Inclinazione ai mulini a vento della minaccia stereotipata

Se avessi il potere di raggiungere la tua mente e influenzare il tuo comportamento, questa sarebbe per me un'abilità adattabile. Immagina di essere in grado di rendere i tuoi concorrenti diretti meno efficaci di te, quelli che ritieni più attraenti nell'associarti e, forse, persino di raggiungere la tua stessa mente, migliorando le tue prestazioni a livelli che prima non avresti mai raggiunto. Mentre sarebbe bello per me possedere questi poteri, sarebbe decisamente peggio per gli altri se lo facessi. Perché? In parole povere, perché i miei migliori interessi adattivi e il loro non si sovrappongono al 100%. Migliorare la mia posizione nella razza evolutiva spesso viene a loro spese e riuscire a manipolarli efficacemente farebbe proprio questo. Ciò significa che sarebbero meglio se possedessero la capacità di resistere ai miei poteri fittizi di controllo mentale. Per riportare questa idea alla realtà, potremmo considerare la relazione tra parassiti e ospiti: i parassiti spesso si guadagnano da vivere a spese dell'ospite e gli ospiti, a loro volta, sviluppano meccanismi di difesa – come i sistemi immunitari – per combattere i parassiti.

yournewswire.com
Ora con il 10% in più di autismo!
Fonte: yournewswire.com

Questo potrebbe sembrare piuttosto semplice: evitare lo sfruttamento manipolativo è un'abilità preziosa. Tuttavia, lo stesso tipo di pensiero magico presente nel paragrafo precedente sembra presentarsi di volta in volta nella ricerca psicologica; la linea di ragionamento che segue, "le persone hanno questa capacità di raggiungere nella mente degli altri e cambiare il loro comportamento per adattarsi ai propri fini". Certo, il ragionamento è molto più sottile e richiede un po 'di scavo da raccogliere, dal momento che pochissimi psicologi direbbero che gli umani possiedono tali poteri magici (con Daryl Bem che è un'eccezione degna di nota). Invece, la linea di pensiero sembra andare in questo modo: se io tengo certe convinzioni su di te, comincerai a conformarti a quelle credenze; anzi, anche se tali credenze esistessero nella tua cultura più in generale, piegheresti il ​​tuo comportamento per soddisfarle. Ad esempio, se ti capisco di essere intelligente, diventerai più intelligente; se mi capita di credere che sei una persona calda e amichevole, diventerai più caldo. Questo, naturalmente, dovrebbe funzionare anche nella direzione opposta: se credo che tu sia stupido, in seguito ti verrà più stupido; se credo che tu sia ostile, diventerai a sua volta più ostile. Questo è un po 'troppo semplicistico, forse, ma coglie bene il cuore di queste idee.

Il problema con questa linea di pensiero è esattamente lo stesso del problema che ho delineato inizialmente: c'è una sovrapposizione non perfetta (spesso molto meno che perfetta) tra i migliori interessi riproduttivi dei credenti e gli obiettivi. Se permettessi alle tue convinzioni su di me di influenzare il mio comportamento, potrei essere spinto e trascinato in tutti i tipi di direzioni in cui preferirei non entrare. Coloro che preferirebbero non vedermi riuscire potrebbero credere che fallirò, il che, generalmente, avere implicazioni negative per le mie prospettive future (a meno che, naturalmente, altre persone potrebbero combattere questa convinzione credendo che avrei avuto successo, conducendo a un'entusiasmante battaglia psichica). Sarebbe meglio per me se ignorassi le loro convinzioni e procedessi semplicemente in avanti da solo. Alla luce di ciò, sarebbe piuttosto strano aspettarsi che gli esseri umani posseggano meccanismi cognitivi che usano le credenze degli altri come input per decidere il nostro comportamento in modo conformista. Non solo le credenze degli altri sono difficili da valutare direttamente, ma conformarsi a esse non è sempre un'idea saggia, anche se vengono dedotte correttamente.

Ciò non ha impedito ad alcuni psicologi di suggerire che lo facciamo sostanzialmente, comunque. Una delle linee di ricerca che volevo discutere oggi è nota come "minaccia stereotipata". Tirando una rapida definizione da reducingstereotyethreat.org: "La minaccia stereotipa si riferisce al rischio di confermare, come auto-caratteristico, uno stereotipo negativo sul proprio gruppo ". Dai numerosi esempi che elencano, un paradigma tipicamente di ricerca implica alcune varianti di quanto segue: (1) ottenere due gruppi insieme per fare un test che (2) capita di differenziare rispetto agli stereotipi culturali su chi farà bene. In seguito, tu (3) rendi saliente l'appartenenza al gruppo in qualche modo. Il risultato atteso è che il gruppo che si trova nella parte negativa dello stereotipo si comporterà peggio quando è a conoscenza della sua appartenenza al gruppo. Per trasformare questo in un semplice esempio, si crede che gli uomini siano più bravi in ​​matematica delle donne, quindi se ricordi alle donne il loro genere prima di un test di matematica, dovrebbero fare peggio di quanto le donne non siano così ricordate. Lo stereotipo delle donne che fanno poco con la matematica, in realtà, fa peggiorare le donne.

nydailynews.com
L'equivalente psicologico di ottenere Nancy Kerrigan
Fonte: nydailynews.com

Per comprendere meglio la minaccia dello stereotipo – in particolare, la sua traiettoria di sviluppo riguardo a come i bambini di diverse età potrebbero essere vulnerabili ad esso – Ganley et al (2013) hanno condotto tre stereotipi di esperimenti con 931 studenti maschi e femmine, che vanno dal 4 al 12 ° grado. Nella loro introduzione, Ganley et al (2013) hanno notato che alcuni ricercatori parlano regolarmente delle condizioni in cui è probabile che la minaccia stereotipata abbia il suo impatto negativo: forse su domande difficili, relative a quelle facili; su ragazze identificate dalla matematica ma non non identificate; in gruppi di sesso misto, ma non in gruppi dello stesso sesso, e così via. Mentre alcuni fenomeni psicologici sono effettivamente contestualmente specifici, si potrebbe anche considerare tutto ciò che parla dei contesti piuttosto specifici richiesti dalla minaccia stereotipata per ottenere una giustificazione post-hoc per alcune analisi dei dati abbozzati (non ha trovato il risultato che volevi? i dati in gruppi diversi fino a quando non li trovi). Tuttavia, Ganley et al (2013) hanno impostato i loro esperimenti con queste idee in mente, facendo del loro meglio per trovare l'effetto: hanno selezionato ragazzi e ragazze ad alto rendimento che hanno segnato oltre l'identificazione matematica, hanno usato scenari di test valutativi, e ho usato domande matematiche difficili.

Ganley et al (2013) hanno persino usato alcune esplicite affermazioni di minacce stereotipiche: piuttosto che chiedere agli studenti di escludere il loro genere (o non farlo), le loro condizioni di stereotipo-minaccia spesso apertamente hanno detto ai partecipanti che stavano per fare il test che i ragazzi superano le ragazze Non diventa molto più minaccioso di così. Il loro primo studio aveva 212 studenti delle scuole medie a cui veniva detto che i ragazzi mostravano più attivazione cerebrale associata all'abilità matematica e, di conseguenza, si comportava meglio delle ragazze, o che entrambi i sessi si comportavano egualmente bene. In questo primo esperimento, non vi è stato alcun effetto della condizione: le ragazze a cui è stato detto che i ragazzi fanno meglio con i test di matematica non hanno prestazioni inferiori, rispetto alle ragazze alle quali è stato detto che entrambi i sessi fanno altrettanto bene. In realtà, i dati sono andati nella direzione opposta, con le ragazze nella condizione di minaccia stereotipata che hanno ottenuto risultati leggermente migliori, anche se non significativamente. Il loro prossimo esperimento ha avuto 224 alunni e 117 alunni. In questa condizione di minaccia stereotipata, è stato chiesto loro di indicare il loro genere in un test prima dell'avvio perché i ragazzi tendevano a sovraperformare le ragazze su queste misure (questo non era menzionato nelle condizioni di controllo). Ancora una volta, i risultati non hanno rilevato alcuna minaccia di stereotipo in entrambi i gradi e, di nuovo, i loro dati sono andati nella direzione opposta, con i gruppi di minacce stereotipate che hanno ottenuto risultati migliori.

Infine, il loro terzo studio conteneva 68 studenti di quarta elementare, 105 studenti di terza media e 145 studenti di dodicesima elementare. In questa condizione di stereotipo di minaccia, gli studenti hanno prima risolto un facile problema di matematica che riguardava molti più ragazzi che facevano parte del team di matematica rispetto alle ragazze prima di fare il test (il problema della condizione di controllo non conteneva la manipolazione sessuale). Hanno anche cercato di rendere il test più valutativo nella condizione di minaccia stereotipata (riferendosi ad esso come un "test", piuttosto che "alcuni problemi"). Ancora una volta, non sono emersi effetti di minacce stereotipate a nessun livello, con due dei tre mezzi che vanno nella direzione sbagliata. A prescindere da come lo hanno affettato, non sono venuti meno gli effetti delle minacce stereotipate. I loro dati non erano nemmeno coerenti nella direzione in cui la minaccia dello stereotipo era una cosa negativa. Ganley et al (2013) hanno anche fatto un po 'più di approfondimento nella sezione di discussione, osservando che gli studi pubblicati su tali effetti hanno avuto un effetto significativo nell'80% dei casi. Tuttavia, questi effetti sono stati riportati anche tra gli altri risultati non significativi. In altre parole, questi effetti sono stati probabilmente trovati dopo aver tagliato i dati in modi diversi. Al contrario, le tre dissertazioni inedite sulla minaccia stereotipata non hanno trovato nulla, suggerendo la possibilità che sia l'inganno dei dati sia i bias della pubblicazione fossero probabilmente in opera in letteratura (e non sono gli unici).

garthpalanuk.com
"Andato a pescare per valori P"
Fonte: garthpalanuk.com

Le scoperte attuali sembrano basarsi sulla tendenza della natura spesso non replicabile della ricerca psicologica. Ancora più importante, tuttavia, il tipo di pensiero che ha ispirato questa ricerca non sembra avere molto senso in primo luogo, anche se quella parte non sembra essere affatto discussa. Ci sono buone ragioni per non lasciare che le credenze degli altri influenzino la tua performance; una discussione deve essere fatta sul perché saremmo sensibili a queste cose, specialmente quando sono ipotizzate per peggiorare, e non è presente. Per chiarire questo punto, prova ad applicare la minaccia stereotipata pensando a qualsiasi specie non umana e vedi quanto suona plausibile. Al contrario, una teoria reale, come la selezione di parentela, si applica con altrettanta forza agli umani quanto ad altri mammiferi, uccelli, insetti e persino organismi monocellulari. Se non c'è un ragionamento adattivo solido (e plausibile) nel quale si basa il proprio lavoro – poiché non esiste una minaccia stereotipata – non dovrebbe sorprendere che gli effetti sfarfallano dentro e fuori dall'esistenza.

Riferimenti : Ganley, C., Mingle, L., Ryan, A., Ryan, K., Vasilyeva, M., & Perry, M. (2013). Un esame degli effetti delle minacce stereotipate sulla prestazione matematica delle ragazze. Psicologia dello sviluppo, 49 , 1886-1897.

Solutions Collecting From Web of "Inclinazione ai mulini a vento della minaccia stereotipata"