In corsa per una canzone

"Come scrivi una canzone?" Chiede qualcuno.

Ho scritto diciannove canzoni per il mio musical, HAPPY IF – HAPPY WHEN, ma sono nuovo in questo gioco e sono quasi imbarazzato nel rispondere.

"Vado a correre."

Anche se è vero, sembra strano. Sicuramente dovrei stare seduto al pianoforte, o con uno strumento in mano, suonare accordi e melodie; ma non suono abbastanza bene nessuno strumento. Quando voglio scrivere una canzone, il più delle volte, mi allaccio le scarpe da ginnastica e mi metto in viaggio.

Mentre partivo, il mio compito è piuttosto chiaro. Di solito ho un'idea di quale personaggio canterà, a che punto della storia, e perché. A volte una parola o una frase gira intorno alla mia mente. Lascio la casa ansiosa di invitare uno schema di note a prendere forma in uno spazio immaginario che ho coltivato.

Come posso essere sicuro che la corsa attirerà qualcosa in grado di cantare in questa sfera? Io non. Ma spesso lo fa.

Perché? Come ballerino, conosco la musica dentro e attraverso i movimenti del mio sé corporeo. Ha un senso che vorrei spostarmi per scrivere una canzone. Ma come e perché aiuta?

Qui offro alcune idee. Ciascuno trova supporto in un mix di filosofia, studi religiosi, psicologia e neuroscienze (vedi Why We Dance ); e ognuno sostiene l'idea che la danza sia vitale per la vita umana.

1. Una mente è un processo di generazione di novità.

Quando corro, non ci vuole molto per lo sforzo di mettere un piede davanti all'altro per aumentare la frequenza cardiaca, amplificare i polmoni e attirare la mia attenzione. Correre non è facile! Inevitabilmente, il lavoro sposta il mio senso di sé. È come se qualcuno estraesse una spina e una pozza di pensieri stagnanti precipitasse nello scarico. Lasciati alle spalle è una bella primavera, che gorgoglia.

È allora che lo sento. Una mente, come ogni altra parte di una persona umana, esiste attraverso un ritmo continuo di divenire corporeo; ed è intrinsecamente creativo.

La mia mente non è una cosa. È un processo È un processo di generazione di nuovi modelli di pensieri, sentimenti e possibilità di azione. Questi modelli prendono forma non solo come formulazioni mentali; prendono forma come capacità di percepire e rispondere, e come strutture neurologiche e biologiche guidano pensieri, sentimenti e potenziali d'azione futuri.

A volte, una mente può subire gli effetti della propria produzione creativa e rimanere bloccata dai movimenti che ha fatto. I vecchi schemi monopolizzano l'attenzione, bloccando la possibilità che emergano nuovi. In questi momenti, la sfida non è solo quella di togliere una vecchia pelle, ma di invitare la stessa creatività, la stessa terra, che ha preso forma in quei pensieri per continuare a creare lungo le traiettorie di possibilità di movimento che rappresentano.

2. La creatività è radicata nel movimento corporeo.

I movimenti della corsa sono ritmici. Cado in un passo con una cadenza particolare. Gli schemi, sebbene apparentemente ripetitivi, coinvolgono infinite sfumature. L'angolazione del torace alla gamba, la piega del ginocchio, l'arco del braccio, la caduta del piede possono tutti richiamare l'attenzione sulla differenza che fa muovere in un modo e non in un altro; ogni scelta di movimento stabilisce una relazione diversa tra corridore, gravità e terreno.

La semplicità dei movimenti coinvolti nella corsa promuove così la consapevolezza di una dinamica che esercita anche l'arte della danza: la creatività intrinseca di una mente umana non avviene mai nel vuoto. Succede sempre nel momento, per il momento; è sempre corporeo, situato e relazionale. Qualunque cosa sia più grande nella coscienza agisce come attrattore a cui la creatività si piega. Quali che siano i modelli di movimento che animano la consapevolezza sensoriale, sono quelli con cui fluiscono le bolle della creatività.

Anche se i movimenti coinvolti nella corsa possono non sembrare creativi, per me l'azione di farli allentare qualsiasi schema di pensiero e recitazione sta impedendo alla mia creatività di rispondere alle realtà emergenti dentro e attorno a me – incluso il mio desiderio di dare il benvenuto a canzone.

3. Le pratiche del movimento corporeo possono suscitare le prime esperienze di essere aperti a ciò che è.

Corro fuori in campagna. Non sono in palestra, su un tapis roulant o anche su una strada. Molte delle mie corse hanno tratti lunghi miglia su strade sterrate, senza segnali di stop o semafori. In uno dei miei circuiti preferiti da tre miglia passa due case diverse dalla mia. Corro circondato da ampi campi aperti, cieli enormi, mucche nei loro pascoli e colline all'orizzonte. I miei dintorni invitano la mia mente a ricordare il mondo aperto che sostiene gli esseri umani e le loro creazioni culturali.

Come faccio notare in Why We Dance , gli esseri umani nascono completamente dipendenti dai caregiver per poter vivere. I neonati emergono dall'utero con un grado minore di sviluppo del cervello rispetto a qualsiasi altro primate. Dato questo cervello relativamente immaturo, i giovani umani hanno bisogno di completare la propria natura creando e diventando modelli di movimento che serviranno da guide istintive su come assicurare relazioni che abilitino la vita con gli altri umani e il loro ambiente.

La corsa mi porta in un luogo primordiale dove sono flessibile, capace di percepire e rispondere ai desideri dentro di me, all'ambiente che mi circonda e ai movimenti che mi muovono in risposta. Non dimentico quello che so; Sono più in grado di passare da esso a nuovi schemi di comprensione.

Mentre corro, tutto ciò che mi interessa dei pozzi alla superficie. Quello che voglio di più inonda il mio cuore. Mentre l'intensità del mio sentimento si alza e si approfondisce, il mio pensiero salta in nuove prospettive che sono abbastanza calmo da sostenere. Mi piace un assaggio di libertà – la libertà di partecipare alla creazione continua di tutto ciò che è.

In mezzo a questa vivacità arriva una canzone. Comincio a canticchiare una scala, su e giù una sequenza di note, producendo suoni udibili con cui suonare. Invariabilmente, le note si organizzano in una forma. Do loro il permesso di farlo. Spesso quella forma è familiare – qualche pezzo di una canzone che conosco già – e spesso da qualche altro musical che amo. Potrei cantare per un po ', poi cerco una differenza, permettendo a una frase conosciuta di spingermi oltre lungo la sua traiettoria di possibilità, verso una nuova disposizione dei suoni ancora correlata.

Mentre corro, qualunque pacchetto di note sembra avere una vita propria. Inizia a cantarmi. Lo considero "buono" quando non riesco a smettere di cantarlo. I pattern si ripetono ancora e ancora, finché alla fine iniziano a spuntare rami: finali alternati, transizioni diverse o sezioni completamente nuove della canzone.

*

Quando si tratta di creare, qualunque sia il mezzo, la domanda non è come far apparire le idee, ma come smettere di fermarle. Psicologicamente parlando, questo processo è spesso descritto come mettere a tacere il critico, o sospendere il giudizio, e tali modi di pensare possono essere utili. Tuttavia, alla luce delle idee di cui sopra, ancora più importante è imparare come accelerare il flusso della creatività che è sempre e già, e piegarla nella direzione di ciò che più desideri ricevere.

I giudizi sono semplicemente passati a modelli di movimenti fatti. Non sono cattivi, solo vecchi. Non sbagliato, solo irrilevante per il momento presente. Il modo migliore per eliminarli è catalizzare il processo che li ha creati in primo luogo.

Non prendo sempre una canzone. Non sempre lo voglio Anche quando lo voglio, non sempre viene. E faccio ancora affidamento sugli altri per armonizzare, notificare e accompagnare. Eppure ogni canzone che è venuta attraverso di me è stata aiutata da un'esplosione di natura, lasciata dai movimenti della corsa, che risveglia la mia creatività cinetica e mi manda allegramente.

Il risultato è un musical completo, scritto nel paese, sull'esperienza della mia famiglia di trasferirsi nel paese. E quando sarà presentato in anteprima a fine luglio, invierò queste canzoni nel mondo come un invito per gli altri a catturare alcune loro canzoni.

  • Tre modi per aiutare a lavorare e giocare coesistono
  • Religione come colla sociale
  • Platone lancia il suo voto
  • La sublimazione dei quartieri di rivalità di Siena
  • Circa due terzi dei risultati psicologici si tengono nelle principali riviste
  • Supereroi e Hero Monomyth: Parte I
  • Chi è quella macchina giudicante grande e verde?
  • Due classici casi di tribunale che falliscono i genitori alienati
  • Buona e cattiva psichiatria nel film - Recensione di Vincere di Marco Bellocchio
  • La gelosia è la biproduzione indesiderata delle tue relazioni o sei semplicemente paranoico?
  • Chiamare la polizia per calmare la propria ansia da neo-diversità
  • Affetti, lingua e cognizione
  • Perché essere spirituali? Cinque benefici della spiritualità
  • La psicologia evolutiva dell'antisemitismo
  • Non è "migliorare" per i giovani LGBTQ
  • Memorial Day - "È il soldato"
  • Parenthood and Resilience
  • Se Barack Obama è cristiano, Michael Jackson era bianco
  • The Conflict of Pride
  • Colpa e vergogna
  • Gli animali hanno esperienze spirituali? si lo fanno
  • Cosa vuol dire essere inglese?
  • La formazione alla diversità della tua azienda ti rende più prevenuto?
  • Zombie Nervi
  • Non solo sopravvivere alle vacanze, goditeli
  • Confrontando il Singlismo nella classe di psicologia
  • Speranza contro depressione
  • Far fronte alla tragedia
  • Regole di Gesù!
  • Non saremo mai guru
  • Segreti del matrimonio che dura
  • Come migliorare le competenze di leadership con la formazione basata sulla logica
  • Dal peggiore in natura umana al meglio
  • Crescita post-traumatica e forza personale
  • Elezioni post: repubblicani, democratici e felici
  • Odiare chi si ama - "Ti odio, ma ti amo"