In occasione della Giornata mondiale della prevenzione dei suicidi, le tue parole possono ucciderti?

Le statistiche variano a seconda dell'anno in questione, ma, grosso modo, negli ultimi anni, tra 800.000 e 1 milione di persone muoiono a causa del suicidio ogni anno, in tutto il mondo. Eppure ci sono molti altri che tentano il suicidio – per ogni individuo che prende la propria vita, almeno 20 tentativi di farlo, secondo le statistiche dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ancora una volta, a seconda dell'anno in questione, le statistiche varieranno, ma il suicidio ha un tasso di mortalità globale di circa 16 ogni 100.000 persone negli ultimi anni, ed è stata la seconda causa di morte tra i 15-29 anni a livello mondiale nel 2012, e in quell'anno era la quindicesima causa di morte per tutta la vita.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Il fatto stesso che il suicidio sia molto più comune di quanto si pensi di solito, rivela che si tratta di un problema circondato da miti e stereotipi, spesso lontani dalla realtà.

Ad esempio, può essere una sorpresa apprezzare che dalla ricerca psicologica è ben stabilito che esiste un legame tra fama e suicidio.

David Lester, professore di psicologia presso il Richard Stockton College del New Jersey, ha condotto molte ricerche per stabilire questo legame. Nella rivista "Perceptual and Motor Skills" ha pubblicato una recensione di ricerca intitolata "Suicidio in persone eminenti". Ha citato vari sondaggi che stabiliscono un tasso di suicidio medio nel ben noto di circa il 3%, considerevolmente più alto rispetto alla popolazione generale. Uno studio incentrato su eminenti personalità del XX secolo ha rilevato un tasso di suicidio del 5%, centinaia di volte superiore al tasso di suicidio nella popolazione generale del Regno Unito.

Perché il famoso è così incline al suicidio?

Forse essere famosi o diventare famosi potrebbe essere stressante.

Tuttavia, il pensiero psicologico sta oscillando verso una nuova idea – potrebbe esserci un aspetto della personalità che spinge persone particolari a diventare eminenti, che è lo stesso fattore che aumenta anche le possibilità di suicidio.

Ad esempio, gli psicologi Sheri Johnson, Charles Carver e Ian Gotlib hanno di recente pubblicato uno studio che ha scoperto che le persone con disturbo bipolare (la stessa diagnosi fornita a Stephen Fry, un famoso emittente e scrittore britannico che ha confessato un tentativo di suicidio), aveva maggiori ambizioni per la fama popolare. Il disturbo bipolare è stato trovato troppo sovra-rappresentato tra i creativi e i famosi, specialmente quelli provenienti dai campi artistici.

Questi ricercatori, con sede presso la Stanford University, la University of California e l'Università di Miami, hanno usato una scala chiamata "Willingly Approached Set of Statistically Unlikely Pursuits", che misura il desiderio di obiettivi di vita estremamente ambiziosi (difficili da raggiungere), come diventare il punto focale di libri e programmi TV. Gli obiettivi di grande riconoscimento, come la fama, il grado milionario o l'influenza politica, erano molto più probabili nei pazienti con disturbo bipolare.

Questo studio, "Elevate ambizioni per la fama tra le persone con diagnosi di disturbo bipolare di I", pubblicato nel "Journal of Abnormal Psychology", suggerisce che la spinta a conseguire ambizioni difficili deriva in parte da questa diagnosi.

Ma questo spiega anche la propensione al suicidio?

Tra tutti i vari talenti del famoso attore e scrittore britannico Stephen Fry, forse il più pertinente al suo tentativo di suicidio potrebbe essere una sorpresa. Vedi il suo recente pubblicato "L'Ode meno viaggiato – Sbloccare il poeta entro". La pubblicità allegata al libro conferma che ha "scritto poesie lunghe, per il suo piacere privato". Il libro "ti invita a scoprire le incomparabili delizie di forme metro, rima e versi".

Particolarmente elevati tassi di suicidio e malattia bipolare sono stati trovati nei poeti. Alcuni psicologi sostengono addirittura che scrivere poesie potrebbe non essere buono per la vostra salute mentale, in particolare se soffrite di determinate vulnerabilità mentali predisponenti.

In uno studio intitolato "L'uso della parola nella poesia dei poeti suicidi e non suicidi", gli psicologi Shannon Stirman e James Pennebaker, dell'Università della Pennsylvania e dell'Università del Texas, sottolineano che alcuni psicologi ritengono che la poesia di Sylvia Plath possa aver minato le sue capacità di coping , che di fronte a eventi di vita altamente stressanti, forse ha contribuito alla sua morte per suicidio.

Tuttavia la scrittura, in particolare la poesia, è vista in alcuni ambienti come una "liberazione" e quindi terapeutica.

Stirman e Pennebaker sondarono ulteriormente. Analizzarono le parole nelle poesie dei poeti suicidi, indagando su una teoria secondo cui sarebbe possibile prevedere quale poeta si uccidesse, dalla parola scelta nella loro poesia.

Questi psicologi analizzarono un totale di 156 poesie di poeti eminenti che si suicidarono e li paragonarono a poeti altrettanto famosi che non lo fecero.

Nel complesso, il gruppo di poeti suicidi utilizzava nella sua poesia più parole singolari (io, io, mio) di quanto non facesse il gruppo di controllo. I poeti suicidi usavano anche le parole "noi", "noi" e "nostro" nelle fasi iniziali e intermedie della loro carriera, rispetto al gruppo non suicida. La percentuale di utilizzo è calata drasticamente al di sotto di quella del gruppo non suicida, durante i periodi tardivi della loro carriera (cioè poco prima del suicidio).

Gli autori di questo studio, pubblicati sulla rivista "Psychosomatic Medicine", suggeriscono che la scoperta di più singolari auto-referenze in prima persona ("io", "me", "mio") nella loro poesia durante tutta la loro carriera, significa che i riferimenti personali non aumentano nel tempo nei poeti suicidi. Stirman e Pennebaker sostengono che ciò significa che il livello di preoccupazione dei poeti suicidi con se stessi non è dovuto al crescente livello di fama o al riconoscimento del loro lavoro nel tempo.

L'auto-riferimento potrebbe essere una misura di autoossessione. Forse ricevere molta attenzione ti rende ossessionato da te stesso – o potrebbe essere che essere auto-preoccupato ti porta a considerare di diventare famoso? Sicuramente questo egocentrismo non ti sembra buono, se è legato alla propensione al suicidio.

Stirman e Pennebaker si chiedono inoltre se il loro modello di scoperte suggerisca che potrebbe persino esistere una sorta di "impronta digitale del suicidio", nei modelli di uso delle parole da parte di coloro che sono predisposti al suicidio, o che diventano più suicidi.

Forse è anche possibile che una simile "impronta digitale" possa apparire negli scritti di non poeti, come nei messaggi di testo e nelle e-mail.

Tuttavia, il loro principale risultato è che questa "impronta digitale del suicidio" appare presente dall'inizio della carriera di un poeta. In altre parole, il suicidio e la fama potrebbero essere connessi attraverso le caratteristiche psicologiche presenti nella personalità sin dall'inizio.

L'ultima prova è che il disturbo psicologico potrebbe guidare il desiderio di fama, e questo potrebbe essere alla base degli alti tassi di suicidio nel illustre.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Apparentemente Stephen Fry ha rivelato di aver compiuto un serio tentativo di suicidio per aiutare a stigmatizzare la malattia mentale. Fry è un mecenate e sostenitore di organizzazioni benefiche per la salute mentale e in precedenza ha rivelato sofferenza da depressione maniacale o sbalzi d'umore, ora definito disturbo bipolare.

Ha un grande successo in molte aree della vita; un "tesoro nazionale". Come può qualcuno popolare, ricco, occupato e di successo, finire per sentirsi disperato e disperato?

Il suicidio è circondato da molti miti e pregiudizi e uno degli scopi del World Suicide Prevention Day potrebbe essere quello di aiutare a sfidare gli stereotipi che continuano a ostacolare la comprensione e la simpatia per questa tragedia fin troppo comune.

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/@DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'app gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo 'Raj Persaud in conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj…

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662…

Una versione di questo articolo è apparso su The Huffington Post

Solutions Collecting From Web of "In occasione della Giornata mondiale della prevenzione dei suicidi, le tue parole possono ucciderti?"