Infuriare nell'adulto

"Essere normale durante il periodo dell'adolescenza è di per sé anormale" Anna Freud.

Da quando G. Stanley Hall ha descritto per la prima volta la "tempesta e lo stress" osservati nella maggior parte degli adolescenti, la percezione dei giovani come vulcani emotivi pronti a esplodere ha assunto una vita propria. Nel suo libro sull'adolescenza del 1904, Hall suggerì che la tempesta e lo stress erano una parte inevitabile dello sviluppo adolescenziale. La sua ipotesi di tempesta e stress si riferisce al minor autocontrollo osservato negli adolescenti (la parte "tempesta" dell'ipotesi) rispetto alla maggiore sensibilità negli adolescenti a vari stimoli eccitanti intorno a loro (lo "stress"). Per Hall, la tempesta e lo stress hanno influenzato il comportamento adolescenziale in tre modi fondamentali:

  • Conflitto con i genitori
  • Disturbi dell'umore
  • Comportamento rischioso

Sebbene non tutti gli adolescenti attraversino necessariamente la tempesta e lo stadio di stress dello sviluppo, le idee di Hall sull'adolescenza erano piuttosto popolari per il loro tempo. Nei decenni che seguirono, ricercatori e accademici hanno cercato di porre le proprie idee sull'ipotesi dello sviluppo di Hall e se la tensione adolescenziale fosse dovuta a fattori biologici o all'educazione.

Ma non tutti i ricercatori sono d'accordo con Hall. Nel suo articolo del 1964, The Stormy Decade: Fact or Fiction ?, Albert Bandura ha riferito che le sue ricerche hanno dimostrato che la maggior parte degli adolescenti, in effetti, considera i loro anni adolescenti particolarmente burrascosi. Bandura ha anche sottolineato che i mass media raramente presentavano agli adolescenti qualcosa di tutt'altro che burrascoso che creava una visione distorta dello sviluppo infantile. Ha concluso che aspettarsi che l'adolescenza sia tempestosa diventa spesso una profezia che si autoavvera.

Come scrisse Bandura, "Sono stato spesso colpito dal fatto che la maggior parte dei genitori, che stanno vivendo relazioni positive e gratificanti con i loro bambini pre-adolescenti, tuttavia, stanno aspettando apprensivamente e si preparano per il tempestoso periodo adolescenziale. Tale vigilanza può facilmente creare almeno una piccola turbolenza. Quando la tempesta profetizzata non si materializza, molti genitori iniziano a nutrire dubbi sulla normalità dello sviluppo sociale del loro giovane. "Sebbene Bandura avvertisse attentamente che l'adolescenza non era necessariamente priva di stress, qualsiasi" tempesta "che si sviluppa man mano che i bambini invecchiano di solito nasce da problemi che erano già presenti nella prima infanzia.

Nonostante i tentativi di Bandura e di altri teorici dello sviluppo di contestare l'ipotesi della tempesta e dello stress, il dibattito che G. Stanley Hall ha iniziato continua ancora dopo quasi un secolo. Ma i ricercatori stanno facendo le domande giuste? Una nuova recensione pubblicata su American Psychologist suggerisce che la visione all-or-nothing della tempesta e dello stress dell'adolescenza potrebbe impedirci di capire veramente come si sviluppano e si modificano gli adolescenti. Scritto da Tom Hollenstein e Jessica P. Lougheed della Queen's University di Kingston, nell'Ontario, l'articolo propone che la questione fondamentale non sia la tempesta e lo stress in ogni adolescente. Invece, dovremmo chiederci quando si verificano questi cambiamenti e come vengono espressi questi cambiamenti?

Secondo gli autori, invece di considerare la tempesta e lo stress come inevitabili e radicati nella biologia, è probabilmente più accurato riconoscere sei premesse di base sulla biologia adolescenziale:

  1. I cambiamenti biologici dell'adolescenza sono inevitabili e onnipresenti – Praticamente tutti gli adolescenti subiscono gli stessi cambiamenti fisiologici. Ciò include i cambiamenti neurochimici con ormoni gonadici come il testosterone e l'estradiolo che salgono ai livelli degli adulti dalla tarda adolescenza
  2. I cambiamenti biologici degli adolescenti guidano vari meccanismi del comportamento adolescenziale – mentre il comportamento non è determinato dalla biologia, i cambiamenti nei livelli ormonali possono influenzare il comportamento sia direttamente che indirettamente. In particolare per il maschio adolescente, l'innalzamento dei livelli di testosterone può portare ad un aumento dell'aggressività che diventa più forte di fronte alle minacce sociali, cioè la perdita di status. Insieme ai cambiamenti ormonali, ci sono anche cambiamenti neurologici che interessano il sistema limbico e la corteccia prefrontale nel cervello che controlla il funzionamento sociale ed emotivo. Ciò può portare a maggiore impulsività e sensibilità.
  3. I cambiamenti biologici dell'età adolescenziale sono influenzati dalle influenze ambientali: la biologia e l'ambiente giocano entrambi un ruolo nel modo in cui gli adolescenti si sviluppano socialmente. In effetti, recenti prove hanno dimostrato che il modo in cui determinati geni si esprimono dipende in gran parte da fattori ambientali. Ad esempio, il gene del trasportatore 5HT che regola i livelli di serotonina può essere modificato a seconda dell'esposizione individuale a stress, abuso fisico o emotivo o abuso di sostanze. La trascuratezza della prima infanzia o la storia familiare di prima infanzia possono anche avere un impatto sul modo in cui gli adolescenti si sviluppano negli adulti. Le nostre esperienze di adolescenti modellano percorsi neurali con "potature" sinaptiche durante la prima età adulta, cambiando il cervello nella struttura neurologica più efficiente che si trova negli adulti.
  4. Le differenze individuali nei cambiamenti del comportamento emotivo nell'adolescente sono specifiche del dominio e variano in intensità. Ogni evento emotivamente impegnativo, le facce di un adolescente coinvolgeranno una qualche forma di strategia di coping, indipendentemente da quanto efficace o inefficace. Il rifiuto dei pari è un esempio di un evento che può essere trattato come un'esperienza di apprendimento o può avere un danno a lungo termine. Per ogni evento emotivamente impegnativo, ci sarà un modo di rispondere, ma ci saranno anche grandi differenze individuali nel modo in cui gli adolescenti rispondono. Per questo motivo, prevedere ciò che un adolescente farà di fronte a una nuova sfida può essere estremamente difficile.
  5. Vi sono differenze individuali nell'età di esordio e nella durata dei periodi di cambiamento dell'adolescente- Gli adolescenti possono variare ampiamente nella velocità con cui maturano i loro corpi. Mentre il 90-95% di tutte le ragazze adolescenti ha le prime mestruazioni tra gli undici ei quindici anni, ci sono sempre dei valori anomali. Tra i singoli adolescenti della stessa fascia di età, lo sviluppo del corpo può variare fino a cinque anni. Ragazzi e ragazze che maturano prima possono affrontare maggiori pressioni per impegnarsi in attività più orientate agli adulti come la sessualità, sia dai coetanei che dagli adulti. Questa differenza nella maturità biologica non corrisponde necessariamente alla maturità emotiva. Tutto ciò potrebbe portare a maggiori conflitti interpersonali, disturbi dell'umore e una maggiore tendenza a correre dei rischi quando gli adolescenti invecchieranno.
  6. Le differenze individuali nella durata e nell'intensità delle transizioni nell'eccitazione emotiva sono funzionali e moderate dalle abilità di regolazione delle emozioni. Tutti impariamo attraverso l'esperienza su come regolare le nostre emozioni sebbene i meccanismi biologici che controllano l'eccitazione emotiva siano cablati nei nostri corpi. Per gli adolescenti che diventano sempre più consapevoli dei loro corpi che cambiano, può esserci un notevole divario tra la loro capacità di eccitazione emotiva e la loro capacità di controllare quell'eccitazione. Tuttavia, non sembra esserci un periodo di tempo prefissato e gli adolescenti variano notevolmente nella loro capacità di controllare le loro emozioni mutevoli.

Basandosi sulle sei premesse che propongono, Hollenstein e Lougheed suggeriscono che la tradizionale tempesta e l'ipotesi dello stress dell'adolescenza sono probabilmente obsolete. In alternativa, hanno proposto quello che definiscono l'approccio 4T per comprendere come gli adolescenti crescono e si sviluppano. Questo approccio comporta l'integrazione di quattro diversi elementi:

  • Tipicità: ci sono normali processi al lavoro mentre i bambini si spostano nell'adolescenza. Fino a poco tempo fa, le precedenti ricerche sugli adolescenti tendevano a concentrarsi sui comportamenti problematici e ignoravano in gran parte lo sviluppo naturale osservato nei bambini sani. Mentre lo studio delle differenze individuali nel modo in cui si sviluppano gli adolescenti è stato difficile fino ad ora, lo sviluppo di migliori strumenti di ricerca e tecnologie sofisticate sta cambiando l'attenzione sulla ricerca adolescenziale.
  • Temperamento – Mentre ci sono alcuni aspetti della personalità di un adolescente che appaiono innati invece di basarsi sull'esperienza, il temperamento di un bambino può cambiare drasticamente in diversi punti della vita di quel bambino. Ciò include cambiamenti nella sensibilità, regolazione emotiva e intensità delle risposte di un bambino a nuovi problemi o sfide che si presentano nel tempo.
  • Transazioni- Stiamo facendo continuamente transazioni tra la biologia del nostro corpo e il mondo esterno. Le situazioni stressanti cambieranno la nostra biologia personale in modi significativi, tra cui le modifiche al sistema nervoso centrale e autonomo, le ghiandole dell'ipotalamo e dell'ipofisi e gli ormoni del corpo, tra le altre cose. Più siamo stressati, maggiore è la probabilità che i nostri corpi siano sopraffatti dai cambiamenti che si verificano. E questi cambiamenti influenzeranno il modo in cui affrontiamo il mondo che ci circonda. Gli adolescenti meno esperti nel trattamento dello stress reagiranno in modi che possono aggravare o disinnescare le situazioni stressanti. È il modo in cui queste transazioni si verificano tra biologia e ambiente che è probabilmente la chiave per comprendere il comportamento degli adolescenti.
  • Cronometraggio: non tutti gli adolescenti si svilupperanno allo stesso ritmo. Mentre possiamo tracciare lo sviluppo di neonati e bambini piccoli in una certa misura, la velocità con cui gli adolescenti maturano per diventare adulti è più difficile da misurare. L'età cronologica non è necessariamente una buona misura della maturità emotiva dell'adolescente, sebbene la società tenda a fissare standard di età arbitrari (ad esempio, l'età minima per la patente di guida, il bere, la sessualità, il voto). Sebbene alcune società considerino i bambini che raggiungono la pubertà come adulti completi, determinare se un adolescente è pronto per le responsabilità degli adulti è una domanda difficile a cui rispondere. La difficoltà nel decidere quando l'adolescenza finisce e l'età adulta inizia a riflettersi in recenti suggerimenti che gli adulti di venticinque anni potrebbero essere considerati più adatti agli adolescenti per impedire ai bambini di "correre" attraverso l'infanzia.

Quindi l'adolescenza è burrascosa o no? Non c'è davvero nessun altro stadio nel nostro normale sviluppo che pone così tante richieste per noi di "crescere" e i cambiamenti biologici subiti dagli adolescenti sono molto reali. D'altra parte, assumendo automaticamente che gli adolescenti debbano essere tempestosi mentre diventano adulti, sembra essere troppo semplicistico. Secondo Hollenstein e Lougheed, l'approccio 4T rappresenta un modo migliore per capire come gli adolescenti si sviluppano e cambiano nel tempo.

Un sacco di stress ma non necessariamente una tempesta.

Solutions Collecting From Web of "Infuriare nell'adulto"