In assistenza a lungo termine, Violenza paziente-a-paziente in aumento

SpaceShoe at flickr, Creative Commons
Fonte: SpaceShoe su flickr, Creative Commons

Un articolo di Vancouver Sun del gennaio 2016 riportava 16 anziani nella British Columbia (BC) uccisi negli ultimi 4 anni dalla violenza nelle strutture di assistenza a lungo termine.

Mentre la menzione della violenza nelle case di cura evoca immagini di lavoratori di supporto che abusano di pazienti, questi alterchi hanno effettivamente avuto luogo tra i pazienti. In entrambi i casi, una o entrambe le persone coinvolte soffrivano di una grave disabilità cognitiva.

In un caso, Karl Otessen, che ha sofferto di demenza, ha avuto più esplosioni in cui avrebbe attaccato il personale o strappato i vestiti. Era in terapia e le strategie comportamentali erano state implementate dalle infermiere, ma l'attacco finale di Otessen ha provocato un'anca fratturata, e in seguito è morto per complicazioni correlate.

Questo tipo di violenza da parte di un paziente è raramente premeditato, rendendo difficile la prevenzione. L'Alzheimer's Society descrive i pazienti con demenza come se avessero difficoltà a descrivere i loro bisogni, causando frustrazione e aggressività. E la demenza spesso causa una diminuzione dell'inibizione, con conseguente esplosione violenta e imprevedibile.

In un'intervista a Global News, Sara Kaur, un'assistente di supporto presso un centro di assistenza a lungo termine a Mississauga, ha affermato che "il conflitto può essere prevenuto comprendendo la demenza e l'incapacità di un anziano di comunicare semplici bisogni". Comprendendo le cause e i sintomi di un disturbo della salute mentale, un dipendente della struttura di assistenza a lungo termine ha una migliore possibilità di risolvere situazioni potenzialmente violente in modo produttivo.

Molte strutture hanno riferito che sono sotto-dipendenti e sotto equipaggiati. Ma un articolo di Healthy Debate Canada, una pubblicazione incentrata sul sistema sanitario canadese, osserva che:

"Mentre abbiamo bisogno di più personale nell'assistenza a lungo termine, solo stabilire un numero arbitrario per il rapporto di personale non è la soluzione; è altrettanto importante considerare quanto tempo il personale è in grado di spendere direttamente con i residenti e se hanno la formazione di cui hanno bisogno per fornire cure di qualità ".

Nel caso di Otessen, sebbene gli infermieri cercassero di usare un certo numero di tecniche comportamentali per calmarlo, se fosse stato messo in atto uno specifico piano di trattamento della salute mentale, è possibile che il suo comportamento violento sarebbe stato ridotto o eliminato del tutto.

L'Ontario Long Term Care Association, che esamina le pratiche progressive per le case di cura a lungo termine, ha suggerito l'uso di squadre specializzate di infermieri e operatori di sostegno che sono addestrati nell'identificare i trigger che portano all'aggressività nei pazienti con demenza. Dopo aver identificato tali trigger, l'obiettivo è quindi di creare una soluzione per affrontare il problema e proteggere altri pazienti.

L'utilizzo di team specializzati può ridurre l'onere per gli operatori di supporto regolari e allo stesso tempo affrontare i bisogni di salute mentale dei pazienti in modo personalizzato. Non è sufficiente emettere modifiche ai criteri dell'intera struttura per affrontare i problemi comportamentali quando le loro cause variano da caso a caso.

La questione della violenza paziente-paziente non sarà risolta senza ulteriore attenzione. Solo in Canada, ci sono attualmente oltre 750.000 persone che vivono con demenza, un numero proiettato a raddoppiare in 15 anni. La crescente popolazione anziana deve essere presa in considerazione quando si attuano cambiamenti di bilancio e di formazione per le strutture di assistenza a lungo termine.

-Andrei Nistor, scrittore collaboratore, rapporto traumi e salute mentale.

-Editor dei bambini: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report.

Copyright Robert T. Muller.

Solutions Collecting From Web of "In assistenza a lungo termine, Violenza paziente-a-paziente in aumento"