In-Humanity dell'umanità

Nella tiepida serata di venerdì 13, 2015, i pacifici cittadini di Parigi si sono goduti spettacoli musicali, cenando nei caffè e assistendo al tanto atteso incontro tra Francia e Germania, quando alcuni auto-consacrati religiosi della polizia si sono presi la briga di sconvolgere l'inimmaginabile atrocità sui loro simili. Gli unici "crimini" dei parigini che hanno provocato questo assalto omicida per mano degli assassini estremisti dell'ISIS erano che erano apostati o infedeli francesi o cristiani o occidentali.

Il problema è che ISIL, Al Qaeda, Boko Haram e altri odiosi veri credenti piegati sul nostro sterminio ci hanno intrappolati. Non abbiamo altra scelta che sradicare questa piaga malvagia dalla terra con tutta l'intelligenza e i mezzi militari a nostra disposizione.

Ci uniremo e incoraggeremo l'antiterrorismo e gli attacchi offensivi contro i terroristi e imporremo la sospensione di alcune libertà civili per raggiungere i nostri obiettivi. Siamo in guerra, e in un certo senso ci sentiamo allo stesso modo in cui lo fanno, odiosi, vendicativi e con "Dio dalla nostra parte". Speriamo di vincere, sconfiggere e sradicare i nostri vili nemici … E poi? Che ne è di altri e più recenti flagelli malevoli?

Ammiro così tante e nobili caratteristiche dell'umanità; ci siamo mostrati benevoli, compassionevoli, resilienti, creativi, artistici, scientifici e filosofici. Ma dopo secoli di guerre e massacri ripetitivi, olocausti e genocidi, è possibile che non siamo altro che animali e bestie intelligenti? Com'è possibile che la nostra specie avanzata, che è così generosa e gentile, empatica e saggia, possa anche essere così indescrivibilmente crudele e distruttiva?

Salto rapidamente in nostra difesa: noi esseri umani siamo molto più che il "più adatto" dei concorrenti e sopravvissuti di Darwin. Credo ancora che siamo capaci di lavorare insieme per far evolvere la nostra umanità in modo che una "Impronta Impressionante Positiva" diventi la nostra visione e ragion d'essere comune, al contrario del territorio e del potere.

La nostra Impronta Emotiva – il modo in cui ci trattiamo l'un l'altro – non è meno una preoccupazione vitale per il futuro dell'umanità di quanto lo sia la nostra Impronta di Carbonio. Se il riscaldamento globale non ci ucciderà, sembreremo essere sicuri che le guerre finiranno il lavoro.

Nel contesto di questa tragedia egregia, il mio appello potrebbe sembrare irrealistico. Ma non è.

Non abbiamo altra scelta che lavorare insieme per migliorare l'armonia interpersonale e internazionale: la nostra sopravvivenza come specie e pianeta è letteralmente in gioco.

Solutions Collecting From Web of "In-Humanity dell'umanità"