi, familiari e sconosciuti che riconoscono il suo nome dallo schedario della polizia. (Alcuni di questi casi compaiono su tabloid TV show e relative riviste di cultura pop).

Quando la classe attraversa la camera da letto, le persone che circondano le insegnanti femminili che diventano predatrici sessuali – altri insegnanti, amministratori scolastici, consulenti, terapisti e la polizia – hanno il dovere di agire. Il genere non è il problema e l'orientamento sessuale tra persone dello stesso sesso non è il problema; i problemi sono i cattivi confini, il comportamento dannoso, la condotta non etica e gli atti sessuali illegali con i minori. Il doppio standard su come percepiamo e perseguiamo questi casi deve cessare.

Il Dr. Steve Albrecht, PHR, CPP, BCC, è un esperto di violenza sul posto di lavoro a San Diego. Consulta, parla e scrive su sfide delle risorse umane ad alto rischio, coaching dei dipendenti, sicurezza aziendale e problemi di polizia. Ha lavorato per il Dipartimento di Polizia di San Diego per 15 anni. Può essere contattato all'indirizzo drsteve@drstevealbrecht.com.