In aria: balliamo?

Il film Up in the Air (2009) è assolutamente da non perdere. George Clooney interpreta il protagonista, Ryan Bingham, il cui lavoro è la gente del fuoco, un terminatore di posti di lavoro. Il suo lavoro richiede che sia in volo praticamente tutto il tempo. Scopre verso la fine del film che quello che era stato uno dei suoi scopi chiave della vita, la perdita delle relazioni, potrebbe essere un enorme errore.

Forse perdere o mantenere relazioni è anche problematico per la maggior parte delle persone nelle società moderne: il grado di equilibrio tra sé e gli altri. Non sembra essere una soluzione facile. Ancora oggi ci sono ancora quelli che servono gli altri fino al punto di trascurare se stessi. Ad esempio, nel matrimonio tradizionale, la moglie doveva essere fedele a marito e famiglia al punto da rinunciare a parti vitali di se stessa, come la sua rabbia e persino la sua intelligenza. Il sacrificio di sé si verifica ancora oggi, ma la dimensione di questo gruppo sta probabilmente diminuendo. Ryan Bingham rappresenta ciò che può essere una maggioranza sostanziale, quelli la cui priorità principale è il sé.

Il film, apparentemente basato su un romanzo (Kirn 2001), in realtà crea la propria trama e personalità per il protagonista. Il film ha in particolare ridimensionato la sua ripugnanza. Kirn's Ryan era completamente assorbito da se stesso, al punto di essere ignaro degli altri. Al suo peggio nel film, Ryan non è mai ignaro, ma si mette di fronte agli altri, ignorando ed evitando gli attaccamenti. Alla fine, arriva a mettere in discussione questa equazione e inizia a cambiare il suo atteggiamento e comportamento individualistico.

Ryan nel film non è un mostro come il protagonista del romanzo. Può essere visto come più di un uomo qualunque (e sempre più, ogni donna, come sempre più donne orientate verso le carriere). Molti di noi sono stati addestrati sul fatto che il progresso del sé dovrebbe essere il nostro obiettivo principale, anche se significa abbandonare luoghi e persone. Anche Ryan sembra non solo essere alienato dagli altri, ma anche dal sé. Forse è a causa della sua ripugnante professione di terminatore: intromettersi nelle vite delle persone solo il tempo necessario per licenziarle. I suoi affari occasionali e l'obiettivo insignificante di accumulare miglia aeree potevano servire come distrazioni dal dolore del suo lavoro, proteggendolo dal provare la vergogna e il senso di colpa che provengono dal ferire gli altri.

Il film può essere interpretato come un commento su ciò che i sociologi chiamano alienazione di massa: una società fatta di individui alienati dagli altri e dal sé. Soprattutto nelle organizzazioni e nelle città, molti di noi si rimbalzano l'un l'altro come palle da biliardo. Poiché le società moderne promuovono l'individualismo, abbiamo imparato a ignorare le relazioni e i problemi di relazione; sono più o meno invisibili. Tuttavia, mi sembra che l'alienazione di massa sia la causa ultima della maggior parte dei problemi cruciali che la nostra civiltà deve affrontare. Saluto i registi per aver tentato di richiamare alla nostra attenzione questo gigantesco problema.

Riferimenti

Kirn, Walter. 2001. Up in the Air. New York: Doubleday.

Reitman, Jason, (regista), e Reitman e Sheldon Turner (sceneggiatori) 2009. "Up in the Air".

Solutions Collecting From Web of "In aria: balliamo?"