Innamorarsi del tuo sé autentico

Hai una sceneggiatura di “Se mi conoscessi veramente”?

Sante77777/Shutterstock

Fonte: Sante77777 / Shutterstock

Sally ha scoperto la danza sensuale come un modo per divertirsi e sentirsi più sicuro. Si è rivelato essere un ottimo modo per attirare anche gli uomini. Chiamata “The Man Magnet” dalle sue amiche, Sally aveva un modo di amplificare la sua energia sessuale femminile e di trasmettersi nel mondo sociale. Gli uomini erano attratti dal suo potere irresistibile e Sally godeva a pieno di tutta l’attenzione.

Alla fine, ha disegnato Steve nella sua orbita. Dopo alcuni mesi trascorsi nella loro storia d’amore, decisero di trasferirsi insieme, e fu allora che tutto cambiò. Steve si innamorò del sensuale e sensuale sé di Sally – e non aveva ancora visto gli altri suoi lati, come quando aveva il raffreddore o il grasso, o era irritabile perché non aveva dormito bene. Non aveva davvero notato quanto Sally lavorasse dietro le quinte per rendere facile la sua carriera di successo. Non aveva visto i suoi momenti ansiosi, o periodi di insicurezza mentre si occupava di persone e problemi che si presentavano nella sua vita di tutti i giorni. In realtà, Steve non voleva vedere quelle parti di lei – voleva vedere una ragazza sexy che continuava senza problemi il suo business di successo ed era sempre di umore giocoso e generoso.

Così, quando Sally era sconvolta o non si sentiva attraente come al solito, cercava di non accorgersene, mentre il momento passava e la sua ragazza sexy e divertente sarebbe tornata. Sally sapeva che Steve non stava prestando molta attenzione quando era di cattivo umore. Se avesse cercato di dirgli qualcosa su di lei che la preoccupava, avrebbe cambiato argomento in qualcosa di leggero, sexy e divertente. Ha letto nei libri di psicologia che dovresti ricompensare i comportamenti che ti piacciono negli altri e non premiare quelli che ritieni spiacevoli. Quindi ha prestato attenzione e ha sorriso quando Sally era nella sua sexy maniera da dea, e l’ha ignorata quando si sentiva sconvolta o semplicemente concentrata sul suo lavoro. Steve non era un cattivo ragazzo; semplicemente non si rendeva conto che Sally aveva molte sfaccettature per lei.

Il comportamento di Steve scatenò sentimenti di ansietà e vergogna in Sally – iniziò a credere che non fosse solo una persona di cattivo umore – ma che fosse una persona cattiva per aver lasciato scendere la sua compagna, ed essere così giù di morale. Ha iniziato a giudicare se stessa come “egoista” quando voleva semplicemente rilassarsi nei suoi pantaloni da yoga e mangiare il gelato invece di indossare la sua sexy routine da dea per Steve. Come Sally, molti di noi hanno un copione “se mi conoscessi veramente” nella nostra mente che si attiva quando diventiamo più intimi e riveliamo più di noi stessi a qualcuno di speciale. Abbiamo la convinzione spesso errata che se gli altri vedessero chi siamo veramente, ci rifiuterebbero. Quindi ci sentiamo particolarmente vulnerabili mostrando gli aspetti meno lusinghieri di noi stessi e la reazione del nostro partner può avere un impatto enorme.

Questo processo inizia presto nella vita mentre impariamo chi siamo e come ci sentiamo in contatto faccia a faccia con i nostri operatori sanitari. Riflettendo su come ci sentiamo, ci aiutano a sviluppare un senso di noi stessi. La nostra capacità di empatia cresce attraverso queste prime riflessioni. E la nostra capacità di gestire le nostre emozioni si sviluppa dall’essere riflessa e reagita in modo appropriato. Quando non riflettiamo o rispondiamo in modi che convalidano i nostri sentimenti e chi siamo, possiamo iniziare a sentirci ansiosi e pensare che qualcosa non va in noi. Quindi è facile capire perché Sally sia diventata ancora più ansiosa quando Steve ha ignorato che si sentiva sconvolta e vulnerabile.

È interessante notare che un segno distintivo dei disturbi d’ansia è l’incapacità di riconoscere le proprie emozioni. Le persone potrebbero sentirsi un po ‘a disagio e non essere sicuro di cosa sia. Gli psicologi hanno usato specchi e tecnologia video per aiutare le persone a riconoscere le proprie emozioni. Guardando a se stessi, diventano più consapevoli dei loro sentimenti e possono quindi imparare ad essere più comprensivi e compassionevoli. I ricercatori hanno insegnato con successo alle persone come usare l’auto-mirroring per lenire se stessi quando si sentono ansiosi e altri non sono in giro per offrire riflessione e supporto (Vinai, et al, 2015; Well, et.al. 2016).

Quindi cosa è successo a Sally? Divenne partecipe della mia meditazione dello specchio di ricerca, in cui praticava guardando il proprio riflesso nello specchio per un lungo periodo di tempo e riferiva sui suoi pensieri e sentimenti mentre lo faceva. Quando Sally guardò per la prima volta il proprio riflesso, sentì l’impulso di flirtare con se stessa e di indossare la sua sexy routine da dea. Pensò che sarebbe stato divertente inciampare e macinare sullo specchio come una spogliarellista. La incoraggii semplicemente a guardarsi allo specchio muovendo dolcemente il suo corpo con il suo respiro, anche se all’inizio sembrava un po ‘noioso. Era difficile per lei resistere all’impulso di esagerare i suoi movimenti o espressioni facciali quando si confrontava con la sua stessa immagine. Quando finalmente si guardò bene, cominciò a piangere. Si rese conto che stava facendo uno show per attirare l’attenzione e ignorare come si sentiva realmente allo stesso tempo. Era triste per il fatto che si stesse ignorando da sola per così tanto tempo, proprio come Steve l’aveva ignorata.

Cominciò a fare dieci minuti di meditazione allo specchio come pratica quotidiana in cui si sedeva semplicemente e si guardava allo specchio senza alcun ordine del giorno: stare solo con se stessa e dedicarsi completamente all’essere semplicemente, non fare nulla. La pratica regolare di dieci minuti ha creato un contenitore per lei per esplorare i suoi sentimenti che normalmente nascondeva agli altri per paura che venisse respinta per non essere attraente o troppo emotiva o negativa. Cominciò a guardare avanti alla pratica: lo faceva senza trucco, si concedeva di sembrare grassa e brutta, di essere arrabbiata, spaventata e triste – e si esercitava anche solo a guardarsi senza espressione sul viso. Permettendo a se stessa di vedere ogni aspetto nello specchio, sviluppò un senso di facilità e accettazione nel modo in cui appariva e si sentiva nel tempo. I suoi sentimenti si bilanciavano: sentiva tristezza, rabbia e preoccupazione; sentiva anche gioia, gratitudine e gioia.

Quando ha iniziato a cercare un altro uomo, le piaceva girarsi il suo sé sexy per attirare possibili partner e poi, quando ha avuto modo di conoscerli, ha fatto in modo di mostrare anche altri aspetti di se stessa. Era ancora consapevole di come gli uomini reagivano a lei, ma si era anche sforzata di vederli davvero. Invece di manipolarli con la sua sensualità per convincerli a reagire nel modo in cui voleva, si incuriosiva su chi fossero veramente e su come si sentissero veramente. È diventato ovvio se non fossero stati aperti a vedere il suo sé autentico. Se voleva solo vedere una caricatura di una dea sexy, smise di uscire con lui e andò avanti. Alla fine trovò Phil, un uomo con il quale lei poteva essere totalmente se stessa. Apprezzava la sua complessità, vedeva le diverse sfaccettature di lei, le amava e le accettava tutte.

Vedere te stesso e farti vedere dagli altri richiede pratica. Quando ci lasciamo vedere, diamo agli altri la libertà di rivelarsi anche a noi.

Copyright 2018 Tara Bene.

Nota: Sally è una raccolta di diversi partecipanti alla ricerca, i dettagli dei personaggi sono stati modificati per preservare l’anonimato.

Riferimenti

Borba, M. (2016). Unselfie: perché i bambini empatici riescono nel nostro mondo All-About-Me. Touchstone.

Bowlby, J. (1971). Attachment and Loss, Vol 1. Penguin.

Brown, B. (2010). I doni dell’imperfezione: lascia andare chi credi che dovresti essere e abbracciare chi sei. Hazelden.

Vinai, et al. (2015). Le implicazioni cliniche e il background neurofisiologico dell’utilizzo della tecnica di auto-mirroring per migliorare l’identificazione delle esperienze emotive. Journal of Rational-Emotive Cognitive-Behavior Therapy 33: 115-133.

Bene, T., et al. (2016). I benefici della meditazione a specchio. Documento presentato all’American Psychological Association Convention di Denver, CO.

Bene, T. (2017). Perché più donne stanno andando felicemente senza trucco. Psicologia oggi.

Solutions Collecting From Web of "Innamorarsi del tuo sé autentico"