In cerca di novità, letti d'ospedale e lo spirito di esplorazione

Sono le 20:00 pm EDT del 20 luglio 1969. Anticipazione ed eccitazione stringono la nazione. A volte nelle poche ore successive si aprirà il portello di un piccolo veicolo e verrà fatta la storia.
Mi siedo sul bordo del mio letto nel reparto pediatrico dell'ospedale St. Joseph's Hospital mentre un'infermiera svuota il contenuto di una siringa spaventosa nel mio braccio. Lei mi dice che lo sparo mi farà addormentare in preparazione per l'operazione del giorno successivo.

Aspetta un attimo, penso. Mettimi a dormire? Oh no! Non posso andare a dormire! Non appena l'infermiera scompare nel corridoio, salto in piedi e convinco il mio giovane compagno di stanza ad alzarsi anche lui. Nel giro di mezz'ora abbiamo fatto il giro per la maggior parte delle stanze del reparto pediatrico e ora conduciamo un piccolo esercito di bambini – chi come noi è programmato per rimuovere le tonsille il mattino seguente – attraverso un assortimento di ginnastica ritmica mentre proviamo disperatamente per tenere gli occhi aperti.

Per fortuna le infermiere, una volta capito cosa stiamo facendo, realizzano la natura storica della notte. Non distruggono il nostro piccolo gruppo fino a qualche tempo dopo il filmato granuloso di quel One Small Step for Man – filmato che fino ad oggi manda un brivido di eccitazione lungo la schiena – è stato trasmesso e poi ritrasmesso sul piccolo televisore di un ospedale stanza piena di bambini eccitati che combattevano la sedazione. Facciamo il tifo e balliamo, e io, come ogni bambino in quella stanza, ho intenzione di diventare un astronauta un giorno … progettare di riportare campioni di roccia da Marte o studiare gli anelli di Saturno da vicino e personali. In questa notte, non c'è limite immaginabile a ciò che noi umani possiamo realizzare!

Avanti veloce al 2009.

Sono passati quarant'anni da quando il programma spaziale ha motivato, unito e ispirato una generazione di americani a realizzare cose che nessuna nazione ha mai fatto prima. Eppure il nostro programma spaziale è in pericolo di dissoluzione. Dopo altri sette voli, la nostra flotta dello space shuttle è in programma per essere dismessa. A quel punto, non avremo più la possibilità di mettere in orbita un astronauta. Stiamo davvero pensando di abbandonare lo spazio?

I critici del programma spaziale affermano che è troppo costoso continuare in questi tempi economicamente difficili. Tuttavia, il nostro pacchetto di stimoli di recente attuazione fornisce finanziamenti per tutto, dallo smaltimento dei rifiuti alle agevolazioni fiscali per i produttori di film di Hollywood. Questi segni distintivi non innescheranno l'economia – o l'immaginazione – come farà un programma per mandare un essere umano su Marte. Per oltre un secolo, il sogno dell'esplorazione spaziale ha simboleggiato il desiderio umano di ampliare i confini di ciò che è conosciuto e di ciò che è possibile. Allungando oltre i nostri confini terrestri, rafforziamo il nostro impegno per espandere continuamente i nostri orizzonti. Ciò porta speranza e coraggio a tutta l'umanità.

Poiché noi umani siamo per natura creativi, siamo dotati di una propensione a cercare ciò che è nuovo e nuovo. Riceviamo una ricompensa interna (sotto forma di rilascio di dopamina nei centri di ricompensa del cervello) per l'esplorazione di ciò che non è familiare. Che si tratti di aggiungere un ingrediente esotico a una ricetta collaudata o di avventurarsi nei regni sconosciuti del sistema solare, l'incentivo per l'esplorazione è in realtà incorporato nel cervello umano. Lo spirito di questo esploratore è ciò che ci fa andare avanti, come individui e come specie. È ciò che ci spinge a cercare nuovi problemi e trovare nuove soluzioni.

Come i miei piccoli compagni nel reparto ospedaliero tanto tempo fa che hanno combattuto contro i sedativi per essere presenti a quel Giant Leap storico, spero che noi come nazione rifiuteremo di essere cullati in sedazione da quelli che sono spesso meschini, egoisti e dividenti preoccupazioni personali e nazionali. Spero che sperimenteremo una rinascita di quello spirito di esplorazione che ci ha uniti nel passato e che ha reso grande la nostra nazione. Spero – e credo che i nostri cervelli creativi alla ricerca di novità insisteranno – che continuiamo a trovare ispirazione e motivazione nell'ultima grande frontiera dello spazio. Abbiamo molto altro da esplorare.

Solutions Collecting From Web of "In cerca di novità, letti d'ospedale e lo spirito di esplorazione"