Individuare i comportamenti di pre-attacco dei tiratori attivi

Un nuovo rapporto speciale dell’FBI sulla violenza armata evidenzia 5 questioni chiave.

jabbacake / pixabay

Fonte: jabbacake / pixabay

Da gennaio a dicembre del 2017, ci sono stati 30 diversi tiri attivi negli Stati Uniti, il più grande numero mai registrato dall’FBI durante un solo anno. Con gli attacchi mortali che avvengono così frequentemente, è facile capire perché così tanti di noi si siano abituati alla tragedia umana della violenza estrema.

Dall’invecchiamento dei baby boomer agli adolescenti della generazione z, i cittadini preoccupati sono alle prese con una domanda fondamentale in questo momento: si può fare qualcosa per prevenire attacchi come questi? C’è motivo di ottimismo, tuttavia, perché si può fare qualcosa usando un paio di tecniche del kit di strumenti comportamentali: osservazione e analisi del comportamento precedente.

Rapporti dell’FBI

Nel 2014, il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha pubblicato “Uno studio sugli incidenti da spari attivi negli Stati Uniti tra il 2000 e il 2013” che è stato progettato per fornire una linea guida per guidare i funzionari delle forze dell’ordine, i primi soccorritori, gli educatori e il pubblico in generale per una migliore comprensione degli episodi di sparatorie attive. Ora indicato come fase I, questo rapporto è un compagno di un più recente documento di Fase II.

Nell’estate del 2018, l’FBI ha pubblicato un nuovo rapporto, “Uno studio sui comportamenti pre-attacco dei tiratori attivi negli Stati Uniti tra il 2000 e il 2013” che esamina i motivi che guidano i trasgressori ei loro comportamenti di pre-attacco osservabili. Lo studio del 2018 sui comportamenti di pre-attacco cerca di rispondere a domande vitali come “come si comportano i tiratori attivi prima dell’attacco?” E, se può essere determinato, “perché hanno attaccato?”

5 risultati chiave riassunti nella recente relazione

1. I 63 tiratori attivi esaminati in questo studio non sembravano essere uniformi in alcun modo tale da poter essere prontamente identificati prima dell’attacco in base ai dati demografici da soli. Tuttavia, il 94% (59) dei 63 tiratori attivi erano maschi e solo quattro erano donne.

2. Gli sparatutto attivi richiedono tempo per pianificare e preparare l’attacco, con il 77% dei soggetti che trascorrono una settimana o più a pianificare il proprio attacco e il 46% che spende una settimana o più effettivamente preparando (procurando i mezzi) per l’attacco.

Open Door / Pexels

Fonte: Open Door / Pexels

3. L’FBI poteva solo verificare che il 25% dei tiratori attivi nello studio fosse mai stato diagnosticato con una malattia mentale. Di quelli diagnosticati, solo tre erano stati diagnosticati con un disturbo psicotico.

4. Ogni tiratore attivo mostrava, in media, da 4 a 5, i comportamenti nel tempo che erano osservabili a quelli a stretto contatto con il tiratore. Le categorie comportamentali più comuni sono stati i problemi di rabbia, impulsività, problemi interpersonali, depressione, ansia, assunzione di rischi eccessivi e perdita di intenti violenti a una terza parte.

5. Nell’anno solare che ha preceduto l’attacco, i tiratori attivi hanno in genere sperimentato più fattori di stress della vita (una media di 3,6 fattori di stress separati). Esempi di fattori di stress gravi includono la morte di una persona cara, problemi legati al lavoro, conflitti sentimentali, problemi finanziari, problemi di criminalità, abuso di droghe e lesioni fisiche.

L’FBI vorrebbe vedere queste informazioni utilizzate nello sviluppo di metodi nuovi ed efficaci per condurre valutazioni delle minacce, individuare piani di intervento precoce e creare potenti strategie di mitigazione delle minacce.

Riferimenti

Blair, J. Pete e Schweit, Katherine W. (2014). A Study of Active Shooter Incidents, 2000 – 2013. Texas State University e Federal Bureau of Investigation, Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Washington DC 2014.

Silver, J., Simons, A., & Craun, S. (2018). Uno studio sui comportamenti pre-attacco dei tiratori attivi negli Stati Uniti tra il 2000 e il 2013. Ufficio federale di investigazione, Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, Washington, DC 20535.

Solutions Collecting From Web of "Individuare i comportamenti di pre-attacco dei tiratori attivi"