In difesa della vita dell'artista

Pixabay, CC0 Public Domain
Fonte: Pixabay, CC0 Public Domain

Nei post precedenti, ho denigrato la vita dell'artista. Per ripristinare una certa misura di equilibrio pur non essendo poliglottesco, ecco il mio colpo migliore per descrivere la vita di un artista tipico che non sta facendo molti soldi, ma è contento di aver scelto The Artist's Life.

Questo è un composito tratto dai miei clienti e amici che sono artisti. Anche così, è ancora solo uno scenario. Certo, non esiste una vita da artista. Tuttavia, forse troverai questo di interesse.

Per un po ', Aurora ha fatto bene a scuola. Nella scuola elementare, sebbene fosse spaziale, gli accademici erano abbastanza facili da farle fare bene. E c'erano molti progetti artistici, i suoi preferiti – se fare un diorama, un poster o persino la gente che ballava con uno dei suoi maestri faceva spesso fare la sua lezione.

Al liceo però, la sua mente errante, la sensibilità artistica e la resistenza alla conformità hanno creato una tempesta perfetta per i poveri voti. Tranne la musica e l'arte, ha preso principalmente C.

Aurora pregò i suoi genitori di mandarla alla scuola d'arte, ma loro rifiutarono, così andò a un college comunitario, che in California era essenzialmente libero, e si specializzò in arte. Lì, ha esplorato acquerello, pittura ad olio, scultura e creazione di gioielli.

Ha completato il suo associato di arti in tre anni. Poi, ha vissuto in un loft con altri due artisti e si è concentrata sulla creazione di collage realizzati con oggetti trovati. Ha lavorato part-time in un negozio di forniture artistiche, ma ciò non ha portato entrate sufficienti. Tuttavia, non voleva chiedere di nuovo ai suoi genitori per i soldi, specialmente da quando non era stata richiesta, sua madre le disse: "Voglio solo ricordarti che ci rifiutiamo di sostenere il tuo campo estivo a vita. Si potrebbe anche avere una carriera di creare cordini. "

Ciò rafforzò ulteriormente l'impegno di Aurora nei confronti della vita dell'artista, anche se dovesse vivere in povertà per sempre. Era grata al contribuente e alla ObamaCare, perché le permetteva di ottenere assistenza sanitaria sovvenzionata, oltre a buoni pasto, pass per autobus e treni, alloggi per la sezione 8, ecc.

Aurora disdegnava gli affari e il marketing, quindi, anche se aveva creato così tanti collage che aveva bisogno di immagazzinare in un magazzino, raramente riusciva a raccogliere molti sforzi per vendere il suo lavoro. Non riusciva a farsi più che stampare biglietti da visita, pubblicare i suoi lavori su un sito web di gruppo e, con un amico, noleggiare uno stand in una fiera di artigianato locale. Dopo le spese, ha una media di meno di $ 2.000 all'anno dalla sua arte.

Aurora riesce a frequentare vari festival musicali e artistici, tra cui Burning Man, e gode di molte serate fumando una tazza con i suoi tanti amici che la pensano allo stesso modo.

Nonostante le sue poche entrate, Aurora è felice, anzi più felice di molti milionari. Ho un cliente che è un miliardario e si è suicidato depresso. Vero. Lei vive la vita dell'artista, qualcosa che crede non è una scelta; è chi è lei. Ha detto: "Meglio vivere semplicemente e fare arte e avere tanto tempo libero per divertirsi che essere uno schiavo da salario da 9 a 5".

Il takeaway

Certo, alcuni artisti fanno meglio; molti fanno peggio. Questa breve storia fornisce chiarezza sul fatto che la vita dell'artista sia una scelta saggia per te o per qualcuno a cui tieni?

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko.

Solutions Collecting From Web of "In difesa della vita dell'artista"