"In a Different Voice" di Carol Gilligan rivisitato: su genere e moralità

Se ci iscriviamo alle teorie di Freud o di Piaget, potremmo concludere che, come risultato di alcuni sviluppi arcani nella prima infanzia o di un processo di socializzazione durante l'infanzia media, le ragazze maturano più lentamente e meno completamente nel ragionamento morale rispetto ai ragazzi.

I ricercatori successivi hanno fortemente dissentito. A metà degli anni '70, Norma Haan e Constance Holstein sostenevano che la moralità delle donne non era meno sviluppata, ma semplicemente diversa da quella degli uomini, e che si basava più sull'empatia o sulla compassione. La morale delle donne, hanno concluso, aveva un tono o uno stile diverso. . . o una voce diversa, come l'idea è stata articolata da Carol Gilligan, nel suo best-seller In a Different Voice (1982).

Gilligan ha trovato le giovani donne nella sua ricerca per essere meno certe delle loro analisi morali rispetto agli uomini. "Le donne si sono tradizionalmente rimandate al giudizio degli uomini", scrisse, "anche se spesso mentre intuiscono una loro sensibilità che è in contrasto con quel giudizio." Gilligan scoprì che le donne erano più inclini a considerare i problemi morali in termini di "cura". e responsabilità nelle relazioni ", piuttosto che con l'esame più tipicamente maschile di" diritti e regole ". Una moralità basata solo sulle regole, pensò, era incompleta e probabilmente diventava opprimente e dannosa.

Il libro di Gilligan è diventato un classico femminista, mentre la rivista Time l'ha consacrata come una delle 25 persone più influenti d'America per il 1995. Alcuni critici, tuttavia, hanno espresso preoccupazione per le possibili implicazioni del suo lavoro.

Almeno superficialmente, l'idea di Gilligan rafforza alcuni dei vecchi stereotipi sulle differenze di genere, e nel far ciò, potrebbe sembrare minare un'assioma del femminismo tradizionale: quel genere è una costruzione sociale. Gilligan stessa si ritrasse da un lungo dibattito sulle origini di tali differenze. "Trovo la domanda se le differenze di genere siano biologicamente determinate o socialmente costruite per essere profondamente disturbanti", ha protestato in una presentazione del 1993 al suo libro.

Inquietante o no, la domanda rimane, così come la preoccupazione sul fatto che il suo famoso libro rianima le nozioni morenti e gli stereotipi dannosi. Parlando di due stili diversi o "voci" o approcci alla moralità, non stiamo perpetuando stereotipi dannosi sul genere umano?

*

Di solito pensiamo agli stereotipi come eccessive semplificazioni eccessive applicate in modo mediocre. Ma se riusciamo a considerarli come generalizzazioni potenzialmente utili applicate gentilmente, allora mi piacerebbe esplorare ulteriormente la questione, ma concentrandomi sul genere dei mammiferi piuttosto che sul genere umano. Gli elefanti sono un esempio interessante se non altro perché maschi e femmine vivono in società separate che mostrano chiaramente alcune differenze comportamentali e di temperamento.

La segregazione sessuale avviene perché quando i maschi raggiungono l'adolescenza lasciano le loro famiglie natali, mentre le femmine rimangono. Questo riduce la probabilità di consanguineità e funziona perché gli elefanti si sono evoluti per farlo funzionare. I maschi probabilmente vogliono andarsene. Le loro madri e le altre femmine potrebbero essere contente di vederle andare. Ma le differenze di temperamento tra maschi e femmine sono evidenti fin dalla nascita, secondo gli studi condotti da Cynthia Moss e Joyce Poole nel Parco Nazionale Amboseli in Kenya.

Anche durante il loro primo anno, i maschi giocano più o meno delle loro controparti femminili, e per quattro anni i maschi iniziano a muoversi indipendentemente dalle loro madri, e sono più di una seccatura, spingono e fanno il prepotente con altri, per esempio. Le femmine restano più vicine alle loro madri e vengono coinvolte in "babysitter", giocando e prendendosi cura dei giovani del loro gruppo. All'inizio dell'adolescenza, i maschi si allontanano e si uniscono a un gruppo di scapoli o si aggirano da soli.

Nei gruppi di scapoli, i maschi adolescenti formano relazioni legate con altri maschi della loro taglia ed età, e sviluppano anche relazioni amichevoli e di mentoring con i grandi tori. Allo stesso tempo, iniziano a testare il dominio dell'altro.

Infatti, sia i maschi che le femmine formano relazioni dominanti con altri membri del loro stesso sesso. Per le femmine, però, il dominio è deciso da circostanze naturali. La femmina più potente, la matriarca, è l'individuo più anziano e più esperto, colui che conserva la memoria più piena degli ambienti sociali ed ecologici. Le femmine di elefanti, quindi, vivono in un familiare mondo familiare in cui il potere sociale è definito dalle circostanze e dal consenso, mentre i maschi entrano in un mondo meno familiare di estranei, dove il rango sociale è definito più per dimensioni, potenza e livello di testosterone.

A differenza delle femmine, i maschi continuano a crescere per la maggior parte della loro vita, il che rende enormi i maschi più grandi, quarantenni e cinquanta. Il più grande di loro misurerà fino a 13 piedi sulle spalle e peserà circa sei tonnellate, e la loro dimensione da sola – due volte quella della più grande femmina adulta o di un uomo di vent'anni – è sufficiente per garantire una deferenza adeguata agli altri .

Il testosterone è la wild card qui, dal momento che i maschi subiscono periodicamente ondate di ormoni maschili durante la fase di musth che possono trasformarli da creature normali e disinvolte in bestie furiose e pericolose. Pericoloso, cioè, per gli altri maschi, anche per i maschi un po 'più grandi, che in altre circostanze avrebbero la zanna superiore. I grandi maschi ogni tanto combattono ferocemente, tremando la terra, per avere accesso a una femmina fertile. Eppure il più delle volte non hanno bisogno di combattere, dato che di solito, durante la loro lunga esistenza da scapolo, hanno già stabilito una gerarchia di dominio. I maschi capiscono già, senza dover rischiare uno scontro fisico, chi è al vertice e chi no, anche quando viene trattata la fase musth.

Non voglio creare l'impressione, come spesso fanno gli stereotipi, che tutto possa essere spiegato molto semplicemente in termini fissi, o che le differenze tra maschi e femmine siano rigide e rigide. Katy Payne, un bioacustica della Cornell University, scrive in Silent Thunder: In the Presence of Elephants (1998) di aver visto due elefanti maschi riuniti a mezzogiorno in un caldo estremo in un deserto della Namibia. Uno era un toro molto grande, l'altro molto più piccolo e più giovane. Il piccolo uomo si appoggiò al grande maschio, al che il tizio sollevò l'orecchio come se stesse aprendo un parasole, un gigantesco ombrellone da spiaggia, che offriva ombra al suo compagno oscuro. I due si sono levati in piedi in quel modo, assonnati, aspettando a lungo il caldo sole "per molto tempo", riferisce Payne. È vero, il toro potrebbe aver migliorato la sua efficienza di auto-raffreddamento mantenendo l'orecchio alzato, ma allo stesso tempo proteggeva dolcemente e generosamente il suo piccolo amico dal calore e dalle possibili scottature.

Quindi i maschi formano attaccamenti emotivi. Ciononostante, credo che Payne sarebbe il primo a convenire che anche gli elefanti hanno sistemi di valori sensibili al genere che ricorderanno la nozione di Gilligan di diverse voci morali.

In realtà, Payne è venuto in Africa per ascoltare le voci degli elefanti. Dopo aver passato del tempo con gli elefanti dello zoo, cominciò a sospettare che quegli animali si comunicassero tra loro a livello informatico, cioè con suoni al di sotto della portata dell'udito umano. Così è andata in Africa portando registratori a nastro in grado di registrare l'ambiente infrasonico. Usando quell'equipaggiamento e lavorando con Moss e Poole, Payne iniziò ad ascoltare le voci degli elefanti, che includono una varietà complessa di sbuffi, rumori, ruggiti, muggiti, urla, trombe, insieme a "un lungo suono mezzo smorzato e mezzo stridulo. . . associato al gioco. "

Poole aveva precedentemente identificato 26 vocalizzazioni complesse dal punto di vista sonoro fatte da elefanti adulti, 19 dei quali erano prodotti solo da femmine, quattro solo da maschi, i restanti tre da entrambi. Quindi le femmine erano più attivamente vocali, con quasi cinque volte il vocabolario dei maschi; ma quando Payne iniziò ad analizzare le chiamate degli elefanti, capì anche che i maschi facevano solo chiamate individuali e solitarie, mentre le femmine spesso vocalizzavano in comune, con chiamate sovrapposte ea volte coriose. La distinzione era inconfondibile. Era come se, scrive, le donne iniziassero una frase con il pronome collettivo "Noi", mentre i maschi comunicavano sempre come l'io solitario.

Solutions Collecting From Web of ""In a Different Voice" di Carol Gilligan rivisitato: su genere e moralità"