Insanity, Stereotypes and Ubiquity of Cell Phones Part 1

L'altra notte, stavo camminando vicino a casa mia e ho notato un uomo che camminava verso di me. Stava parlando da solo e gesticolando ampiamente. Ho pensato subito a me stesso: "oh, deve parlare al cellulare." Anche se questa era la mia reazione istintiva, non riuscivo a vedere alcun segno di tecnologia. Mentre continuava ad avvicinarmi, divenne chiaro che era proprio così. Sentendomi a mio agio che la mia ipotesi era stata confermata, che i miei pensieri sullo straniero che si avvicinava fossero accurati, ho continuato il mio cammino verso casa. Non si è nemmeno accorto che mi ha passato, continuando a parlare e parlare. Poi, mi ha colpito: a che punto la mia aspettativa di default e interpretazione del comportamento esibito da una persona che camminava da sola, parlando e gesticolando ampiamente, è cambiata dallo stereotipo della "persona pazza" parlando e gesticolando in risposta alle voci nel suo / sua dirigersi verso una persona normale impegnandosi in un comportamento comune? E cosa ha accelerato questo cambiamento nelle mie ipotesi predefinite?

La ricerca suggerisce che le persone interpretano stimoli ambigui in modo coerente con i loro preconcetti sul loro ambiente e le loro aspettative per il comportamento degli altri. Per esempio, una volta ho sentito parlare di un incidente in un parco nazionale che illustra questo processo. Un gruppo di campeggiatori ha riferito alle autorità del parco che un cucciolo di orso era bloccato su un albero. Quando i ranger del parco arrivarono sulla scena per salvare l'orsetto, si arrampicarono sull'albero e si resero rapidamente conto che il "cucciolo di orso" era invece un sacco nero di rifiuti piantati nell'albero. Vedendolo da lontano, i campeggiatori interpretarono il sacco della spazzatura – una cosa insolita da trovare in un albero – come un cucciolo di orso, qualcosa che la maggior parte delle persone si aspetterebbe di vedere in una foresta coperta di alberi.

Un recente sondaggio della Pew Research indica che il 90% degli adulti negli Stati Uniti possiede i propri telefoni cellulari. Data l'ubiquità dei telefoni cellulari nella cultura occidentale contemporanea, non sorprende che ci sia una nuova interpretazione di questo comportamento ambiguo: parlare a se stessi e gesticolare selvaggiamente è diventata la norma. E, lo stereotipo di una persona così sconnessa dalla realtà che parla con voci che nessun altro può sentire, è stata sostituita da un opposto: una persona che è così connessa con gli altri che è disposta a lasciare che altri ascoltare le sue conversazioni.

Come scienziato, quando cerco di rispondere a domande sul comportamento umano, il mio primo passo è guardare la ricerca su un determinato argomento. Per iniziare, diamo un'occhiata alla nozione di stereotipo. Cos'è uno stereotipo? La maggior parte degli psicologi accetta che uno stereotipo è definito come una convinzione generale sui membri di un gruppo. Poiché gli stereotipi sono formati sulla base di osservazioni su un gruppo (a volte fatti da membri del gruppo, a volte fatti da estranei), alcuni stereotipi possono essere certi di verità (ad esempio, alcune professioni sono associate a un determinato genere. su un aereo e vedendo che il pilota è una donna? E quando scoprirai che l'uomo con il camice bianco, che indossava uno stetoscopio nella stanza d'ospedale di tua nonna era un'infermiera?), ma anche quelli basati su un nucleo di verità, non si applicano a tutti i membri del gruppo. È anche importante notare che gli stereotipi sono solo credenze . Mentre gli stereotipi sono tipicamente negativi (ad esempio, i leader femminili sono considerati meno adatti al ruolo relativo agli uomini), possono anche essere positivi (ad esempio, gli uomini e le donne asiatiche sono considerati altamente qualificati in matematica). Quando le persone agiscono su queste convinzioni, possono finire per discriminare (cioè un comportamento : trattare qualcuno in modo diverso – di solito scarsamente – come risultato delle loro convinzioni stereotipate sulla persona basata sui suoi gruppi. Infine il pregiudizio è un termine spesso associato anche a stereotipi. Per favore, chi ha dei pregiudizi ha atteggiamenti negativi nei confronti dei membri di certi gruppi.

Ritornando all'argomento di cui sopra parlando al cellulare mentre è solo in pubblico, ci sono prove della letteratura scientifica che lo stereotipo riguardante persone che sono sole, che camminano e parlano mentre gesticolano selvaggiamente tengono in alcun conto le osservazioni che ho fatto sopra ? Data l'ubiquità dei telefoni cellulari, c'è stato un drastico cambiamento nelle norme sociali (cioè, ciò che è un comportamento accettato o approvato), tale che, mentre alcuni di noi potrebbero ancora trovare parlare al telefono in pubblico fastidioso, è diventato un comportamento accettato, rendendo così un comportamento che una volta sembrava pazzo il tipico comportamento previsto per le persone in molte situazioni.

È una buona cosa? Il verdetto è fuori. Certamente le tecnologie come i telefoni cellulari servono a isolarci dalle persone che ci circondano, mentre ci collegano alle persone nei nostri ambienti sociali. L'impatto a lungo termine di questa tecnologia apparentemente contraddittoria è ancora sconosciuto.

Nella parte 2, parlo dell'impatto che l'uso del cellulare ha avuto sui driver …

Letture aggiuntive:

  • Allport, GW (1954). La natura del pregiudizio. Lettura, MA: Addison-Wesley.
  • Bodenhausen, GV, & Hugenberg, K. (2009). Attenzione, percezione e cognizione sociale. In F. Strack e J. Förster (a cura di), Cognizione sociale: la base dell'interazione umana (pp. 1-22). Philadelphia: Psychology Press.
  • I nostri telefoni cellulari, noi stessi di Christine Rosen

Solutions Collecting From Web of "Insanity, Stereotypes and Ubiquity of Cell Phones Part 1"