In che modo i leader insensibili possono creare problemi sul posto di lavoro

La maggior parte dei libri guida e dei programmi di formazione si concentra su come i leader possono ottenere di più: fare di più, meglio, più velocemente, con risultati spettacolari. Siamo diventati ossessionati dal miglioramento continuo ad aumentare la velocità, con conseguente aumento dei livelli di stress ai leader e ai loro seguaci e al deterioramento delle relazioni. La consapevolezza come pratica di leadership e cultura del posto di lavoro promette di riportare l'equilibrio e migliorare la salute.

La maggior parte della letteratura contemporanea di management e leadership è una rifusione predittiva del pensiero istituzionale del XIX e XX secolo: multitasking, più grande, migliore, più veloce; pianificazione, analisi e problem solving. Lavora con steroidi.

Se è vero che l'efficacia dei leader è determinata dai risultati che ottengono, questi risultati sono il risultato dell'impatto che i leader hanno sugli altri. Il comportamento è guidato dal pensiero e dalle emozioni. Il pensiero e le emozioni possono essere il risultato della presenza mentale o della mancanza di mente.

La ricerca neuroscientifica ha stabilito chiaramente che agiamo, decidiamo e scegliamo come risultato di forze interiori, spesso inconsce, ei meccanismi reattivi e protettivi del cervello spesso ci governano. La ricerca indica anche l'esistenza di emozioni che sono contagiose e virali nei luoghi di lavoro, spesso iniziate dagli stati emotivi dei leader.

C'è un prezzo da pagare per la nostra velocità a rotta di collo per migliorare continuamente e produrre.

In un articolo della rivista Forbes , i professori Cyril Bouquet e Ben Bryant, citando la disastrosa collisione di due Boeing 747 nelle Isole Canarie nel 1977, uccidendo 583 persone, fu un caso di cattiva gestione dell'attenzione. Sostengono che due tipi di disturbi dell'attenzione esacerbano le difficoltà che le aziende affrontano nelle recessioni economiche – fissazione e rilassamento. Nel caso della fissazione, i leader sono troppo preoccupati di alcuni segnali o informazioni centrali; ignorano tutto il resto. Per quanto riguarda il rilassamento, Bouquet e Bryant sostengono che il rilassamento eccessivo segue periodi prolungati di alta concentrazione. Gli autori sostengono che la consapevolezza può ridurre i problemi di attenzione della fissazione e del rilassamento.

Le richieste della leadership possono produrre ciò che è noto come "stress da potere", un effetto collaterale dell'essere in una posizione di potere e influenza che spesso lascia anche i migliori leader fisicamente ed emotivamente prosciugati. Di conseguenza, i leader possono facilmente ritrovarsi passando da un orientamento di "approccio" al loro lavoro – emotivamente aperto, impegnato e innovativo – ad un orientamento di "evitamento" caratterizzato da avversione, irritabilità, aggressività, paura e chiusura mentale.

Se i leader credono di non avere il tempo di affrontare tutti gli aspetti di un problema, sono inclini ad avere una prospettiva ristretta e prendono scorciatoie cognitive e diventano più impulsivi e reattivi. Le loro azioni, in effetti, diventano "insensate" e automatiche.

Daniel Siegel, neuroscienziato e autore di Mindful Brain: Reflection and Attunement in the Cultivation of Well-Being, sostiene che una cultura aziendale di scorciatoie cognitive si traduce in eccessiva semplificazione, curiosità limitata, fiducia in convinzioni radicate e sviluppo di punti ciechi percettivi. Sostiene che le pratiche di mindfulness consentono agli individui di abbandonare il giudizio e sviluppare sentimenti più flessibili verso ciò che prima potevano essere stati eventi mentali che cercavano di evitare, o verso cui avevano reazioni avverse intense.

David Rock, in Psychology Today, sostiene che "le persone impegnate che gestiscono le nostre aziende e le istituzioni … tendono a dedicare poco tempo a pensare a se stessi e ad altre persone, ma molto tempo a pensare a strategia, dati e sistemi. Di conseguenza i circuiti coinvolti nel pensare a se stessi e agli altri, la corteccia prefrontale mediale, tendono a non essere troppo sviluppati. "Rock dice" parlare a un dirigente della consapevolezza può essere un po 'come parlare a un musicista classico del jazz. ”

In Oriente, la consapevolezza si è sviluppata nelle tradizioni indù, buddista, taoista e altre come componente della pratica dello yoga e della meditazione ed è stata progettata per liberare la mente dalle abitudini non salutari. In Occidente la consapevolezza è un elemento di molte pratiche aborigene ebraiche, cristiane, musulmane e nordamericane progettate per la crescita spirituale.

Negli ultimi dieci anni, ricercatori e professionisti della salute mentale hanno scoperto che le pratiche di mindfulness sia antiche che moderne sono molto promettenti per migliorare virtualmente ogni tipo di sofferenza psicologica – dalla preoccupazione quotidiana, insoddisfazione e abitudini nevrotiche a problemi più gravi con ansia, depressione, sostanza abuso e condizioni correlate. L'esplorazione e la pratica della consapevolezza sono cresciute su scala globale. Utilizzato ora in contesti che vanno dalle scuole dell'infanzia alle prigioni, la consapevolezza, una volta studiata solo da scienziati e professionisti religiosi, si sta facendo strada nel mainstream.

Quindi cos'è esattamente la consapevolezza?

Jon Kabat-Zinn, fondatore della Mindfulness-Based Stress Reduction Clinic presso la University of Massachusetts Medical School, descrive la consapevolezza come "prestare attenzione in un modo particolare, di proposito, nel momento presente e non giudicante." Altre definizioni sono: " portare la completa attenzione alla presente esperienza su una base momento per momento " e " include una qualità di compassione, accettazione e gentilezza amorevole ".

I tre elementi fondamentali di mindfulness-obiettività, apertura e osservazione-creano un treppiede che stabilizza l'obiettivo attenzionale della mente. Ciò consente alla mente di prendere coscienza della mente stessa e quindi di essere liberata dai modi comuni in cui è imprigionata dalle proprie preoccupazioni. Ecco perché, attraverso la pratica della consapevolezza, possiamo trasformare la sofferenza auto-creata in liberazione personale. Quando ci impegniamo in pratiche di consapevolezza consapevole, abbiamo il potenziale per sviluppare tratti di personalità a lungo termine da stati consapevoli creati intenzionalmente. La ricerca ha suggerito che questi tratti di consapevolezza includono la capacità di sospendere i giudizi, di agire nella consapevolezza dell'esperienza momento per momento, di raggiungere l'equilibrio emotivo o l'equanimità, di descrivere il nostro mondo interno con il linguaggio.

La meditazione di consapevolezza arriva in 2 forme distinte: meditazione formale: quando prendi intenzionalmente del tempo fuori dalla tua giornata per intraprendere una pratica meditativa; e meditazione informale, quando entrate in uno stato mentale focalizzato e meditativo mentre svolgete le vostre attività quotidiane.

Ci sono 7 elementi chiave per la consapevolezza:

  • Prestare attenzione : concentrare il 100% della tua attenzione su qualunque cosa tu stia facendo
  • Non giudicare: assumere il ruolo di osservatore imparziale per qualunque sia la tua esperienza attuale, e non giudicare se le cose sono buone o cattive.
  • Pazienza: coltivando la comprensione che le cose devono svilupparsi nel loro tempo.
  • Essere nel momento presente. Essere consapevoli di come stanno le cose adesso nel momento presente, non come erano nel passato, o come potrebbero essere nel futuro.
  • Non reattività. I nostri cervelli sono costruiti per farti reagire automaticamente, senza pensare. La consapevolezza ti incoraggia a rispondere alla tua esperienza piuttosto che reagire ai tuoi pensieri. La consapevolezza è una scelta intenzionale e intenzionale.
  • La mente del principiante: avere la volontà di osservare il mondo come se fosse la prima volta che lo fa. Questo crea un'apertura che è essenziale per essere consapevoli.
  • Fiducia: avere fiducia in te stesso, nella tua intuizione e nelle tue capacità.
  • Non-sforzo: lo stato di non fare nulla, semplicemente accettando che le cose stanno accadendo nel momento proprio come dovrebbero. Per le persone provenienti da paesi occidentali come gli Stati Uniti, questa sembra essere una delle componenti più difficili.
  • Accettazione: accettando completamente i pensieri, i sentimenti, le sensazioni e le convinzioni che si hanno e capendo che sono semplicemente quelle sole cose.
  • Apertura di cuore. La consapevolezza non riguarda solo la testa o il cervello, riguarda anche il cuore e lo spirito. Essere a cuore aperto è portare una qualità di gentilezza, compassione, calore e cordialità alla nostra esperienza.
  • Non attaccamento: evitare di attribuire significato a pensieri e sentimenti o collegare un determinato pensiero a un sentimento. Invece, lascia che un pensiero o sentimento entri e passi senza collegarlo a nulla, osservandoli esattamente come sono.

Quali sono i benefici e gli impatti della consapevolezza sui leader e sul posto di lavoro?

Nei periodi di congiuntura difficile, c'è spesso un argomento reattivo istintivo per il panico, il pessimismo e "diventare duro", la maggior parte dei quali genera una cultura della paura. La consapevolezza, praticata estesamente nelle organizzazioni, può essere un potente antidoto alla paura e alle tendenze di aggressione.

Esecutivo delle risorse umane addestrato dal buddismo, Michael Carroll, autore del leader consapevole: risvegliare le tue abilità di gestione naturale attraverso la meditazione consapevole applica i principi chiave della consapevolezza e come potrebbero applicarsi ai leader delle organizzazioni. Sostiene che la presenza mentale nei leader e nelle loro organizzazioni può:

  • Guarisci le culture di lavoro tossiche in cui l'ansia e lo stress impediscono la creatività e le prestazioni;
  • Coltiva coraggio e fiducia nonostante le difficoltà del posto di lavoro nelle recessioni economiche;
  • Perseguire obiettivi organizzativi senza trascurare il qui e ora;
  • Conduci con saggezza e dolcezza, non solo con l'ambizione, la spinta e il potere implacabili;
  • Sviluppa talenti di leadership innati.

Dal 2001, attraverso il lavoro del neuroscienziato Richard Davidson e altri, abbiamo appreso che l'attività della corteccia prefrontale sinistra, associata a più alti stati di crescita personale, significato e scopo, misura a livelli straordinari con persone che praticano regolarmente la meditazione consapevole.

La ricerca mostra che la consapevolezza porta a cambiamenti significativi nel cervello: maggiore flessibilità cognitiva, creatività e innovatività, livelli più elevati di benessere, una migliore regolazione emotiva e più empatia, come riflesso in un aumento dei livelli di attività delle onde cerebrali alfa e beta.

Il National Institute of Health sta attualmente finanziando più di 50 studi che testano i potenziali benefici per la salute delle tecniche di mindfulness. Uno studio dell'Università della Pennsylvania in cui è stato fornito un addestramento di meditazione sulla consapevolezza ad un gruppo militare statunitense ad alto stress che si prepara per il dispiegamento in Iraq ha dimostrato un legame positivo tra allenamento di consapevolezza e miglioramenti dell'umore e della memoria di lavoro.

I ricercatori del General Hospital dell'Università del Massachusetts, della Harvard Medical School e del MIT hanno riferito dal loro studio della consapevolezza che i professionisti della consapevolezza erano molto più in grado di "abbassare il volume" sulle informazioni che distraggono e focalizzano la loro attenzione meglio dei non-mindfulness professionisti.

La consapevolezza migliora l'attenzione, risolve i problemi della memoria, migliora l'empatia dell'esperienza e altre emozioni positive, riduce lo stress ed è efficace nel trattamento di varie condizioni mediche e mentali come ADHD, PSD, dolore cronico, cancro, dipendenza e depressione.

Uno studio pubblicato su Archives of General Psychiatry ha riportato che la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza fornita in un formato di gruppo è efficace quanto la mediazione antidepressiva nel trattamento della depressione.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Psychoneuroendocrinology , gli effetti positivi della consapevolezza iniziano a livello cellulare, alterando i livelli delle cellule immunitarie della telomerasi.

Uno studio dell'Università della California Berkeley, pubblicato sulla rivista Emotion, ha studiato la connessione mente-corpo di ballerini professionisti rispetto ai meditatori esperti della consapevolezza e ha scoperto che questi ultimi erano più in sintonia con i loro corpi.

Uno studio di Kirk Brown presso l'Università di Rochester ha rilevato che le persone in alto su una scala di consapevolezza erano più consapevoli dei loro processi inconsci e avevano un maggiore controllo cognitivo e una maggiore capacità di modellare quello che fanno e ciò che dicono, rispetto alle persone più basse nella scala di consapevolezza .

Abbiamo bisogno di leader nelle nostre organizzazioni che praticano la consapevolezza come abilità di stile di vita e competenza di leadership.

Daniel Goleman, un esperto riconosciuto di intelligenza emotiva nella leadership e nelle organizzazioni, scrive nel suo libro Primal Leadership, "i primi compiti del management non hanno niente a che fare con il condurre gli altri; il primo passo pone la sfida di conoscere e gestire se stessi. "Se i leader sono costantemente in fase di esecuzione, senza prendere tempo per l'auto-riflessione e la consapevolezza, questa conoscenza di sé rappresenta una seria sfida.

Richard Boyatzis, professore di comportamento organizzativo presso la Weatherhead School of Management della Case Western Reserve University e autore di Resonant Leadership, sostiene che i buoni leader raggiungono la risonanza con coloro che li circondano attraverso l'autoconsapevolezza e la gestione delle relazioni, tutti chiaramente connessi alla consapevolezza.

Per diventare leader consapevoli e attingere a quel potere, devono:

  • Lasciate andare la loro fede in se stessi come geni tecnici e di problem solving e abbracciate la nozione di diventare soci consapevoli. Ciò richiede la costruzione di una consapevolezza e di diventare più aperti a sfumature e sottigliezze.
  • Sii aperto al concetto di un futuro sconosciuto. Quello che pianifichiamo oggi potrebbe non funzionare domani. Per avere successo in un futuro sconosciuto, i leader devono riconoscere rapidamente gli errori quando le cose non vanno come previsto; essere abbastanza flessibile per fare cambiamenti rapidamente senza difendere il proprio territorio o il proprio ego;
  • Diventa abile a guidare attraverso la riflessione intuitiva piuttosto che l'analisi logica;
  • Diventa più aperto e accettando il mondo e gli altri, e i loro diversi punti di vista, piuttosto che cercare di rimodellare il mondo nell'immagine del leader.
  • Diventa più attento a ciò che sta accadendo in termini di pensieri, emozioni e corpo e cosa sta succedendo nel contesto. La consapevolezza esterna è in grado di percepire le situazioni, essere consapevoli dei segnali e dei segnali in diversi contesti e prestare attenzione ad essi. La consapevolezza interiore è essere consapevoli del proprio corpo, delle proprie emozioni e dei propri pensieri e richiede la capacità e l'attitudine per monitorare la propria realtà interiore.

E la consapevolezza può avere un impatto enorme sulla cultura del posto di lavoro.

Molti luoghi di lavoro come Raytheon, Procter and Gamble, Unilever, NortelNetrots, Comcast, Yahoo, Google, eBay e Apple offrono ora lezioni di meditazione consapevole e dirigenti senior come Bill Ford Jr., Michael Stephen, Robert Shapiro e Michael Rennie. mediazione consapevole come parte del loro regime.

Green Mountain Coffee Roasters (GMCR) offre un Centro di consapevolezza nelle proprie strutture, dove i dipendenti possono organizzare ritiri e workshop durante tutto l'anno. Nell'ultimo decennio GMCR ha conseguito un rendimento di circa il 3400% nel mercato azionario, rendendolo uno dei titoli più performanti in quel periodo.

Il nostro mondo moderno è diventato squilibrato, con un'eccessiva attenzione al fare, alla velocità e al multitasking, con poco tempo per "essere" e riflettere. La consapevolezza può ristabilire quell'equilibrio tra leader e luoghi di lavoro.

Seguimi su Twitter:

Solutions Collecting From Web of "In che modo i leader insensibili possono creare problemi sul posto di lavoro"