In che modo ripetere i pensieri ossessivi può ridurre la sofferenza?

Nel disturbo ossessivo-compulsivo, le persone sono disturbate da ricorrenti pensieri fastidiosi. Per le persone con disturbo di panico, alcuni pensieri possono aiutare a scatenare gravi attacchi d'ansia. Praticamente tutti gli altri, in misura minore, sono stati occasionalmente disturbati da pensieri ripetitivi. A seconda di come questi pensieri sono gestiti, possono provocare sentimenti di ansia, tristezza, preoccupazione, senso di colpa e / o rimpianto. Come può un esercizio in cui si ripetono "pensieri fastidiosi" effettivamente diminuire la sofferenza?

Il mio recente articolo nel numero di marzo / aprile 2009 di The Therapist descrive che il segreto sta nel modo in cui i pensieri vengono ripetuti. Innanzitutto per un po 'di background: "decentrare" significa fare un passo indietro figurativo dai nostri pensieri. Invece di una realtà di "I am not good", si impara che aveva un pensiero "I am not good." Nella terapia cognitiva le persone sono quindi insegnate a disputare pensieri irrazionali (a volte chiamati "distorsioni cognitive"). Nella pratica mentale i pensieri sono notati in modo non giudicante e lasciati andare. Quindi, sia nella pratica della consapevolezza che nella terapia cognitiva è fondamentale imparare che non abbiamo bisogno di credere in tutti i nostri pensieri. Una componente importante della pratica della consapevolezza è anche quella di non resistere ai nostri pensieri. Altrimenti potrebbe verificarsi frustrazione marcata. Se resistiamo ai nostri pensieri, l'oggetto della frustrazione può cambiare da "non essere in grado di fare qualcosa di giusto" ad avere troppi pensieri che non si può fare nulla di giusto. "Se solo la mia situazione fosse diversa, sarei felice" diventa "Se solo non avessi tanti pensieri distrattivi, sarei felice." Pertanto, anche se il decentramento è un primo passo essenziale della consapevolezza, è solo un primo passo . Un secondo passo non è resistere ai nostri pensieri.

Nella "meditazione del lasciare andare", ci si rilassa prima notando il suo respiro e rilassando progressivamente i suoi gruppi muscolari. Una volta rilassati, i pensieri precedentemente fastidiosi possono essere ripetuti con le istruzioni che il partecipante non crede o resiste ai pensieri. Dopo ogni pensiero, la persona si concentra nuovamente su un respiro rilassante e rilassa un gruppo muscolare. Dopo aver fatto questo esercizio, (più esplicitamente descritto nell'articolo in The Therapist e dimostrato nel libro e nel CD Take the Stress Out of Your Life ), il partecipante è quasi sempre più rilassato. Nonostante abbia ripetuto i suoi pensieri più fastidiosi, finisce per sentirsi molto rilassato.

La meditazione del lasciar andare mostra alle persone che non sono i pensieri stessi a creare l'ansia e la sofferenza, ma piuttosto il modo in cui gestiamo i pensieri può contribuire al problema. Attraverso questo esercizio le persone hanno la possibilità di esercitarsi a trattare abilmente con pensieri che hanno incolpato per la loro sofferenza!

Per ulteriori informazioni sulla meditazione del lasciarsi andare, si prega di consultare il primo articolo a questo link: "Nuove idee su una pratica antica: nuove tecniche per migliorare la consapevolezza in psicoterapia" e il libro e il set di CD Prendi lo stress dalla tua vita .

Solutions Collecting From Web of "In che modo ripetere i pensieri ossessivi può ridurre la sofferenza?"