In che modo un erudito di religione può comprendere l'immagine del corpo femminile e i problemi di alimentazione?

Sono entrambi umiliato e un po 'intimidito dall'invito a scrivere un blog sull'immagine del corpo e sui problemi alimentari per Psychology Today. Per prima cosa, io non sono uno psicologo. E sebbene io abbia imparato molto dal campo della psicologia, non sono tecnicamente addestrato in questo settore, né lavoro in ambito clinico. Invece, sono uno studioso di religione, formato in studi teologici e religiosi. Insegno studenti universitari nel Midwest superiore, e ho un particolare interesse nel rapporto tra religione, genere, incarnazione e cultura.
Che cosa vede uno studioso di religione come me quando guarda i tentativi maniacali e spesso pericolosi delle donne di ridurre le dimensioni dei loro corpi? Quali nuove intuizioni potrebbero emergere dal considerare la devozione della nostra cultura alla magrezza attraverso la lente della spiritualità e della religione?
Queste domande sono al centro del mio nuovo libro, The Religion of Thinness: Soddisfare la fame spirituale dietro l'ossessione delle donne per il cibo e il peso (Gürze, 2010), che uscirà tra poche settimane. Il libro esplora la qualità religiosa della ricerca della magrezza tra le ragazze e le donne contemporanee – inclusi miti, credenze, rituali, immagini e codici morali che incoraggiano le donne a trovare la "salvezza" nella forma di un corpo snello – e considera le basi storiche, culturali e teologiche di questa "Religione della Magrezza". Il libro suggerisce anche che la dedizione delle donne alla ricerca della magrezza indica una serie di bisogni spirituali non soddisfatti, inclusa la necessità di un senso di significato e di scopo, ispirazione e stabilità, senso di responsabilità e interconnessione, amore incondizionato e pace interiore.
Il mio interesse per le dimensioni spirituali dei problemi alimentari e di immagine corporea non è solo accademico. Non solo molti degli studenti delle mie classi lottano con il cibo e la preoccupazione per il peso, ma la mia storia include un episodio di tre anni di un disturbo alimentare in piena regola durante la mia adolescenza. Questo avveniva tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 – molto prima che termini come "anoressia" e "bulimia" fossero termini familiari. Sebbene al momento non ne fossi consapevole, ora capisco quante delle credenze religiose che ho ereditato dalla mia famiglia e dalla cultura hanno rafforzato la mia mentalità e i miei comportamenti disordinati. Per esempio, le lezioni che avevo assorbito dal mio passato cristiano mi hanno insegnato che i miei appetiti fisici erano inaffidabili, che la sofferenza era la via della santità e che chiedere troppe domande era pericoloso. Queste convinzioni sostenevano la mia convinzione che dovevo controllare il mio corpo, che le fitte sacrificali della fame in qualche modo provavano la mia virtù, e che dovevo conformarmi a (piuttosto che a chiedere) le norme e gli ideali della mia società.
Dall'estate prima del mio ultimo anno di liceo, ero esausto dopo tre anni di abbuffate e purghe e infinitamente ossessionato da come diventare più magro. Mi vergognavo orribilmente di quello che stavo facendo e mi preoccupavo costantemente che qualcuno lo scoprisse. Inoltre, ero davvero spaventato. Raramente ho avuto il mio periodo; Ho iniziato a ricevere cavità per la prima volta nella mia vita; e i miei genitori erano sul mio caso di essere troppo magro. Da quella miscela di paura, vergogna e sfinimento, presi la decisione di fermare il mio comportamento bulimico, che per la maggior parte ho fatto (con ricadute occasionali per qualche altro anno). Ma il vero viaggio della mia guarigione non è iniziato finché non ho iniziato a riconoscere e lavorare coscientemente per trasformare la mentalità tossica e le convinzioni che avevano alimentato la mia malattia in primo luogo.
Questo viaggio è coinciso con il mio crescente interesse per le donne e la religione. A partire dal college e da tutta la scuola di specializzazione, non ho potuto fare a meno di notare i messaggi schiaccianti negativi che le religioni tradizionali hanno inviato alle donne sui loro corpi e spiriti. Stavo studiando il cristianesimo in particolare, quindi la mia critica di questi messaggi si concentrava su questa tradizione. Ho notato il modo in cui l'autorità spirituale delle donne veniva spesso cancellata nei testi biblici, mentre il loro ruolo di tentatrici sessuali era un tema ricorrente. Ho visto come le aspirazioni spirituali delle donne sono state ripetutamente ignorate, travisate o distorte dai leader della chiesa nella storia occidentale, mentre i loro corpi sono stati raffigurati come pericolosi e peccaminosi.
Pensa alla storia di Eva, per esempio. Considera il simbolismo del suo atto "peccaminoso". Che cosa fa che scatena morte e distruzione nel mondo? Lei mangia. Ora l'autore di questo mito biblico della creazione probabilmente non stava cercando di inviare alle donne un messaggio secondo cui dovrebbero controllare i loro appetiti e perdere peso. Ma il simbolismo della storia porta il suo messaggio sui pericoli dell'appetito di una donna, ed è un messaggio che è stato riciclato per secoli. Le lotte delle donne contemporanee con il cibo e il peso sono solo una delle sue espressioni dolorose. L'idea che i corpi e gli appetiti delle donne non possano essere considerati attendibili, che richiedono costante supervisione, controllo e miglioramento perché sono in qualche modo vergognosi e bisognosi di redenzione è un mito in cui siamo ancora intrappolati, come la "Golden Cage" Hilda Bruch ha descritto nel suo lavoro fondamentale sull'anoressia.
Sviluppare una prospettiva critica su tali atteggiamenti culturali e religiosi negativi nei confronti delle donne e dei loro corpi può essere una parte preziosa del processo di guarigione per coloro che lottano con problemi alimentari. Perché illumina come questi problemi non siano radicati nei nostri fallimenti personali. Piuttosto, sono sintomatici di un'eredità culturale-religiosa di lunga data che trascura i bisogni spirituali delle donne e allo stesso tempo considera i loro corpi inferiori e vergognosi. Questa prospettiva suggerisce anche che il percorso di guarigione ci richiede di identificare e indirizzare quei bisogni spirituali che sono stati trascurati e di trovare modi per onorarli e nutrirli in modo da poter vivere pacificamente dentro i nostri corpi.

Solutions Collecting From Web of "In che modo un erudito di religione può comprendere l'immagine del corpo femminile e i problemi di alimentazione?"