In che modo gli atei sono alleati con Dio?

Sono stato scettico sulla descrizione delle "guerre culturali" su ciò che sta accadendo negli Stati Uniti da molti anni. Ci piacciono le caratterizzazioni semplici che ci dividono in due gruppi: rosso contro blu, ateo contro teista, conservatore contro liberale e così via. Mentre la descrizione delle "guerre culturali" delle controverse questioni morali che vengono dibattute nella pubblica piazza è a volte accurata, penso che sia preferibile una diversa caratterizzazione. Ad un livello più profondo, è anche più preciso.

Per capire perché, si consideri quanto segue dal filosofo contemporaneo Robert Adams, nel suo libro Finite and Infinite Goods :

"Non intendo dire che solo i teisti dovrebbero essere considerati (dai teisti) alleati con Dio … Sono interessato qui in modo implicito come nell'esplicito amore per Dio; e se condividiamo gli amori di Dio dipende molto più da ciò che amiamo (per il suo interesse) che dal fatto che la pensiamo teologicamente … In una prospettiva teistica, i non teologi e i teisti sono ugualmente creature di Dio, ei loro buoni impulsi arrivano ugualmente da Dio … Quindi possiamo pensare ad una sorta di alleanza implicita con Dio come aiuto a costituire un amore implicito per Dio. L'indubbia alleanza con Dio può essere più pienamente sviluppata se è teologicamente esplicita, ma tale esplicitazione teologica non garantisce l'autenticità di tale alleanza (p 198). "

C'è molto da dire qui, ma voglio solo sottolineare che un non teista può essere più alleato con Dio del teista che può esprimere in termini chiari e diretti la propria fedeltà a Dio. Ciò che conta in questo contesto, come sottolinea Adams, è ciò che apprezziamo per il suo stesso interesse . E aggiungerei che anche il modo in cui questo si svolge nelle nostre azioni è cruciale.

Tutti quelli che posseggono e mostrano compassione sono alleati con Dio. Il non teologo che valuta il benessere di altri esseri umani per il suo stesso interesse è più allineato con Dio rispetto al teista che valuta l'accumulo di potere e ricchezza sulla sua famiglia, i suoi amici e altre persone. Il non teologo che apprezza la bellezza del mondo naturale è più allineato con gli insegnamenti di molte teorie di teismo che con il teista che è più interessato al cospicuo consumo.

Certo, ci sono profonde divisioni legate ad alcune questioni morali e politiche del nostro tempo, ma se pensiamo a noi stessi come alleati del Bene, piuttosto che ai nemici gli uni degli altri, forse possiamo quindi ritagliare un terreno comune abbastanza per lavorare insieme per il bene comune . Per il teista, questo può costituire un esplicito amore per Dio, poiché può identificare il Bene con Dio. Per il non teista, tale amore sarà implicito e quindi non riconosciuto come amore per Dio.

Ma in entrambi i casi, c'è un terreno comune da perseguire e un bene comune da perseguire. Forse dovremmo iniziare da lì.

@michaelwaustin

Solutions Collecting From Web of "In che modo gli atei sono alleati con Dio?"