Informazioni su quelle foto condivise online: ci dicono più di quanto eravamo abituati a conoscerci?

Siamo una nazione sempre più polarizzata, giusto? Questa era la premessa di un libro chiamato The Big Sort; il suo sottotitolo è "perché il raggruppamento di un'America che ci piace ci sta facendo a pezzi". L'autore Bill Bishop ha affermato che gli americani si stanno classificando non solo in gruppi vasti e ampi come i mancini oi destrieri, ma in quelli molto più specifici. Sembriamo scegliere quartieri che hanno solo il sentimento progressista, funky, artistico che amiamo, o l'inclinazione benestante, ordinata e conservatrice che si sente più a suo agio, o qualche altra permutazione favorita. Anche la blogosfera si suddivide in gruppi di persone affini che parlano tra loro molto spesso ma in genere dedicano molto meno tempo a siti con prospettive molto diverse.

Credo che la polarizzazione sia reale e che internet renda più facile di quanto non lo sia trovare persone che condividono i nostri valori, le nostre prospettive, le esperienze di vita e le stranezze. Quindi sono rimasto affascinato da una scoperta riportata in un articolo che ho discusso nel mio ultimo post, da Keith Hampton e dai suoi colleghi. Gli autori hanno chiesto a 2.152 americani di nominare i loro confidenti. I partecipanti hanno anche riferito il loro uso di internet e vari social media, compresa la condivisione di foto. Tra le informazioni fornite su se stessi e sui loro confidenti c'era la loro appartenenza politica.

Se il nostro uso delle opportunità online ci sta spingendo in una sola direzione – verso una suddivisione in gruppi che stanno diventando sempre meno diversi – allora le persone che usano i social media di più dovrebbero anche riportare il gruppo di confidenti più omogeneo. Ma gli autori hanno trovato qualcosa di molto diverso. Le persone che condividevano più spesso le foto online avevano più probabilità di segnalare almeno un confidente di un partito politico diverso dal proprio.

Quindi le nuove tecnologie aumentano effettivamente la diversità dei nostri principali social network? Questo non è ciò che pensano gli autori. Invece, suggeriscono la possibilità che quando usiamo nuovi media come la condivisione di foto, impariamo cose l'uno dell'altro che non avevamo mai conosciuto prima.

Pensa a come interagisci con le persone faccia a faccia (o per telefono). Probabilmente eviti certi argomenti che potrebbero essere problematici. Oppure, presumi semplicemente che l'altra persona sia d'accordo con te e quell'altra persona non ti corregge mai. Se questi tipi di interazioni sono gli unici che hai mai avuto con qualcuno (e, una volta, erano gli unici), forse non sapresti mai alcuni dei modi significativi in ​​cui ti differenzi l'uno dall'altro.

Ora c'è la condivisione di foto. La persona che pubblica le foto non le pubblica solo per gli occhi. Quindi la "gestione delle impressioni" non è su misura per te. Ovviamente, ciò che puoi imparare su altre persone in questo modo può andare ben oltre l'affiliazione politica.

Allora, cosa ne pensate? Il mondo online ha rivelato più di quello che avresti saputo altrimenti sulle persone che pensavi di conoscere già?

Riferimento:
Hampton, KN, Sessions, LF, e Ja Her, E. (in corso di stampa). Reti principali, isolamento sociale e nuovi media: uso di Internet e telefoni cellulari, dimensioni della rete e diversità. Informazione, comunicazione e società .

[Ci sono così tanti interessanti in questo articolo che non ho ancora discusso il punto principale: che, contrariamente alle storie di paura, probabilmente non stiamo diventando più isolati di prima. Forse abbiamo così tante persone nella nostra vita che sono importanti per noi, ma alcune di esse sono significative in modi più specializzati di quanto non fossero in passato.]

Solutions Collecting From Web of "Informazioni su quelle foto condivise online: ci dicono più di quanto eravamo abituati a conoscerci?"