In che modo la psicologia positiva può essere più aperta al negativo?

Questo fa parte di una serie di post sui blog dei capitoli di Designing Positive Psychology, un libro curato dal Dr. Ken Sheldon, dal Dr. Michael Steger e da me stesso.

Rilevabile tra almeno alcuni circoli psicologici positivi è un'insistenza inflessibile che si studia solo il positivo. Recentemente, c'è stata una reazione difensiva a questa affermazione da parte della comunità di psicologia positiva che sostiene che ci sono studi di crescita post-traumatica, perseveranza e prove che le persone richiedono una certa frequenza di eventi positivi per compensare un evento negativo. La mia risposta sarebbe questa: per la maggior parte dei ricercatori e degli allenatori che si legano alla psicologia positiva, l'attenzione agli eventi negativi e ai disturbi è superficiale nella migliore delle ipotesi. Naturalmente, esistono eccezioni belle e poco apprezzate come:

Boyce, CJ, & Wood, AM (2011). La personalità prima della disabilità determina l'adattamento: le persone gradevoli recuperano la soddisfazione della vita perduta più velocemente e più completamente. Scienze psicologiche, 22, 1397-1402.

Denson, TF, Spanovic, M., & Miller, N. (2009). Le valutazioni cognitive e le emozioni predicono il cortisolo e le risposte immunitarie: una meta-analisi dei fattori di stress sociale di laboratorio e delle induzioni emozionali acute. Psychological Bulletin, 135 (6), 823-853.

Segerstrom, SC (2008). Reti sociali e immunosoppressione durante lo stress: conflitto relazionale o conservazione dell'energia ?. Cervello, comportamento e immunità, 22 (3), 279-284.

Senza dubbio, una concentrazione ossessiva sul positivo (emozioni, tratti / punti di forza, relazioni, comunità) ha portato a molte importanti intuizioni sui fattori che contribuiscono alla prosperità umana. Chiudendo gli occhi al negativo, tuttavia, le persone di psicologia positiva stanno venendo meno al loro pieno potenziale. In questo breve post, introduco la teoria e la ricerca della psicopatologia per dimostrare che l'intuizione circa il positivo può e deve essere dedotta dal negativo e dal positivo. Allo stesso modo, sostengo che i ricercatori di psicopatologia dovrebbero entrambi studiare la psicopatologia e contemporaneamente trarne le implicazioni generali per la natura umana, indipendentemente dal fatto che tali implicazioni abbiano un valore diretto per le persone che soffrono di disturbi o di individui normali e sani.

Un esempio di condizioni anormali che illumina la natura del benessere psicologico

Perché i sintomi bulimici sono così persistenti? La teoria dell'autoverifica (ad esempio, Swann, Stein-Seroussi e Giesler, 1992) fornisce una possibile risposta. Un'intrigante possibilità è che le donne bulimiche, nel tentativo di soddisfare i bisogni di auto-verifica, sollecitino le informazioni da altri che perpetuano la loro insoddisfazione del corpo e una bassa autostima, e quindi i loro sintomi bulimici. Le donne bulimiche manifestano chiaramente problemi di autostima, problemi che riguardano l'aspetto fisico e la soddisfazione del corpo e comprendono anche altri aspetti dell'autostima. Ma è possibile che le donne bulimiche strutturino il discorso interpersonale in modo tale che queste opinioni negative – opinioni che secondo tutti sono piuttosto dolorose – siano stabilizzate e perpetuate? Non è questa l'ultima cosa che una donna bulimica vorrebbe (da tutti i conti clinici, lo è)? Con l'obiettivo di fornire una risposta preliminare a queste domande, Joiner (1999) ha condotto uno studio che ha esaminato la relazione tra l'interesse per il feedback negativo, i sintomi bulimici e l'insoddisfazione del corpo.

C'erano 3 risultati primari.

1. I risultati hanno mostrato che l'interesse per il feedback negativo degli altri era correlato con i sintomi bulimici e l'insoddisfazione del corpo, suggerendo quindi che le donne bulimiche – nonostante gravi preoccupazioni sull'aspetto fisico – possono preferenzialmente sollecitare feedback negativi dagli altri.

2. Le donne che hanno espresso interesse per il feedback negativo in un dato momento sono più vulnerabili di altre donne a futuri aumenti di insoddisfazione del corpo e sintomi bulimici, suggerendo quindi che la ricerca di feedback negativo è implicata nell'istigare e perpetuare l'insorgere di sintomi bulimici.

3. La relazione tra l'interesse per il feedback negativo e gli aumenti dei sintomi bulimici è stata mediata da cambiamenti nell'insoddisfazione del corpo.

Nel complesso, questi risultati mostrano che le donne bulimiche possono rimanere intrappolate in un circolo vizioso in cui hanno bisogno delle risposte interpersonali che servono a mantenere o esacerbare i loro sintomi. Emerge un dilemma lancinante: sacrificare l'auto-conferma e quindi uscire dalla bulimia; o, soddisfare i bisogni di auto-conferma al prezzo della bulimia. Perché le donne bulimiche non scelgono la prima opzione (cioè sacrificare l'auto-conferma e sfuggire alla bulimia)? Secondo Swann e colleghi (1992), il motivo dell'auto-conferma è estremamente difficile da superare perché serve i bisogni umani fondamentali di prevedibilità, certezza e un'identità coerente. Un punto principale di questo studio, quindi, e la ragione per cui è rilevante per comprendere il benessere, è che questo studio illumina il fatto che il desiderio di auto-verifica è così fondamentale per la natura umana che le donne bulimiche cercheranno il feedback molto terrore per soddisfarlo.

Senza indagare sul negativo per approfondire le opinioni sul positivo, sarebbe difficile ottenere una comprensione completa di quanto sia vitale il desiderio di auto-verifica per le persone. La ricerca sull'auto-verifica nelle donne bulimiche fornisce un esempio non solo del potenziale che esiste per i ricercatori / professionisti di psicologia positiva per spigolare le intuizioni sul positivo dal negativo, ma evidenzia anche quanto sia importante per i ricercatori di psicopatologia portare la propria ricerca ritrovamenti dal profondo della disperazione a ciò che gli umani richiedono per funzionare al meglio.

Chiedo ai ricercatori / professionisti di psicologia positiva e ai ricercatori / professionisti della psicopatologia di assumere il "doppio dovere" di tenere gli occhi aperti sia verso l'infernale che verso il celeste. Se i ricercatori permettono al loro lavoro di essere informato sia dal positivo che dal negativo, questa integrazione porterà indubbiamente il progresso del campo. Una menzione superficiale del valore evolutivo della paura, della rabbia e della colpa non sarà sufficiente. L'integrazione è la parola chiave qui. Ognuno di noi deve decidere sul gioco finale: l'obiettivo è aiutare le persone a diventare più positivi o pienamente funzionanti? Il primo è artificiale e il secondo è disordinato e sfumato. Scegli di vedere la complessità degli esseri umani e saremo di maggior servizio per aiutare noi stessi e l'umanità.

La maggior parte delle idee in questo post sono state tratte dal capitolo 20, scritto da Jennifer Hames e Thomas Joiner, in Designing Positive Psychology.

NOVITÀ: dai un'occhiata alla meta-analisi tanto atteso del mio laboratorio sul disagio e il disagio del disturbo d'ansia. Presta attenzione alla trama in base alla quale l'angoscia che qualcuno prova ci dice piuttosto poco su quanto sono alterati.

Il Dr. Todd B. Kashdan è un oratore pubblico, psicologo e professore di psicologia e scienziato senior presso il Centro per l'Avanzamento del Benessere presso la George Mason University. Il suo nuovo libro è Il lato positivo del tuo lato oscuro: perché essere tutto il tuo sé, non solo il tuo "bene", porta al successo e alla realizzazione. Se sei interessato a parlare di impegni o workshop, vai a: toddkashdan.com

Solutions Collecting From Web of "In che modo la psicologia positiva può essere più aperta al negativo?"