Infezione da cervello in via di estinzione – Perforando l'illusione della sicurezza

Era giovane e selvaggia, un po 'ribelle. L'arte corporea della ventiduenne ha annunciato quel messaggio sottilmente come un cartellone su un'autostrada. Non estraneo alle droghe illegali, aveva inalato o iniettato il peggio di loro, compresa la cocaina e l'eroina. Ma di recente aveva girato l'angolo. Il mese scorso ha rimosso il suo nuovo piercing alla lingua solo due giorni dopo averlo preso, e non aveva iniettato droghe negli ultimi 5 mesi. Ironico che dopo aver pulito il suo atto ora dovrebbe trovarsi colpita da un mal di testa palpitante che non è stato colpito dall'aspirina. Grave nausea, vomito e vertigini l'hanno portata all'ospedale.

I risultati di un test HIV erano negativi. Un esame neurologico ha riscontrato lieve atassia (non coordinazione) nella gamba sinistra, che aveva già notato. Questo allertò i suoi dottori su un potenziale problema nella parte destra del suo cervello nella regione di coordinamento motorio, chiamato cervelletto. Una scansione TC e una risonanza magnetica hanno fornito le diagnosi con chiarezza allarmante. La donna soffriva di un ascesso cerebrale in via di estinzione nel suo cervelletto. La chirurgia cerebrale di emergenza era programmata per rimuovere il tessuto cerebrale malato e drenare l'infezione. Il trattamento con forti antibiotici è stato iniziato immediatamente. Le analisi di laboratorio hanno rivelato che il tessuto cerebrale infetto era un enorme pozzo nero di batteri infettivi che comprendeva Streptococco , Peptostreptococco , Actinomyces ed Eikenella . Se non avesse iniettato droghe in 5 mesi, in che modo questi insetti carnivori sono penetrati nel suo cervello?

Dall'altra parte del mondo, dall'ospedale di New Haven, nel Connecticut, dove è stata trattata la donna, un uomo israeliano di 22 anni, che nell'aspetto esteriore avrebbe potuto fare una corrispondenza compatibile con la giovane ribelle, fu improvvisamente colpito da un alto febbre e profonda stanchezza. Il giovane era sempre stato benedetto con vigore giovanile e, a differenza della donna, non abusava mai di droghe illegali. Senza preavviso l'uomo sviluppò rapidamente l'afasia globale; cioè, l'incapacità di parlare o scrivere o comprendere la lingua scritta o parlata. I suoi neurologi sapevano con certezza che la sua corteccia cerebrale sinistra era compromessa. Questa parte del cervello è dove si trovano le aree di Broca e Wernicke, che controllano il linguaggio e la comprensione del linguaggio. Ben presto il lato destro del suo corpo si paralizzò.

Una scansione TC e MRI ha rivelato 13 orribili ascessi sanguinanti a forma di anello delle dimensioni delle palline da ping-pong nel cervello dell'uomo. I test di laboratorio hanno dimostrato che era negativo per l'HIV e la fibrosi cistica, ma il suo esame ematico ha confermato che il suo corpo stava combattendo un'infezione mortale. C'erano troppi ascessi da rimuovere chirurgicamente. Una biopsia cerebrale ha rivelato che il tessuto cerebrale pieno di pus era brulicante di batteri cattivi Streptococcus intermedius .

Questo batterio fa parte della normale flora della bocca e del tratto respiratorio superiore, ma quando il germe penetra nel corpo forma ascessi potenzialmente letali nel fegato, nel cervello o nel rivestimento interno del cuore. Le infezioni da streptococco intermedi del cervello sono solitamente il risultato di traumi cranici o complicazioni dopo la chirurgia cerebrale, ma quest'uomo era stato perfettamente in salute fino a 22 giorni fa. Cosa era successo a quest'uomo due settimane prima?

Una storia medica rivelò che recentemente non era successo nulla di eccezionale all'uomo, tranne che aveva ricevuto un piercing alla lingua due settimane prima. Un filo conduttore legava insieme il destino del giovane e della donna nella letteratura medica, un collegamento tra le palline linguali e l'infezione cerebrale.

La donna sarebbe sopravvissuta, ma dopo aver sofferto per altre tre settimane in ospedale, il giovane avrebbe perso la vita per i germi penetrati attraverso il piercing nella sua lingua. Invadevano senza causare alcuna infezione locale della lingua o producendo febbre, e silenziosamente si fecero strada nel suo cervello dove lo trasformarono in pus.

Il 36 per cento dei maschi in età universitaria e il 62 per cento delle femmine in età universitaria ha piercing (senza includere piercing all'orecchio nelle donne). Nelle donne, il 10 per cento di questi piercing sono nel naso e l'11 per cento sono attraverso la lingua. Per gli uomini dell'età universitaria i tassi sono 1,2 e 4 per cento per piercing al naso e alla lingua. Il 70 percento delle persone con piercing alla lingua riferisce complicazioni, che vanno dalle infezioni locali, alle gengive erose, ai denti scheggiati e alle infezioni sistemiche più gravi inclusa l'epatite B e C.

Quando ci pensi, questo in realtà non dovrebbe sorprendere. La bocca e le vie nasali sono un vero incubatore di batteri che causano malattie. Tutti noi soffriamo di mal di gola, infezioni respiratorie e nasali come risultato; alcuni di loro abbastanza seri. La cosa sorprendente è quanto sia resistente la nostra vulnerabile lingua alle infezioni, a meno che non si faccia un buco attraverso di essa. La lingua è protetta da uno spesso strato esterno duro di pelle ed è continuamente bagnata con saliva contenente proteine ​​antimicrobiche. In contrasto con i lobi delle orecchie, la lingua è ricca di sangue, che fornisce un accesso invasivo al flusso sanguigno, per diffondere l'infezione in tutto il corpo. Le vene che drenano la lingua si collegano direttamente alla vena giugulare interna, che è una via diretta nel cervello. I lobi delle orecchie vengono puliti con un antisettico chirurgico prima di perforarli, ma la lingua non viene preparata prima di infilare un foro attraverso di essa. Il colluttorio solitamente precede l'ago, ma questo è più a vantaggio della persona che fa il piercing.

La malattia che attacca il cervello è forse il più temuto di tutti i disordini per la maggior parte delle persone. Non puoi evitare la maggior parte di loro, ma alcuni di loro lo puoi fare.


Da uno studio di Herskovitz, et al., Pubblicato nel numero di ottobre 2009 della rivista Archives in Neurology , e Martinello and Cooney, pubblicato nel numero di gennaio 2003 della rivista Clinical Infectious Diseases .

Per saperne di più sulle infezioni cerebrali e su come il corpo li combatte, vedi il nuovo libro: The Other Brain, di R. Douglas Fields, pubblicato da Simon and Schuster, 2010. http://theotherbrainbook.com

Photocredit: Herskovitz, et al., (2009) Arch. Neurol. 66: 1292.

Solutions Collecting From Web of "Infezione da cervello in via di estinzione – Perforando l'illusione della sicurezza"