Insegnamento nell'era di Trump

Ho insegnato per 20 anni, e dopo una serie di concerti in aggiunta e in visita e due lavori in tenure (uno dei quali si è concluso perché l'istituzione era sull'orlo del collasso finanziario dopo il crollo economico nel 2008), sono pronto per possesso e promozione quest'anno. Come praticamente tutte le esperienze dei professori di ruolo, anch'io ho dovuto fare delle scelte su quando, dove, come e perché parlare e su cosa, e ho dovuto pesare questioni di silenzio e di voce contro la speranza e il bisogno di lavoro sicurezza, assicurazione sanitaria, previdenza e simili.

Pixabay/public domain
Fonte: Pixabay / dominio pubblico

Ho dovuto decidere cosa ne vale la pena e cosa non lo è quando sono stato sull'orlo di chiarire i miei punti di vista alla comunità del campus e alla comunità più grande.

Essere non assicurati è l'ultima manifestazione di "Devi solo sapere come e quando scegliere le tue battaglie". Se il presidente Trump potesse essere stato un professore aggiunto o titolare, in primo luogo, forse sarebbe meno impulsivo e reattivo, pensando prima di twittare, parlare, vietare e dettare.

Di recente, durante la colazione, ho detto al mio partner, Mike, che sono contento di non essere nei miei primi anni di permanenza in carica in questo frangente della storia americana: sarebbe troppo soffocante e frustrante per insegnare e scrivere. Ciò sarebbe particolarmente vero nei settori in cui mi trovo: sociologia e studi di genere, dove insegno sulla violenza contro le donne, le relazioni razziali, i privilegi bianchi, la povertà e le questioni LGBTQ. E poi l'ho guardato e ho detto, "C'è così tanto che mi piacerebbe condividere con i nuovi membri della facoltà per aiutarli."

Quindi, ecco alcune idee per aiutare i docenti non interessati preoccupati per la libertà accademica nell'ambiente attuale, politicamente carico.

Crea una politica sul tuo programma e ripeti di persona che a nessuno è permesso registrare classi in nessuna circostanza . Ho avuto questa politica per anni perché insegno su argomenti sensibili e gli studenti condividono spesso esperienze in modi che li rendono vulnerabili. Credo che agli altri studenti non dovrebbe essere permesso di avere registrazioni di questo. Gli studenti potrebbero parlare dei loro genitori in prigione o delle loro esperienze di violenza sessuale, dipendenza, malattia mentale o stato di HIV e altri studenti dovrebbero semplicemente ascoltarli e prenderli ma non essere in grado di registrarli. Fare una registrazione mina l'ambiente della classe come uno spazio aperto, confortevole, contenuto, accogliente e sacro per un dialogo reale e vivace.

Parla quando la tua base di conoscenze e le tue esperienze sostengono e sostengono i tuoi punti. Ad esempio, i professori di scienze dovrebbero sentirsi liberi di parlare dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale. I professori di scienze politiche e di storia dovrebbero evidenziare parallelismi con gli eventi del passato quando sono pertinenti. I docenti politici dovrebbero parlare delle implicazioni delle politiche in relazione a questioni come l'immigrazione e i diritti riproduttivi. I professori d'arte dovrebbero parlare delle questioni relative ai finanziamenti per le arti. E così via.

Trova mentori e modelli di ruolo nel tuo college o università, così come in altre istituzioni, che meglio dimostrano come puoi essere schietto ma anche protetto. Partecipare regolarmente alle riunioni della facoltà e osservare se la governance della facoltà opera con decisione o meno. Ascolta ciò che viene discusso e chi sta sollevando questioni e argomenti impegnativi. Osserva come sono ricevuti e identifica chi ha il potere istituzionale e usa la loro voce per il bene pubblico. Studia come sono più efficaci nell'ottenere le loro opinioni.

Conoscere l'amministrazione e avere e costruire buona fede. Conosci il tuo prevosto, il vicepresidente per gli affari accademici, il cancelliere, il presidente e altri amministratori senior, e chiedi loro di conoscere te e le tue idee. Ad esempio, nel mio primo incarico in pista presso un collegio cattolico, dovevo firmare un contratto su come userei il mio computer dell'ufficio e che non lo userei per andare su siti web pornografici. Allo stesso tempo, stavo progettando di parlare di pornografia, sessualità e violenza nelle classi e volevo essere sicuro che il mio presidente di dipartimento e il vicepresidente per gli affari accademici comprendessero il contesto e mi sostenessero. Non dimenticherò mai la risposta incredibilmente generosa del vicepresidente per gli affari accademici e quanto fosse chiaro il suo sostegno. Ha detto: "Ti abbiamo assunto qui a causa del tuo solido insegnamento riguardo a questi difficili problemi. Non cambiare e continua ad insegnare ai nostri studenti allo stesso modo qui. "

Nella mia attuale istituzione, tre anni fa mi sono imbattuto in questioni complicate e rischiose legate all'insegnamento della violenza contro le donne. Mi sono avvicinato al nostro ex vice-cancelliere esecutivo per gli affari accademici, un uomo che, come ha descritto un collega, è "la libertà accademica personificata". Senza esitazione, ha espresso solo fiducia in me.

Trova e coltiva la tua voce. Lo scopo del college è aiutare gli studenti di tutte le affiliazioni e credenze politiche a coltivare il loro senso della voce e rafforzarlo in modo che possano sostenere i loro punti, usando i materiali di classe per farlo. Ad esempio, citare la Bibbia sarebbe insufficiente in un documento che non ha nulla a che fare con una lezione di religione. Come professori, possiamo modellare per gli studenti come costruire e sostenere una discussione, e come usare le nostre voci per parlare contro le ingiustizie.

Recentemente sono stato coinvolto nell'ospitare un evento serale in cui un oratore si è presentato al calcio fantastico e alle questioni di genere. Durante la sessione di domande e risposte che seguì, uno degli studenti di sesso maschile osservò: "Perché ti interessa così tanto di questo? Voi ragazze e ragazze potete fare qualsiasi cosa a cui pensate, e ora dovreste saperlo. "

Ho risposto dicendo che l'8 novembre ci ha mostrato il contrario: che il candidato più esperto e informato – che era la donna – non riusciva ancora a farlo, anche dopo aver punteggiato tutte le sue i e aver attraversato tutte le sue t per decenni. Se Trump, con la sua mancanza di esperienza e conoscenza politica e il suo temperamento, fosse stato una donna, non avrebbe assolutamente avuto modo di vincere. E se Clinton fosse stato un uomo, probabilmente lo avrebbe fatto.

Essendo un sociologo, e in particolare un esperto di genere e femminismo, ho reso possibile esprimermi con un forte senso della voce e fungere da modello per altri partecipanti, inclusi studenti e altri docenti, che erano più reticenti a parlare. su disuguaglianza di genere e processi di genere. Mentre il commento dello studente era ben inteso per cercare di esprimere alle donne che potevano fare qualsiasi cosa a cui pensavano, la mia prospettiva sociologica mi ha permesso di mostrare al gruppo che ci sono effettivamente trame dinamiche di genere e forze in gioco che vincolano le scelte degli individui e azioni, e che le recenti elezioni sono un microcosmo di questo.

Supponi che tutto ciò che dici e fai in classe possa apparire sui social media. È anche una buona idea essere consapevoli della presenza online e considerare come e cosa pubblicare su Twitter, Facebook e altri social media e rivalutare le impostazioni sulla privacy. Potresti considerare le citazioni che incorpori con la tua firma e-mail, come usi l'account e-mail dell'istituto e come decori il tuo ufficio e la tua porta. Potresti essere piacevolmente sorpreso dai colleghi di supporto che sono ricettivi alla tua autoespressione, ma è una buona idea valutare le reazioni e le percezioni degli altri.

Se percepisci un problema di produzione, affrontalo prima che abbia una vita propria. La maggior parte dei presidenti di reparto apprezzeranno l'heads-up e l'opportunità di strategizzare in modo proattivo con te. Se le cose aumentano per qualsiasi motivo e i notiziari iniziano a chiamarti, ricorda che non sei obbligato a parlare con loro. Ti servirà bene, in ogni caso, per familiarizzare con i membri dello staff che lavorano nelle relazioni con i media nella tua istituzione e per familiarizzare con le tue aree di competenza. Sono spesso buoni alleati per promuovere il tuo lavoro creativo e la tua borsa di studio e contribuire a rappresentare te e la tua istituzione in modo positivo.

In definitiva, con e senza possesso, noi come professori dobbiamo negoziare e gestire con convinzione e chiarezza come parlare – specialmente quando si tratta di diritti umani e libertà, due valori che l'istruzione superiore deve conservare e mantenere cari. E dobbiamo fare domande e imparare gli uni dagli altri come fare questo, così non siamo scoraggiati dalla paura.

Come scrittore e attivista per i diritti civili Audre Lorde ha parlato di oppressione, silenzio e voce, "Possiamo imparare a lavorare e parlare quando abbiamo paura nello stesso modo in cui abbiamo imparato a lavorare e parlare quando siamo stanchi. Perché siamo stati socializzati a rispettare la paura più dei nostri bisogni di linguaggio e definizione, e mentre aspettiamo in silenzio quel lusso finale di assenza di paura, il peso di quel silenzio ci soffocherà. "

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inside Higher Ed il 16 marzo 2017

Solutions Collecting From Web of "Insegnamento nell'era di Trump"