Iniziamo a discuterne un altro

"Quindi ora ne abbiamo uno. Cosa significherebbe averne un altro? "Chiedo in un pomeriggio piovoso, pigolando pigramente sul mio portatile da sotto il piumone mentre Justin, a casa presto da un incarico, piega il bucato di nostra figlia.

"Se ne vuoi un altro, ne vorrei un altro." Fa spallucce e sorride, incontrando i miei occhi mentre mi dissolvo in un desiderio confuso.

Proprio così? "La mia resistenza è ciò che ci impedisce di averne uno? Non sapevo che tu sentissi il desiderio di un altro ", dico.

"Beh, ad essere onesti, penso a lei con un compagno di giochi, e provo dei morsi. Non una fitta di nostalgia per quello che ho avuto con mia sorella, di per sé, ma posso immaginarla con un fratello o una sorella, e immagino che la ami, e posso immaginare come potrebbe essere un fratello con lei. L'abbiamo vista ora alle due con i bambini al parco che hanno quattro anni, e ho visto quella meraviglia a occhi spalancati su tutto quello che fa quel bambino di quattro anni – e lei non sa nemmeno quel bambino. Puoi immaginare quanto sarebbe fantastico. Anche tu puoi sentire i morsi, no? "

Io posso. Io ho.

Continua, passandosi una mano attraverso la sua criniera ancora fitta e sabbiosa. "Sconti l'infanzia. Immagina il punto in cui un nuovo bambino sta interagendo e imparando, e vedi che i nostri due bambini iniziano a giocare l'uno con l'altro; vederla diventare proprietaria di quel ragazzo. Suo fratello. Una persona di cui è responsabile. E immagina come condivideremo con lei l'importanza di questa responsabilità. "

Non ho mai sentito Justin parlare così, a parte quando voleva che smettessi di provare a non rimanere incinta. Mette giù una pila ordinata di magliette e jeans piccoli e si avvicina al letto, dove sto silenziosamente marinando nelle sue parole.

Si siede accanto a me. "Se dovessimo decidere di farlo, lo faremmo funzionare, e troveremmo un modo per essere felici con esso. Ma possiamo parlare di cosa potrebbe comportare?

Annuisco. Lui continua. "Probabilmente dovremmo uscire dalla città, da qualche parte più grande e più economico. Dovrei andare in città per lavoro. E mentre avremmo un po 'di assistenza all'infanzia, come sappiamo, dato che sarei in viaggio e tu saresti a casa, finiresti per raccogliere la maggior parte del gioco. Non saremmo in grado di condividere la responsabilità – o le nostre vite – allo stesso modo. E all'improvviso saremmo caduti in una dinamica che nessuno di noi davvero desidera. Saresti la mamma isolata a casa, anche se lavoreresti. Sarei il papà che si recava al lavoro, senza mai fare la mia parte, cercando di tornare a casa in tempo per dire buonanotte ai bambini. E non è quello che penso ti renderebbe felice. Ha un effetto a cascata, questa scelta. Sento le fitte, certo. Ma penso di poter vivere con loro. "

Può? Posso? Vedremo.

Solutions Collecting From Web of "Iniziamo a discuterne un altro"