Influenza suina e non parlata

Per quanto riguarda l'influenza suina, sono state emesse numerose comunicazioni dai media, dal Centro per il controllo delle malattie e da altri portavoce della salute in merito al contenimento della malattia. Il tema generale di questi messaggi è di rimanere a casa se si è malati, evitare il contatto con chi è malato, dormire abbondantemente e, naturalmente, lavarsi spesso le mani. Queste prevenzioni sono le misure provate e vere che sono state regolarmente promulgate con ogni stagione annuale di influenza e raffreddore.

Nonostante la saggezza di queste misure, c'è un importante consiglio sulla salute che manca in modo evidente. E questa è l'importanza di gestire lo stress e le emozioni rispetto alla diffusione dell'influenza suina. Questo è un peccato dato che lo stress e le emozioni svolgono un ruolo importante nella prevenzione e nel recupero della malattia. Esaminiamo brevemente ciò che la ricerca indica sullo stress e la malattia.

Cohen et al. (1998) furono i primi a documentare che gli individui stressati erano i più propensi a sviluppare sintomi da raffreddore. Gidron et al. (2005) hanno appreso che i fattori psicologici, in particolare l'ostilità, erano predittivi di quali individui anziani hanno sviluppato influenza. Ed è noto da tempo che gli individui depressi hanno maggiori probabilità di ammalarsi rispetto agli individui non depressi. Glaser et al. (1998) hanno riportato che gli studenti che segnalano meno stress hanno risposto in modo più favorevole a una vaccinazione antinfluenzale. The Let Down Effect (Schoen 2001) è una causa comune di malattia post-stress. In questa condizione, la malattia si materializza una volta trascorso un periodo stressante. La risposta allo stress innesca cambiamenti ormonali e immunologici che danno origine all'effetto Let Down.

Quindi, dati i dati della ricerca, perché lo stress e la gestione emotiva non sono raccomandati con altre misure di prevenzione dell'influenza? Forse solo una piccola percentuale di persone è disposta a rispettare lo stress e la gestione emotiva. Se questo è vero, allora sarebbe sfortunato dal momento che le tecniche mirate di gestione dello stress possono trarre benefici per la salute spesso in pochi minuti.

Nella mia pratica, avere dei clienti una semplice tecnica di respirazione da uno a tre minuti diverse volte al giorno si è dimostrata utile nel sostenere la salute contro frequenti attacchi di raffreddore e influenza. Anche brevi periodi di esercizio di circa 5-6 minuti al giorno possono avere significativi benefici di potenziamento immunitario e alleviare la risposta allo stress. Una breve corsa intorno all'isolato, scendendo su e giù per diverse rampe di scale, o una rapida passeggiata intorno al tuo edificio per uffici al lavoro sarebbero tutti idonei. Il metodo più semplice di tutti è ascoltare un CD di rilassamento o di ipnosi con suggerimenti per alleviare lo stress prima di coricarsi. L'ascolto notturno dei CD non richiede praticamente nessuno sforzo, in particolare perché è possibile addormentarsi sul CD e trarre ancora benefici per la salute dall'esperienza.

Come puoi vedere, non è necessario un sollevamento pesante per gestire lo stress in relazione alla malattia. Anche i minuti al giorno possono fare il trucco. Nonostante ciò che si crede comunemente, non è necessario bandire l'intera risposta allo stress per ottenere benefici per la salute. Invece, l'abbassamento della risposta allo stress del 20-30% può essere clinicamente significativo. La prospettiva di scongiurare settimane di malattia con pochi minuti al giorno è una proposta allettante.

Quando il rilassamento è pericoloso per la salute. Mind Body Health Books, 2001 di Marc Schoen

Solutions Collecting From Web of "Influenza suina e non parlata"