In primo luogo, non fare nulla – Legalizzare la discriminazione in ambito sanitario

Via Wikimedia Commons
Papiro del III secolo contenente giuramento di Ippocrate
Fonte: via Wikimedia Commons

C'era una volta, i medici e gli assistenti hanno dovuto affermare il giuramento di Ippocrate, "Primo, non fare danni." Sono triste quei giorni se ne sono andati. In questi giorni, i servizi sanitari sono appena diventati un altro terreno di battaglia in cui discriminazione, pregiudizi e cattiveria sono trattati come diritti civili.

Nel Tennessee è stata approvata una legge che consente ai consulenti di deporre un lesbico, gay, bisessuale, transgender, queer (paziente LGBTQ), nella convinzione che costringere il clinico ad astenersi dalla discriminazione fosse una violazione della loro libertà religiosa. Nel Michigan è stata proposta una legge chiamata Religious Freedom Restoration Act, che consente agli operatori sanitari, compresi i fornitori di servizi medici di emergenza, di rifiutare il trattamento alla LGBTQ. Il Mississippi ha recentemente approvato una legge simile e anche la Florida ha tentato di farlo.

Siamo chiari qui. Queste leggi non riguardano la libertà religiosa. Non stanno sostenendo che un terapeuta debba permettere ad un paziente di indossare un hijab, né che un paziente con problemi di salute mentale in guardia al suicidio debba avere la possibilità di avere una Bibbia, o grani di preghiera. Queste leggi riflettono la paura e il rifiuto del cambiamento del clima sessuale in America, poiché la nostra società accetta sempre più la diversità sessuale. La legge del Mississippi lo chiarisce:

SEZIONE 2. Le credenze religiose sincere o le convinzioni morali protette da questo atto sono la convinzione o la convinzione 16 che:

(a) Il matrimonio è o dovrebbe essere riconosciuto come l'unione di 18 un uomo e una donna;

(b) i rapporti sessuali sono propriamente riservati a tale matrimonio; e

(c) Il maschio (uomo) o la donna (donna) si riferiscono al sesso biologico immutabile di un individuo come oggettivamente determinato dall'anatomia e dalla genetica al momento della nascita.

Queste leggi sostengono e incoraggiano gli operatori sanitari a vergognare e respingere quei pazienti che credono siano LGBTQ. Le leggi mettono in evidenza le "raccomandazioni" e l'idea che i terapeuti dovrebbero essere in grado di riferire tali pazienti. Ma i pazienti sperimentano il riferimento come rifiuto, e lo equiparano a essere rimessi su un tapis roulant in un labirinto, mentre cercano di navigare nel nostro tortuoso sistema sanitario.

Via Wikimedia Commons
Medico ed etico Ippocrate
Fonte: via Wikimedia Commons

Inoltre, la LGBTQ accede comunemente ai servizi di salute mentale più delle loro controparti eterosessuali. L'LGBTQ sperimenta livelli più elevati di stress e depressione di minoranza, come reazione allo stigma sociale, alla discriminazione e al rifiuto. Queste leggi in realtà incoraggiano e consentono agli operatori sanitari di replicare l'ambiente stesso e le interazioni che hanno causato danni emotivi, in quello che dovrebbe essere un ambiente di guarigione. Lo trovo riprovevole. I guaritori non dovrebbero causare danni. Indipendentemente dalle loro "credenze religiose profondamente radicate".

Alcuni anni fa, mi sono consultato su un caso di un adolescente transgender, ricoverato in un ospedale psichiatrico adolescente nel sud. L'adolescente è stato ammesso mentre era diventato depresso e suicida, oltre il rifiuto sociale, il vergogna e il bullismo sia a scuola che in famiglia, dove il nome e il genere scelti dall'adolescente venivano respinti. Nell'unità psichiatrica, lo staff infermieristico e lo psichiatra si sono rifiutati di chiamare l'adolescente con il nome scelto, dicendo che "non volevano nutrirsi della patologia". Sono stato portato dall'amministrazione a consultare, e ho sfidato lo staff sulle loro decisioni e pregiudizi. "Il mio nome è David sul mio certificato di nascita, ma se chiedessi alla tua squadra di chiamarmi Buster, vuoi?" Chiesi. Hanno concordato che lo avrebbero fatto, e ho chiesto perché stavano permettendo la scelta su un soprannome, ma non su qualcosa relativo al genere?

Alla fine, il team è stato convinto dalle mie difficoltà che stavano causando danni, in quello che doveva essere un ambiente di guarigione. Il modo per aiutare tali adolescenti è offrire sostegno, affermazione e un ambiente non giudicante, indipendentemente dai sentimenti che provano riguardo alla loro sessualità o genere. Credo fermamente che terapisti, operatori sanitari e medici del Tennessee, del Mississippi e della Florida siano brave persone, che non vogliono danneggiare le persone. Questi operatori sanitari e i loro legislatori hanno bisogno di ricordare il giuramento di Ippocrate.

Via Wikimedia Commons
Fonte: via Wikimedia Commons

In alternativa, suggerisco di fare una campagna per le leggi che consentono agli operatori sanitari di rifiutare i pazienti sulla base del bigottismo e dell'ignoranza. Sebbene veramente, i buoni medici curanti trattano le persone del KKK, del partito nazista, e che sono stati condannati per crimini eclatanti. Non credo davvero che la maggior parte dei medici o degli operatori sanitari agirà in base a queste leggi e che nella maggior parte dei casi si tratta di una condanna legale, che usa l'assistenza sanitaria come una scommessa nelle battaglie politiche su questioni sociali.

Solutions Collecting From Web of "In primo luogo, non fare nulla – Legalizzare la discriminazione in ambito sanitario"