Iniziare con una confessione

Mi chiamo Troy e sono un procrastinatore. Permettimi di spiegare.

Circa un mese fa, Psychology Today mi ha chiesto se ero interessato a partecipare al loro blog. Ho accettato felicemente, incoraggiato che il mio editore, New Harbinger Publications, avesse recentemente fatto una richiesta simile, alla quale ho anche acconsentito. La pianificazione per i primi post è stata una specie di problema dal momento che stavo arrivando in un breve tour in Australia con il mio coautore per promuovere il nostro recente libro, Mindfulness for Two. Ho rinviato il commit ai primi post fino a quando non ho completato il tour del libro, ma mi sono detto (e forse solo un editore o due) che avrei trovato alcuni momenti tranquilli durante il viaggio per iniziare a lavorare sui miei primi contributi. E questo, caro lettore, era una bugia.

No, non ero un obiettivo eccessivamente ottimistico o ambizioso, una cattiva stima del mio tempo libero. Vorrei che lo fosse. Era una bugia dalla faccia calva, e quel che è peggio, era una bugia che mi dicevo allegramente – come se non fossi l'ultima persona sulla Terra a credermi.

Vedi, sono pigro in una forma quasi comica. Quando scadono le scadenze, puoi contare su di me per essere da qualche parte, ma alla mia scrivania: sono disteso sul letto, sto acquistando i ventilatori a soffitto sul mio portatile o sto guidando senza meta in città per comprare le corde della chitarra. O sto cercando la medusa di plastica in un negozio di importazione (vedi, mi sono messo in testa che un conoscente avesse bisogno di appendere un mobile ispirato alla vita marina nel suo ufficio, che, a proposito, non ho mai finito.)

E ora che ci penso, la procrastinazione e l'accidia non sono i miei unici difetti. Non sono il miglior figlio del mondo, come non ho dubbi che mia madre, che ultimamente mi ha sentito solo da un trimestre, te lo dirà. E do a mia moglie fiori un po 'meno spesso di quanto io chiamo mia madre. Sparsi per la Bay Area sono letteralmente dozzine di autisti che probabilmente continuano a sfrecciare nel cuore della notte, sudore freddo sulle loro sopracciglia, a ricordare il folle piagnucolio nella macchina dietro di loro, urlare oscenità e battere i pugni sul volante. In nessun modo ho finito, ma ti risparmio il resto. Tutto sommato, sono davvero una persona piuttosto schifosa.

Ma voglio davvero essere più disciplinato, più affidabile, più comprensivo, compassionevole e amabile – per essere migliore. Potrebbe sembrare goffo, ridicolo e insincero per la maggior parte del tempo, ma in realtà sono costantemente in cerca di cambiamenti nella mia vita e conosco un sacco di persone che fanno la stessa cosa. Ci svegliamo ogni mattina imperterriti dal fatto che il giorno prima è finito, beh, da qualche parte non proprio dove speravamo. E ci alziamo comunque.

Quindi questo, caro lettore, è ciò di cui ho intenzione di scrivere in questo blog, che ho deciso di chiamare "Fumbling for Change": quella capacità di recupero che sembra essere in grado di trovare in noi stessi mentre cerchiamo di cambiare in meglio. Questo spirito è evidente nella migliore psicoterapia, ed è assolutamente evidente nell'auto-aiuto: un corpo di lavoro che nasce dall'impetuosa idea che chiunque sia distrutto come me possa fare qualsiasi cosa per rendere il mio peso un po 'più leggero. Non sono un esperto di nulla, e non sono particolarmente perspicace, ma mi sento come se fossi nel giusto con te, cercando di fare del bene. Se qualcosa che posso osservare e beccare in questo spazio si rivela a tutti utile a te, il mio lavoro sarà ben ricompensato.

Solutions Collecting From Web of "Iniziare con una confessione"