Ingiustizia nelle mani di giudici e giudici

Il 13 aprile 2017, un articolo intitolato I giudici contribuiscono alle ingiustizie? Una conversazione con il giudice Jed Rakoff è stata pubblicata nell'ABA Journal dell'American Bar Association. La sua conversazione è stata con Joel Cohen, un partner legale di Stroock & Stroock & Lavan LLP e autore di Broken Scales: Reflections on Injustice .

"Jed Rakoff è stato professore a contratto presso la Columbia Law School dal 1988 e dal 1996 è stato giudice distrettuale federale per il distretto meridionale di New York. Il giudice Rakoff ha conseguito una laurea presso lo Swarthmore College nel 1964, un M.Phil. dalla Oxford University nel 1966 e da una JD della Harvard Law School nel 1969. "

Durante l'intervista, sono stati fatti alcuni punti molto importanti sul nostro sistema legale, che sono raramente considerati o discussi.

Come dice il giudice Rakoff: "Abbiamo un sistema avversario e il principale compito del giudice è applicare la legge e trovare i fatti (o, se la giuria trova i fatti, applicare i fatti alla legge)."

"I conflitti di qualsiasi tipo possono essere risolti attraverso la forza o la diplomazia. Nelle controversie legali, le parti cercano di esercitare la forza l'una sull'altra attraverso i tribunali. "Lo chiamiamo un sistema avversario, ma un termine migliore sarebbe un sistema di coercizione. Le parti si sfidano l'un l'altra per persuadere il giudice a costringere l'altra persona a fare qualcosa che non vogliono fare ", dice il giudice della corte di famiglia Bruce Peterson della contea di Hennepin, Minneapolis. La minaccia di avere un giudice costringe "una persona a fare qualcosa che non vuole fare" a meno che non sia d'accordo con certi termini, è essa stessa coercitiva.

La diplomazia, d'altra parte, funziona attraverso la mediazione e altre forme di risoluzione delle controversie consensuali (CDR). Come suggerisce il nome, le parti di tali processi risolvono i loro conflitti attraverso il reciproco consenso, senza ottenere tale consenso attraverso la coercizione ".

In passato, ho spiegato il lavoro principale del giudice come segue:

"Giustizia sotto legge" si riferisce alla giustizia legale, che si basa su prove legalmente rilevanti e ammissibili, che possono differire notevolmente dai fatti. I giudici quindi determinano la credibilità (riguardo alle parti, ai testimoni e alle prove), i risultati fattuali, esercitano la loro discrezionalità giudiziaria e applicano e interpretano la legge. "

Il giudice Rakoff dice poi: "Penso, tuttavia, che i giudici abbiano un ruolo particolare da svolgere nell'ampia allocazione dei poteri della nostra Costituzione nel proteggere i diritti delle persone e delle minoranze".

È interessante notare che è esattamente il motivo per cui ho pubblicato l'articolo I giudici della Corte Suprema dovrebbero credere nella democrazia? I commenti di Neil Gorsuch indicano che è estremamente prevenuto e anti-democratico . Come ho spiegato in questo articolo, il giudice Gorsuch, il nuovo membro della Corte suprema degli Stati Uniti, non crede che i giudici debbano proteggere i diritti delle persone e delle minoranze.

Rakoff dice quindi quanto segue:

"Penso che troppi tribunali siano stati troppo rapidi per lasciare indiscutibili – e anche non pensati – certi tipi di prove che storicamente sono state prodotte in casi criminali e che avrebbero dovuto essere sottoposte a un controllo più approfondito. Ad esempio, una grande quantità di scienza forense è ora sottoposta all'esame della comunità scientifica. Nel 2009, la National Academy of Sciences ha pubblicato un rapporto molto critico sulla maggior parte delle scienze forensi oltre al DNA. E questo includeva cose ben considerate da molte persone: rilevamento delle impronte digitali, analisi dei capelli, analisi dei segni di morsi, analisi degli incendi dolosi e così via. Ma prima e anche dopo quella relazione, pochissimi giudici hanno analizzato criticamente la scienza forense che veniva loro presentata.

La maggior parte degli avvocati ha pochissime conoscenze scientifiche. Un giudice, a mio avviso, dovrebbe educare se stesso, e se pensa che la scienza sia dubbia, fai qualche domanda. "

Il 2 settembre 2016, l'ABA Journal ha pubblicato un articolo su questo argomento, intitolato Validità delle analisi forensi normalmente utilizzate nei processi penali . Questo articolo afferma nella parte pertinente come segue:

"La mancanza di rigore scientifico" non è solo un problema ipotetico, ma una reale e significativa debolezza del sistema giudiziario ", afferma il rapporto.

Il rapporto suggerisce che sono necessari ulteriori test per verificare la presenza di segni di morsi, calzature, armi e segni di strumenti, secondo il Wall Street Journal. Le prove che hanno soddisfatto gli standard di affidabilità comprendevano l'analisi del DNA di campioni a miscela singola e semplice, nonché l'analisi delle impronte digitali. Il rapporto diceva, tuttavia, che sarebbe opportuno informare i giurati sui falsi positivi trovati in due studi sull'analisi delle impronte digitali. "

Ciò che Rakoff sta affrontando ha a che fare con ciò che è noto come pregiudizio giudiziario, un argomento sul quale ho scritto molto.

"Indipendentemente dal fatto che stiamo parlando di giudici di processo, giudici di corte d'appello o giudici della Corte Suprema, le loro decisioni si basano sui loro pregiudizi personali, credenze, supposizioni e valori, che si formano come risultato del nostro background personale e delle esperienze di vita. Tutti noi abbiamo pregiudizi, convinzioni, supposizioni e valori personali. La domanda è quanto la nostra mancanza di autocoscienza stia distorcendo la nostra percezione delle cose.

Il nostro background personale ha molto a che fare con i nostri genitori e il modo in cui ci sollevano. Le nostre esperienze di vita hanno a che fare con tutto ciò che sperimentiamo nella nostra vita, comprese le persone con cui facciamo amicizia, le scuole che frequentiamo, i corsi che prendiamo, i libri che leggiamo, le nostre fonti di notizie, ecc. In definitiva, le nostre esperienze di vita hanno molto a che fare con il nostro scelte personali in termini di ciò che facciamo, se non altro, per cercare di ampliare la nostra visione del mondo. Se i nostri genitori non ci hanno insegnato a vedere le cose dal punto di vista di altre persone, o dobbiamo prendere su di noi stessi per imparare cose del genere o viviamo in una realtà falsa che la nostra prospettiva è l'unica prospettiva. "

Ho scritto per la prima volta su questo argomento in un blog intitolato Bias giudiziario – Una variabile che è spesso trascurata nel contenzioso in famiglia , che è stata successivamente modificata in modo significativo per la mia rubrica di Psicologia e diritto di famiglia nella Newsletter dell'Associazione psicologica della San Gabriel Valley, intitolata Judicial Bias in Family Court .

Subito dopo il commento di Rakoff sulla necessità per i giudici di istruirsi, Cohen ha detto: "Il giudice Felix Frankfurter una volta ha scritto:" Arriva un punto in cui [i giudici] non devono essere ignoranti come giudici di ciò che conosciamo come uomini [e donne] ". Quindi quando i giudici decidono di essere 'ignoranti', usando la sua parola, non stanno contribuendo all'ingiustizia? "

Il giudice Rakoff ha risposto come segue: "Penso che lo siano. Non intenzionalmente. Penso che nessun giudice decida di fare un'ingiustizia … Il giudice dovrebbe portare un punto di vista oggettivo alla situazione ".

Ci sono troppi esempi di giudici che si comportano male per me per credere che "nessun giudice si propone di fare alcuna ingiustizia"; tuttavia, sono d'accordo sul fatto che la convinzione di Rakoff sia vera per la stragrande maggioranza dei giudici. Per l'amor di Dio, solo ieri, ho letto un articolo pubblicato nell'ABA Journal intitolato Avvocato si dichiara colpevole in uno schema di frode di disabilità da 550 milioni di dollari, ammette di aver corrotto il giudice della giustizia amministrativa . Qualcuno crede davvero che il giudice che quell'avvocato ha corrotto pagando "circa $ 10.000 al mese per circa sei anni a partire dalla fine del 2004" non aveva intenzione di fare alcuna ingiustizia?

Indipendentemente da ciò, non c'è dubbio che "il giudice dovrebbe portare un punto di vista oggettivo alla situazione". Poiché il pregiudizio giudiziario interferisce in modo significativo con le capacità dei giudici di svolgere le funzioni che ci si aspetta da loro, dovrebbero fare tutto e tutto il possibile per ridurli. pregiudizi.

"Assumendo che giudici e giudici siano disposti a riconoscere il fatto che siano umani e che tutti gli esseri umani siano di parte", un nuovo studio suggerisce che semplicemente mettendoci nei panni di un'altra persona, possiamo ridurre significativamente i nostri pregiudizi inconsci e migliorare significativamente il nostro reale -Interazioni mondiali con persone che sembrano diverse da noi. '

Ciò implica l'empatia, che 'può essere uno strumento di trasformazione per decostruire pregiudizi inconsci e costruire comprensione tra persone di diversa provenienza' ".

Rakoff fornisce quindi tre ragioni per la mancanza di obiettività giudiziaria.

In primo luogo, spiega che "molti giudici, e in particolare i giudici statali, sono anche oberati di lavoro e quindi la loro idea è di far uscire il caso dalla loro conclusione definitiva".

Lungo queste linee, il 1 aprile 2017, l'ABA Journal ha pubblicato un articolo intitolato Legal logjam nel tribunale per l'immigrazione che ha raggiunto oltre 540.000 casi. Quando i giudici sono sopraffatti, come possiamo aspettarci che abbiano il tempo di decidere di non essere "ignoranti" su ciò che non sanno?

Come affermato nell'articolo ABA, uno dei motivi per cui i giudici sono sopraffatti è il finanziamento inadeguato. Tuttavia, l'elefante nella stanza ha a che fare con la ragione per cui il sistema giudiziario è così sopraffatto in primo luogo. Come molti paesi in tutto il mondo hanno capito, la risposta sta nell'abuso di quel sistema. In quanto tali, stanno cambiando sempre più il processo predefinito per affrontare le controversie legali dalla controversia alla mediazione.

Sfortunatamente, negli Stati Uniti, preferiamo buttare via i soldi nel tentativo di affrontare i sintomi, ignorando la vera causa dei problemi. Ho pubblicato moltissimi articoli su questo argomento, tra cui: Perché il sistema di diritto di famiglia degli Stati Uniti è barbaro , la commedia greca che noi chiamiamo contenzioso , contenzioso dovrebbe venire con un avvertimento , e io chiamo Fallo sulla copertura mediatica del divorzio e del conflitto in generale .

Il giudice Rakoff afferma come una seconda ragione per la mancanza di obiettività giudiziaria:

"Penso che molti giudici vedano troppi casi simili, e quindi presumono che il caso successivo sia come gli altri 55 che hanno visto. Quindi non sono così aperti a vedere che questo caso potrebbe essere diverso. Gli esoneri del Progetto Innocenza sono pieni di esempi in cui i giudici erano totalmente ciechi nei confronti dei suggerimenti che questo particolare imputato potrebbe non essere colpevole, o potrebbero non essere altrettanto colpevoli di altri in casi che il giudice aveva già visto prima. "

In altre parole, sta affrontando ancora una volta la questione del pregiudizio giudiziario.

La sua terza spiegazione "è che un gran numero di giudici sono ex magistrati e pochissimi sono ex difensori". Questo è un altro esempio di pregiudizio giudiziario. In questo caso, Rakoff si spiega come segue:

"I giudici che sono ex pubblici ministeri sono più inclini ad accettare ciò che gli attuali pubblici ministeri stanno facendo prima …

Ti darò un esempio. Il giudice Louis Pollak ha scritto una decisione circa 15 anni fa, prima che uscisse il rapporto dell'Accademia Nazionale delle Scienze. È stato un caso di rilevamento delle impronte digitali e, sua sponte, ha applicato gli standard Daubert e ha scoperto che l'analisi delle impronte digitali non avrebbe superato un test Daubert. Fu attaccato non solo dai pubblici ministeri, ma dai colleghi giudici. Ricordo di averlo discusso con un giudice della mia corte, qualcuno che rispetto ma che era anche un procuratore di vecchia data, ed era indignato. Ha detto: "Hai letto di questo giudice nel distretto orientale della Pennsylvania che ha affermato che le impronte digitali non sono buone? Come potrebbe essere? Lo facciamo da cento anni. Questo è ridicolo.' Penso che sia stato sintomatico di un atteggiamento che molti giudici hanno quando i modi in cui hanno fatto le cose come procuratori in qualche modo vengono messi in discussione ".

Rakoff spiega poi perché crede che, sebbene "i giudici siano in una posizione migliore rispetto a chiunque altro a parlare apertamente di queste questioni data la loro esperienza in panchina, molti non sono disposti a farlo". A tale proposito, ha affermato quanto segue:

"Penso che ciò che viene spesso trascurato, è che i canoni giudiziari di etica autorizzano i giudici a parlare pubblicamente su questioni importanti per l'amministrazione della giustizia e lo sviluppo della legge. … Penso che molti giudici abbiano l'impressione di sminuire l'immagine pubblica della magistratura: diversamente dalle figure politiche, dovremmo essere remoti; dovremmo essere super-cauti. E c'è qualcosa in questo. C'è una certa dose di reticenza che è appropriata. E una seconda ragione è che, per essere sinceri, i giudici che parlano sono alle loro spalle i loro colleghi come segugi pubblicitari ".

Sono completamente d'accordo con il giudice Rakoff. Tuttavia, in base alla mia esperienza, ciò vale anche per gli avvocati. Lo so fin troppo bene perché l'ho vissuto. Anche se forse non sono stato definito un "segugio pubblicitario", molti dei miei colleghi mi hanno messo in bocca dietro la schiena (ea volte in faccia) come nient'altro che un auto-promotore. Perché la maggior parte della gente vuole fornire informazioni preziose da cui le persone possono imparare, quando vengono trattate così male come risultato?

Quindi, Rakoff si gira intorno al pregiudizio giudiziario dicendo: "Ogni giudice dovrebbe avere un certo riconoscimento, avendo visto il sistema avversario giocare, che ciò di cui si può essere certi potrebbe essere completamente sbagliato".

Come ho detto, "per fornire uguale giustizia secondo la legge, i giudici devono sviluppare empatia".

Il giudice Rakoff affronta quindi un punto che molte persone non riescono a cogliere, ovvero che le leggi non sono necessariamente giuste, etiche o morali. Infatti, il 22 marzo 2017, ho tenuto una presentazione di tre ore sull'empatia in una classe di mediazione in una scuola di legge. Quando ho parlato con il professore subito dopo la presentazione, ha commentato che gli studenti non sono riusciti a capire che le leggi possono essere immorali e immorali e che avrebbe bisogno di affrontarle con loro la prossima volta che la classe si è incontrata.

Ciò che Rakoff ha detto a riguardo è il seguente:

"La domanda più difficile, che non penso di aver mai dovuto affrontare, sarebbe quella in cui sentivo che la legge mi obbligava a fare qualcosa che fosse totalmente immorale e ingiusto – che non poteva essere difeso su nessun piano morale di base. E penso che a quel punto, la rassegnazione è la risposta giusta, non facendo qualcosa di canaglia ".

Questo dilemma è stato affrontato nel sondaggio pionieristico pubblicato da Pew Research Center su circa 8.000 agenti di polizia giurati che lavorano nei dipartimenti degli Stati Uniti con almeno 100 ufficiali. Lo studio ha dichiarato quanto segue riguardo ai dilemmi morali:

"Le situazioni che la polizia deve affrontare sul posto di lavoro spesso possono presentare dilemmi morali. Alla domanda su come consigliare un collega in un caso in cui fare ciò che è moralmente la cosa giusta richiederebbe la violazione di una regola del dipartimento, la maggioranza della polizia (57%) dice che consiglierebbe al proprio collega di fare la cosa moralmente giusta. Quattro su dieci dicono che consiglierebbero al collega di seguire la regola del dipartimento. C'è una divisione razziale significativa su questa questione: il 63% degli ufficiali bianchi dice che consiglierebbe di fare la cosa moralmente giusta, anche se ciò significava infrangere una regola del dipartimento; solo il 43% degli ufficiali neri dice che darebbe lo stesso consiglio ".

Detto questo, le accuse di attivismo giudiziario o giudici che si fanno beffe devono essere prese con un pizzico di sale per le ragioni indicate da Erwin Chemerinsky nel Simposio: una vittoria storica per i diritti civili . Erwin Chemerinsky è il Decano e Distinguished Professor of Law e Raymond Pryke, professore di First Amendment Law presso l'Università della California, Irvine School of Law. Per quanto riguarda l'attivismo giudiziario, ha affermato quanto segue:

"La decisione della Corte che abbatte le leggi che vietano il matrimonio tra persone dello stesso sesso sarà considerata una sentenza storica che promuove l'uguaglianza e la libertà. È la Corte che svolge esattamente il ruolo che dovrebbe avere nella società: proteggere coloro che sono stati tradizionalmente discriminati ed estendere a loro un diritto considerato da tempo fondamentale.

La differenza tra la maggioranza e i dissidenti, e tra i commentatori liberali e conservatori, riguarda il ruolo appropriato della Corte Suprema in una società democratica. Non sorprende che le quattro opinioni dissenzienti accusino tutti la maggior parte di un eccessivo attivismo giudiziario e usurpano il processo democratico. Questa è sempre l'accusa del dissenso quando la maggioranza colpisce una legge. Certamente, nessuno dei quattro dissidenti sembrava il meno preoccupato di deferenza nei confronti del processo politico o di evitare l'attivismo giudiziario quando due anni fa tutti facevano parte della maggioranza nell'annullare le disposizioni chiave del Voting Rights Act che era stato approvato quasi all'unanimità dal Congresso e firmato in legge dal presidente George W. Bush. In quel caso, Shelby County v. Holder, non era nemmeno possibile dire quale disposizione costituzionale la maggioranza ritenesse violata dalla legge sui diritti di voto. Nessuno dei quattro dissidenti si preoccupò minimamente di rimandare al processo politico quando dichiararono le disposizioni chiave incostituzionali della legge sulla riforma finanziaria della Bipartisan Campaigns in Citizens United v. Federal Election Commission. "

Sostiene che ci sono nove giudici sulla Corte Suprema degli Stati Uniti quando non ha posti vacanti. Nel frattempo, 5-4 decisioni rese da un tribunale diviso secondo le linee ideologiche hanno le stesse decisioni unanimi di forza e di effetto.

Nel frattempo, il capo della Corte Suprema degli Stati Uniti John Roberts continua a fingere il contrario.

Ad esempio, per quanto riguarda la nomina di Neil Gorsuch alla Corte Suprema, Roberts ha affermato quanto segue:

"Noi della magistratura non facciamo i nostri affari in modo partigiano e ideologico. La nuova giustizia non è un repubblicano o un democratico; è un membro della Corte Suprema. Ma è difficile per le persone capire che quando vedono il processo che porta ad esso. "

"Della nomina di Gorsuch e del suo possibile effetto sul pubblico ha detto, 'che l'ostilità partigiana è motivo di grande preoccupazione.' Roberts ha aggiunto che potrebbe minare l'apprezzamento del pubblico per la natura non partigiana del sistema giudiziario ".

Il 3 febbraio 2016, "il capo della giustizia John G. Roberts Jr. ha affermato che l'estremismo partigiano sta danneggiando la percezione del pubblico del ruolo della Corte Suprema, riformulando i giudici come attori nel processo politico piuttosto che nei suoi arbitri".

Quello che Roberts ha omesso di menzionare "un altro aspetto della composizione della corte che si aggiunge alla percezione partigiana. Per la prima volta da generazioni, i cinque membri più conservatori della corte sono nominati repubblicani, ei quattro più liberali sono stati nominati dai democratici. Per decenni, ci sono stati almeno un candidato repubblicano liberale o una scelta democratica conservatrice ".

Non solo questo è basato sul fatto che i giudici sono scelti dai presidenti moderni sulla base della loro ideologia liberale o conservatrice, ma abbiamo sviluppato le capacità per determinare i cui pregiudizi sono così radicati che la probabilità che diventino più liberali o conservatori è virtualmente inesistente.

"Sia che siano eletti o nominati, i giudici entrano in panchina con punti di vista politici – atteggiamenti o predisposizioni che possono portarli a governare in modo coerente con la loro ideologia di base. Questi accecatori attitudinali possono influenzare le loro decisioni …

Complessivamente, nei casi in cui i giudici hanno discrezionalità e laddove le questioni in un caso hanno una chiara dimensione politica, come i casi di discriminazione occupazionale, la ricerca scientifica politica suggerisce che i paraocchi attitudinali possono distorcere il processo decisionale giudiziario. "

Per il bene della nostra democrazia, è essenziale che il pubblico creda che il nostro sistema giudiziario sia apartitico. Tuttavia, Roberts è ben consapevole delle divisioni ideologiche sulla sua corte. Può fingere diversamente, ma vedere è credere. I giudici si lanciano "come attori nel processo politico". Il pubblico sta semplicemente descrivendo ciò che osservano in bella vista.

In effetti, ciò che il Congresso ha fatto della vacanza della Corte Suprema risultante dalla morte di Antonin Scalia è stato interamente basato sulla realtà che i giudici stessi sono "attori nel processo politico".

Piuttosto che negare la realtà, se Roberts crede che la natura partigiana del sistema giudiziario stia minando la nostra democrazia, allora forse lui e molti altri giudici e giudici dovrebbero lavorare per sviluppare empatia verso gli "altri". Fino ad allora, come si suol dire, " Se la scarpa ti va, indossala."

Dopo tutto, considera che Rakoff ha concluso la conversazione con la seguente dichiarazione:

"I giudici sono particolarmente obbligati a fare – essere sensibili ai diritti e ai problemi particolari che coinvolgono le persone, anche quando quell'individuo è poco raccomandabile o impopolare."

In altre parole, per svolgere correttamente il proprio lavoro, i giudici devono credere nella democrazia. Sfortunatamente, Neil Gorsuch e molti altri giudici e giudici hanno opinioni molto diverse riguardo al ruolo dei giudici e dei tribunali, molti dei quali hanno a che fare con i loro pregiudizi.

In ogni caso, è stato incredibilmente esaltante notare che in questo breve articolo sono state trattate molte cose su cui ho scritto.

Quando giudici e giurie realizzano risultati che essenzialmente riscrivono la storia, il risultato legale non può essere giusto. Non posso descrivere come ci si sente ad ascoltare quando un giudice condivide la storia fittizia di eventi e circostanze che non si sono mai verificati e applica la legge a quei fatti. È un'esperienza che non dimenticherai mai e ti perseguiterà fino alla tua morte, perché solo allora capirai perché non vorrai mai più intraprendere una causa in un tribunale. La giustizia legale non è affatto la stessa cosa dell'equità fondamentale, e quando non è nemmeno basata sulla realtà, non è altro che un'ingiustizia legale.

Il motivo per cui la mediazione non è più ampiamente utilizzata va oltre la mia comprensione, così come il fatto che le persone vorrebbero usare giudici in pensione senza alcuno o nessun addestramento di mediazione per "mediare", così da indurre le persone a raggiungere simili ingiustizie attraverso accordi raggiunti ciò che è veramente "arbitrato morbido". Questo è particolarmente vero per quanto riguarda il diritto di famiglia, in cui la ricerca è molto chiara.

Solutions Collecting From Web of "Ingiustizia nelle mani di giudici e giudici"