In attesa che inizi la tua vita REALE? L'artificio dell'impulso della "realtà"

In attesa che inizi la tua vita REALE ?

Chi sono i veri psicologi?
Chi è la vera madre?
Chi, o cosa, è il tuo vero sé?
Questa è la mia vera vita o non è ancora iniziata?

Leggendo la discussione in alcuni dei blog di Psychology Today su chi sta facendo "reale" psicologia – così come la più ampia conversazione nazionale in cui si svolgono questo e altri dibattiti simili – mi ricorda tutti i modi in cui assegniamo i ruoli di chi è reale e chi non lo è, e quanto profondamente siamo tutti legati all'idea di una realtà essenziale.

I bambini adottati vengono continuamente interrogati, "Chi è la tua vera mamma?"
Riduciamo al minimo le cose degradandole in uno stato di realtà inferiore alla realtà: "Non è un vero lavoro / relazione / titolo / titolo / idea …"

Noi lanciamo l'irrealtà alla gente come l'insulto più acuto: Ottieni una vita reale ! Ottieni un vero lavoro! E lo sussuriamo a noi stessi, come la nostra più profonda preoccupazione, aspettando che inizi la nostra vera vita. La prova di quando quella realtà è finalmente arrivata sembra inafferrabile; la vita vera inizia quando esci? Fidanzarsi? Primo lavoro? Miglior lavoro? Associazione matrimonio / vita? I bambini? Una volta che hai avuto più di un bambino? Una volta che ti stai avvicinando a quella seconda carriera che hai sempre sognato? Diventa sobrio? Scrivi il libro? Alzati dai tuoi genitori? Perdere peso? Prendi quella sensazione che pensi che dovresti avere quando vivi la tua vita reale.

Siamo circondati dalla richiesta del vero qualunque cosa alzarsi e essere contati. Abbiamo appassionato di noi stessi narrativi sull'attesa, o Signore, nell'attesa dietro Godot, affinché le nostre vere vite possano finalmente iniziare.

Non è solo il campo della psicologia che soffre attraverso i cicli di crisi dell'identità. Voglio dire, chi sta facendo la vera scienza in questi giorni? Chi sono i veri scrittori? Il blog degli studenti di New Media su chi sono i veri giornalisti. Ma se è il blogging, è una vera scrittura? Chi sono i veri rappresentanti della nostra generazione / religione / gruppo auto-definito?

Tutto questo raggiungere la realtà mi ha fatto pensare all'impulso della realtà, e quanto mi impegno ogni giorno. Sono disperato per la cosa che sembra di essere nel club, il vero affare, la Verità, il 'Yup, questo è vero, baby'. Cos'è, esattamente, quella cosa in cui sei così profondamente chi sei? Autenticità? Vero ego? Empatia – data e ricevuta simultaneamente?

Al centro, sembra così:

Sono chi sono chi sono, non chi penso che vogliono che io sia o chi penso che dovrei essere. Sto dicendo quello che penso. Rispondo onestamente e sono pienamente presente. Mi sento genuino. I miei sentimenti si sentono genuini. Mentre parliamo, mentre insegno, mentre ascolto, mentre scrivo, mentre siamo insieme in qualsiasi modo, è autentico. È una carica elettrica che ci collega. È empatia? È semplicemente essere capiti, ascoltati e conosciuti? Di cosa è fatto? Non lo so. Ma so quando inizia e posso sentire esattamente quando si rompe e si disconnette. Sembra l'unica cosa reale.

È come se avessi compiuto 40 anni e attivato un interruttore. Forse ho appena capovolto. Devo essere il mio vero sé. Vieni a ciò che posso, bramo ogni giorno per quella sensazione di intonazione perfetta di essere tutto il mio vero sé nello stesso preciso momento in cui sto parlando. O scrivere. Essere reali in tempo reale. Non più tardi. Non solo nella mia testa, ma dal mio cervello, attraverso il mio cuore, fuori nel mondo.

So di non essere il solo a dire che ero solito esibire gran parte della mia vita, avvolto in questa nozione gauzy di aspettative esterne e poltiglia interna. Quei momenti di essere reali con quelli più vicini a me, mi sono sembrati tesori rari e preziosi, come rapidi frammenti di ossigeno, prima che tu tienilo tutto dentro e torna giù di nuovo. Perché io sono la mamma, e perché voglio essere sinceramente intimo con coloro che amo, e sinceramente presente per coloro che insegno e genuino per coloro a cui scrivo, non romperò più quella connessione. Sento subito l'artificio, come il grattarsi delle unghie su una lavagna.

Questa personalissima interpretazione della nostra fissazione nazionale sull'essere reali non si tratta di sparare a bocca aperta. Non è la stessa cosa di non avere nessun filtro, cosa che in qualche modo faccio e non faccio simultaneamente. Lo faccio, nella forma di un crudele critico interno di Crudelia DeVille; e assolutamente non lo faccio perché, a volte, ho lasciato delle riunioni in cui percepisco che i miei commenti fanno semplicemente luce su un argomento rilevante, mentre i miei colleghi hanno percepito che i loro capelli sono stati strappati via.

Ora ho un bisogno seussiano di dire cosa intendo e intendo quello che dico. Di cosa si tratta sostenendo l'autenticità? Come e perché è diventato il Santo Graal? Perché certi sentimenti (soprattutto quelli cattivi) si sentono come i "veri" sentimenti e gli altri suonano vuoti, come quelli in cui il mondo probabilmente non sta finendo.

Sono collegati? Il nostro bisogno nazionale di bere la vera Coca-Cola, stabilire chi sono i veri membri del nostro gruppo / religione / genere / gruppo sociale / gruppo di libri. Apparteniamo tutti a queste società segrete in cui abbiamo pagato un prezzo troppo elevato o ci siamo guadagnati la strada. In qualche modo il prezzo dell'ammissione richiede che qualcun altro – per definizione – debba essere tenuto fuori. Se io sono quello vero, qualcuno deve essere un falso.

Non è sterile … ha già un bambino!

In effetti, la loro stessa falsità rende la mia realtà più luminosa.

C'è una regola qui in Oregon. Se qualcuno ti chiede se sei un Oregoniano, a meno che tu non sia nato e cresciuto di quarta generazione, tu dici di no. Semplicemente non sei un vero Oregoniano. Sono educati al riguardo. Educato, ma fermo

Certo, sono un Chicago. Un vero Chicagoan; che già sapresti se anche tu fossi reale.

Di Pamela Cytrynbaum, Follow-me su Twitter (pamcytrynbaum)
© 2009
Tutti i diritti riservati. Ristampato solo con il permesso scritto dell'autore.

Solutions Collecting From Web of "In attesa che inizi la tua vita REALE? L'artificio dell'impulso della "realtà""