In attesa di un miracolo?

In attesa di un miracolo? Molte persone lo sono. Un sondaggio nazionale condotto nel 2007 ha rilevato che il 79% degli americani crede che i miracoli avvengano ancora oggi come nei tempi antichi. Molte speranze per i miracoli medici – il 60% del pubblico e il 20% dei professionisti del trauma credono che le persone in uno stato vegetativo persistente (un coma) possano essere salvate da un miracolo. Parlando di miracoli medici è emerso nuovamente di recente in risposta a uno studio britannico pubblicato nel Journal of Medical Ethics. Alcuni genitori profondamente religiosi, sostengono i medici e l'autore del cappellano, sottopongono i loro figli a trattamenti invasivi inutili mentre aspettano che i miracoli accadano.

Che cosa fanno gli operatori sanitari quando i pazienti, le famiglie o altri decisori surrogati parlano di miracoli o ne stanno aspettando uno? Dipende.

Ho sentito familiari e infermieri parlare di "bambini miracolosi" durante la mia ricerca in un'unità di terapia intensiva neonatale. Questi erano bambini che sopravvivevano nonostante le scarse prognosi mediche. Le loro guarigioni erano miracolose, alcune infermiere mi dissero, ma le infermiere differivano in ciò che vedevano come la fonte dei miracoli. Per alcuni questi erano miracoli della scienza medica. Secondo le parole di un'infermiera, "non penso che sia un miracolo come se parlassero con i santi e tutta quella roba – è un miracolo che i nostri medici, infermieri e personale possono fare. Siamo un ottimo ospedale con una buona reputazione e possiamo fare cose miracolose. Non è come se qualcuno venisse giù e mettesse una spolverata magica per far andare il bambino, sai, in un certo modo. "

Altre infermiere erano meno sicure della fonte dei miracoli, e altre ancora attribuivano queste guarigioni a fonti divine. "Credo che se non altro, torna sempre a Dio", mi ha detto un'infermiera. Uno ha descritto un miracolo accaduto in un'altra terapia intensiva. "Non posso nemmeno dirti tutta la storia perché è stato un po 'di tempo fa. Ma alcune infermiere sono effettivamente andate a Roma perché questa persona [che ha facilitato il miracolo] era una suora [cattolica], credo, e santa o qualcosa del genere. "

Molti operatori sanitari, in questa unità e un'unità di terapia intensiva medica in cui ho trascorso del tempo, non erano molto pazienti per parlare di miracoli. Molti hanno fatto quello che potevano per incoraggiare le famiglie a continuare con adeguati standard di cura, specialmente nelle situazioni di fine vita. "Non sfido loro [le famiglie] a non credere in un miracolo", mi ha detto un assistente sociale, "li sfido a continuare a lavorare con lo staff in ciò che intendiamo essere le migliori pratiche …. Suggerisco anche che a volte le persone che sono state così malate prima di arrivare qui [all'ospedale], forse il miracolo è arrivato e finito. Se guardi indietro nel tempo e vedi che forse hanno fatto un miracolo per essere qui. "

Mentre i fornitori di assistenza sanitaria incoraggiano i pazienti, le famiglie e i responsabili delle decisioni surrogati a riconsiderare ciò che conta come un miracolo e come potrebbero sapere quando si verifica, alcuni chiamano i cappellani. "Vedo miracoli qui [all'ospedale] ogni giorno", mi ha detto un cappellano. "Se gli altri li vedono come miracoli, non lo so. Penso che sia molto soggettivo. Penso che un miracolo sia negli occhi di chi guarda. "

Questo cappellano continuò a parlare di una giovane donna che aveva incontrato anni prima, nata con un difetto cardiaco congenito. Non era prevista che vivesse, ma lo fece per più di venti anni. Ha avuto diversi interventi chirurgici di successo, sposato e vissuto una vita relativamente normale. Questo cappellano l'ha incontrata mentre aspettava un trapianto di cuore-polmone, che non è arrivato in tempo.

Dopo che questa giovane donna morì, spiegò il cappellano, "sua madre si sentiva come se fosse stato tutto inutile. E sai, ho detto, beh, non sono così sicuro di essere d'accordo con te. "Quando sua madre chiese perché, il cappellano spiegò," Penso che tu abbia avuto un miracolo di venticinque anni. Era un bambino che non ti aspettavi di tornare a casa. L'hai avuta per venticinque anni. E non solo l'hai avuta per venticinque anni, ma era in grado di vivere e avere una vita molto funzionale. Sapeva cosa fosse l'amore. Sapeva di cosa si trattava di gentilezza. "

Tornando dalla sua storia a me il cappellano disse: "Questo è un miracolo nella mia mente. Penso che molte persone stiano cercando il grande miracolo. E penso che molti miracoli non siano grandi, sono piccoli. Arrivano nei minimi fatti della vita. A volte si uniscono tutti, in modo da ottenere un grande miracolo, ma non succede molto spesso. Di solito sono piccole cose che accadono. Sai, un paziente ha una buona giornata che è stata assolutamente infelice e non comunicativa con la famiglia, e la famiglia non pensa che avrà mai la possibilità di dire addio: è quello che penso come miracoli. "Nelle parole di un altro cappellano," pensavo sempre che un miracolo fosse quando [un paziente] si curava di qualunque cosa fosse; ma penso che il vero miracolo stia arrivando a una sorta di capacità di vivere con la malattia che hanno ".

Poche delle famiglie di cui ho sentito parlare hanno accettato i modi in cui cappellani e operatori sanitari hanno tentato di riformulare i miracoli, almeno non all'inizio. Alcuni si sono mossi in questa direzione gradualmente, mentre altri hanno mantenuto la convinzione che si sarebbe verificato un miracolo, spesso entrando in conflitto con le squadre di assistenza sanitaria. I team dovrebbero riconoscere queste convinzioni, il dott. Eric W. Widera e colleghi discutono in un articolo intitolato "Avvicinati ai pazienti e ai familiari che sperano in un miracolo" e cerca di fornire sostegno spirituale riconoscendo che alcune differenze su ciò che conta come un miracolo e – cosa ancora più importante nel settore sanitario, cosa fare mentre si sta aspettando – sono difficili da impossibili da superare.

Solutions Collecting From Web of "In attesa di un miracolo?"